Golden Globe, Meryl Streep sul suo disprezzo per Trump: “Umilia i più deboli”

di

L'attrice ha voluto ricordare anche l'amica Carrie Fisher.

CONDIVIDI
1k Condivisioni Facebook 1k Twitter Google WhatsApp
16548 1

Meryl Streep è durante la serata di consegna dei Golden Globe ha ricevuto il Cecil B. DeMille Award: arrivata sul palco l’attrice ha pronunciato un discorso nel quale ha espresso tutta la sua insofferenza verso il nuovo presidente Usa Donald Trump, ricevendo la standing ovation del pubblico.

“Vi amo tutti, ma dovete perdonarmi se ho perso la voce urlando e lamentandomi questa settimana e ho perso la testa un po’ di tempo prima quest’anno per cui dovrò leggere. Grazie Hollywood Foreign Press, giusto per sottolineare quello che ha già detto Hugh Laurie, voi e tutti noi apparteniamo alla categoria più diffamata in America. Pensateci: Hollywood, foreigners (stranieri), press (stampa). Chi siamo noi e cos’è Hollywood? Tante persone provenienti da posti diversi. Io sono nata, cresciuta ed educata nella scuola pubblica del New Jersey, Sara Palz è nata in Florida, cresciuta da una madre single a Brooklin, Sarah Jessica Parker era una di sette/otto figli in Ohio, Amy Adams è nata a Vicenza, Veneto, in Italia e Natalie Portman è nata a Gerusalemme, come attesta il suo certificato di nascita. E la bella Ruth Negga è nata in Etiopia e cresciuta in Irlanda ed è stata chiamata ad interpretare una ragazza delle Virginia. Ryan Gosling come tutte le persone più gentili è canadese e Dev Patel è nato in Kenya, cresciuto a Londra e chiamato ad interpretare un ragazzo indiano. Quindi Hollywood è piena di outsider e stranieri, per cui se dovessero cacciarli via non avreste altro da guardare che non sia football o arti marziali che non sono arte“.

“Mi hanno dato tre secondi per dire questo. Il lavoro di un attore è entrare nella vita di persone diverse da noi e farvi vivere ciò che sentono loro e ci sono state così tante performance quest’anno che hanno fatto proprio questo, ma ce n’è stata una in particolare che mi ha colpito, ma non in senso buono, ma ha raggiunto il suo scopo: far ridere il pubblico. È stato quando la persona chiamata a sedersi nel posto più rispettato del nostro Paese ha fatto l’imitazione di un reporter disabile, una persona che non poteva difendersi. Questo mi ha spezzato il cuore e non riesco a non pensarci perché non era in un film, ma era vita reale e questo istinto ad umiliare quando viene da qualcuno potente sembra dare il permesso ad altre persone di fare lo stesso. Mancanza di rispetto porta mancanza di rispetto, la violenza genera altra violenza. Quando i potenti usano la propria posizione per mettere altri a disagio perdiamo tutti. Questo mi porta alla stampa: abbiamo bisogno che la stampa ci sia per ogni oltraggio, per questo i nostri fondatori istituirono la stampa e la sua libertà. Per questo chiedo alla Foreign Press di continuare ad andare avanti perché noi abbiamo bisogno di loro e loro di noi per salvaguardare la verità”.

Inoltre Meryl Streep ha ricordato anche Carrie Fisher, l’attrice recentemente scomparsa:

“Ancora una cosa: quando un giorno ero sul set preoccupandomi della cena o di altre cose, Tommy Lee Jones mi disse: “Non è un privilegio essere un’attore, Meryl?”. Sì, lo è e dobbiamo ricordarcelo l’un l’altro del privilegio e della responsabilità. Dovremmo essere tutti consapevoli del privilegio di questo lavoro che stasera Hollywood premia. Come la mia amica, la mia cara amica venuta a mancare, ‘Principessa Leia’, una volta ha detto: prendi il tuo cuore spezzato e rendilo arte”.

Leggi   Big Gay Supper Club, le cene per promuovere la comunità LGBT
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...