«ODIO GLI EFFEMINATI!»

di

Un ragazzo in cerca di amicizie, deluso dalla comunità.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
1138 0
1138 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Caro Leo,

ieri sono andato all’Arcigay di Milano, esattamente per vedere il gruppo giovani. Io credevo che mi sarei trovato in tutt’altro ambiente ed invece mi sono trovato in un ambiente disgustoso. C’era uno squallido effemminato vicino a me che si comportava in una maniera artificiosa che neppure sul palco si assume (e poi si lamenta se in strada qualcuno gli viene vicino e gli dà del finocchio) ed un pervertito con i pantaloni bianchi trasparenti e sotto un paio di tanga (ed i tanga sono davvero da culo). Per fortuna qualcuno di non effemminato c’era (detesto i gay effemminati), però tutti a parlare di come esibirsi al Gay Pride… vestirsi da checche con le magliette rosa e/o a fiori… poi ci lamentiamo di Forza Nuova… certo che se alcuni di noi la provocano così è meglio non lamentarsene… se non fossimo così esibizionisti sempre più gente ci verrebbe appoggiare. A parte questo sull’Arcigay, mi da fastidio che come "segretaria" ci fosse un trans: ma io non sono venuto in una associazione per omosessuali? Non mi va che l’omosessualità venga confusa con la transessualità.

Detto questo, visto che questo gruppo è fatto così, io ora come faccio a conoscere altri coetanei gay? Io non ho intenzione di diventare un effemminato, non lo voglio essere, mi sento maschio al 100% e un gay effemminato è una contraddizione unica, soprattutto se è come quello che c’era che ama travestirsi da donne, però è misogino. Che cosa mi consigli caro Leo? Ora sono di nuovo costretto a conoscere altri coetanei gay tramite Internet? Temo di sì. Per fortuna che ho dei genitori che mi hanno accettato subito! Almeno questo mi rende felice. Ripeto di nuovo che non tornerò mai più all’Arcigay perché è un ghetto: e io non mi voglio ghettizzare in uno squallido gruppo gay (squallido come quello che ho visto). Mi sento malissimo… io speravo che avrei avuto la possibilità di stare in un gruppo in cui parlare liberamente di omosessualità… in pratica si parlava soltanto di sesso gay e di stronzate… e non mi facevano parlare! Io volevo dire le mie ansie ed i miei problemi e loro a parlare di come esibirsi al Gay Pride! Sai come mi sento ora? Vuoto!!! Completamente vuoto! Ed ora come faccio ad incontrare qualche altro coetaneo gay? Me lo sai dire? Ti prego aiutami… gli amici (etero) che ho senz’altro mi capiranno, però non c’è nulla di male a volere qualche amico gay con cui parlare di ragazzi… peccato che quelli che ho visto siano così! Mi sento vuoto… ti prego aiutami!

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...