In Italia arrivano gli svedesi Alcazar

di

Questo sabato saranno ospiti della discoteca Hub di Lucca. Abbiamo approfittato per incontrarli e fare qualche domanda al trio svedese dal sound così "gaio".

2378 0

È il trio più osannato nei locali gay di tutta Europa e le loro canzoni sono un "da-avere" in tutti gli Ipod. Con i loro successi hanno fatto ballare e ballare e ballare. Stiamo parlando degli Alcazar, la band svedese che col suo sound così orecchiabile e allegro sarà ospite questo sabato della discoteca Hub di Lucca.

Ma non è la prima volta che si esibiscono in Italia: l’ultimo concerto

si è tenuto lo scorso giugno dal palco del Gay Pride bolgnese. «Noi amiamo l’Italia! Ci siamo venuti molte volte, il vostro è un paese bellissimo e ogni volta ci siamo sentiti benvenuti. In più in Italia c’è la cucina migliore del mondo!» ci dice il bel Andreas. Oltre a lui ci sarà la bionda Tess mentre Magnus e Annikafiore hanno lasciato il gruppo. «Con loro non ci vediamo più molto spesso perché sia noi che loro siamo sempre molto impegnati col lavoro» continua Andreas – che svela il nuovo acquisto Alcazar dal nome italianissimo: Lina Hedlund.

Da "Crying at the discoteque" all’ultima "Inhibition" passando per

la gaissima "Alcastar" la carriera della band è costellata di successi. Ma chi decide a quale sound ispirarsi? «Decidiamo tutti insieme e cerchiamo sempre di trovare il "prossimo suono alcazar"!» dice Tess mentre i costumi «vengono scelto con diversi stilisti, a cui suggeriamo le nostre idee per la realizzazione»

Qual è il brano al quale siete più affezionati? «"We keep on rockin"

ha un suono veramente bello, è forse questa la nostra preferita» dice Andreas. Sentiremo anche questa all’Hub? «Certo, sentirete i nuovi e i vecchi successi degli Alcazar!».

Gli Alcazar saranno ospiti sabato 24 alla discoteca Hub di Lucca. Per info e contatti, visita il sito http://www.hub.fm

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...