Russia, bacio lesbico davanti al senatore della legge anti-gay

di

Si sono ritrovati sullo stesso aereo Mosca - San Pietroburgo ed è stato selfie con bacio

Si sono ritrovati sullo stesso aereo Mosca - San Pietroburgo ed è stato selfie con bacioRussia, bacio lesbico davanti al senatore della legge anti-gayFoto 1 - Si sono ritrovati sullo stesso aereo Mosca - San Pietroburgo ed è stato selfie con bacio
Russia, bacio lesbico davanti al senatore della legge anti-gay
Russia, bacio lesbico davanti al senatore della legge anti-gayFoto 2 - Si sono ritrovati sullo stesso aereo Mosca - San Pietroburgo ed è stato selfie con bacio
Russia, bacio lesbico davanti al senatore della legge anti-gay
Russia, bacio lesbico davanti al senatore della legge anti-gayFoto 3 - Si sono ritrovati sullo stesso aereo Mosca - San Pietroburgo ed è stato selfie con bacio
Russia, bacio lesbico davanti al senatore della legge anti-gay
Russia, bacio lesbico davanti al senatore della legge anti-gayFoto 4 - Si sono ritrovati sullo stesso aereo Mosca - San Pietroburgo ed è stato selfie con bacio
Russia, bacio lesbico davanti al senatore della legge anti-gay
4083 0

A volte il destino gioca brutti scherzi. Oppure bellissimi, a seconda della prospettiva. Com’è successo, ad esempio a due attiviste lesbiche russe che si sono ritrovate su un aereo proprio davanti al senatore Vitali Milonov, il promotore della legge contro la “propaganda gay”, di diverse campagne anti gay e degli arresti contro gli attivisti lgbt durante le olimpiadi di Sochi. Quale migliore occasione per scambiarsi un bacio?

Detto fatto: Kseniya (questo il nome di una delle due) e l’altra ragazza si sono baciate. Selfie scattato, pubblicato su Instagram e VK (il più noto social network russo) e diventato virale in men che non si dica.
Tra i passeggeri del Mosca – San Pietroburgo, il bacio non è passato inosservato e quando la foto ha cominciato a circolare anche fuori dalla Russia, Milonov non ha potuto non confermare l’autenticità delle immagini diffuse, compresa quella in cui lui usa il tablet per nascondersi dalla provocazione. Troppo tardi.

“Queste pazze idiote sono state così coraggiose – ha dichiarato Milonov – che dopo aver scattato la foto sono scappate alla fine dell’aereo, si sono sedute e non hanno più tirato fuori le loro teste fino alla fine del viaggio”. “Questi animali hanno offeso tutti i passeggeri – ha proseguito in una dichiarazione riportata da Zacks.ru – con questo gesto stravagante, terribile e disumano”.
“Per tutto il volo non ci ha detto niente – ha raccontato Kseniya -. Abbiamo scattato la foto davanti a lui e lui si è nascosto dietro il tablet, quando ha capito. Siamo felicissime. Lui un po’ meno, ma che importa!“.

Leggi   Il giornalista e attivista LGBT Ali Feruz tenta il suicidio: "Non voglio tornare in Uzbekistan"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...