Estranei è molto più di una storia d’amore gay

Il film queer con Paul Mescal e Andrew Scott è un viaggio nel tempo e una seduta di terapia.

ascolta:
0:00
-
0:00
Andrew Scott in Estranei (2023)
Andrew Scott in Estranei (2023)
3 min. di lettura

La prima volta che ho visto Estranei sono tornato a casa.

Letteralmente: ho preso un treno da Milano solo per guardarlo in anteprima al Festival del Cinema di Roma. Ma sono anche tornato a quando avevo otto anni e chiedevo sempre a mia madre di non addormentarsi prima di me. All’epoca se mi svegliavo e lei non c’era, mi alzavo e andavo a dormire nel letto insieme ai miei genitori. Ventun’anni dopo sono in grado di dormire senza mia madre, ma quella paura me la ricordo ancora bene.

Prima della proiezione ce ne stavamo tuttə strettə come sardine sulle (scomodissime) poltrone dell’Auditorium della Conciliazione in attesa di vedere Paul Mescal e Andrew Scott sullo schermo : niente spoiler, ma nei mesi precedenti un commento su Letterboxd aveva già fatto il giro dei social per dirci che “Scott fa qualcosa sul petto di Mescal da far impallidire la scena della pesca di Call Me By Your Name“. Vuoi mettere? A dieci chilometri da San Pietro? Chiamatela pure, la magia del cinema.

Ma ad un quarto d’ora dall’inizio, ci accorgiamo che la famigerata scena dura meno di 0.5 secondi, e ce la siamo già dimenticata. A discapito di quello che vi diranno, il nuovo film di Andrew Haigh non vuole farvi partire l’ormone: è la storia di Adam (Scott) un uomo che ogni tanto torna a trovare i suoi genitori, morti nel 1987 in un incidente d’auto quando aveva dodici anni. La casa dov’è cresciuto è come l’ha lasciata, insieme ai giochi in cameretta, l’albero di Natale in soggiorno, i Pet Shop Boys allo stereo.

È una storia di fantasmi, quelli che abbiamo incontrato una volta, e rimangono a infestarci a distanza di anni per chiederci: se potessi tornare indietro, cosa recupereresti? È una domanda rivolta a tuttə, ma se sei una persona queer tocca un nervo più scoperto di altri. Da piccolə a malapena avevamo le parole per spiegarle certe cose. Se appartieni ad una specifica generazione, e siete cresciutə in un contesto famigliare che quelle cose le conosceva solo tramite la televisione o “quello che si dice in giro”, forse ti sei abituatə “a scappare di continuo” come faceva Adam. “Moltə di noi sentono che i nostri genitori probabilmente sapevano che eravamo diversə già da piccolə, allora perché non ci hanno aiutato?” spiega il regista al TIME “Ma allo stesso tempo, non volevamo che ci aiutassero perché eravamo terrorizzati di cosa sarebbe accaduto se avessimo dichiarato chi eravamo”.

 

Claire Foy, Andrew Scott e Jamie Bell in Estranei (2023)
Claire Foy, Andrew Scott e Jamie Bell in Estranei (2023)

Quando trent’anni dopo Adam dice a sua madre che è gay non sembra proprio un coming out: è più un aggiornamento su come vanno le cose, un chiarimento con un genitore che se n’è andato troppo presto per conoscere quella parte di te. A differenza di Claire Foy, lei risponde come risponderebbero alcune mamme rimaste negli anni Ottanta: “Oh dio, e quella orribile, malattia mortale?” Niente paura, oggi le cose sono cambiate. Ma come glielo spieghi a tua madre morta che oggi non sei solo perché gay, ma perché basta un ricordo per sbloccare la stessa paura che provavi a dodici anni? Che la solitudine di quando eri bambino ti segue ovunque vai, anche quando non c’è più da nascondersi?

In questo senso Estranei è come una sessione di terapia di due ore: una macchina del tempo per smussare quelle parti di te che hai lasciato nell’armadio. Per accertarsi che ci siano anche bei ricordi, e snodare quel groviglio che ti porti dentro. È un film per chi che ha imparato a dormire da solə, ma ancora immagina che ci sia qualcunə ad aspettarlə tutta la notte. È un film che spezza il cuore, come alcune parti del passato che vanno sbloccate per andare avanti e aprirne di nuove. Poco importa chiedersi se quello che Adam sta vivendo sia fantasia, realtà, o parte un lungo sogno: a fine visione potreste risvegliarvi anche voi, e scegliere di non scappare più.

Estranei (All Of Us Strangers) è nei cinema italiani questo giovedì 29 Febbraio.

Qui potete leggere la nostra recensione in anteprima del film

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri - Specchio specchio delle mie brame la sexy gallery social vip - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri

Culture - Redazione 16.4.24
Angelina Mango è pronta per l'Eurovision Song Contest che si terrà a maggio in Svezia

Perché Angelina Mango può vincere Eurovision 2024

Musica - Emanuele Corbo 11.4.24
Marcella Bella e l'etichetta di "icona gay". A Belve non sa cosa significhi LGBT: "Lesbiche, gay, travestiti?" (VIDEO) - Marcella Bella a Belve - Gay.it

Marcella Bella e l’etichetta di “icona gay”. A Belve non sa cosa significhi LGBT: “Lesbiche, gay, travestiti?” (VIDEO)

Culture - Redazione 16.4.24
Dino Fetscher, vacanze d'amore a Roma con Chris Wilson. Le foto social - Dino Fetscher - Gay.it

Dino Fetscher, vacanze d’amore a Roma con Chris Wilson. Le foto social

Culture - Redazione 15.4.24
Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: "Ti amo immensamente" - heartstopper bradley riches engagement - Gay.it

Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: “Ti amo immensamente”

Culture - Redazione 11.4.24
Pietro Fanelli, Isola dei Famosi 2024

Pietro Fanelli, chi è il naufrago dell’Isola dei Famosi 2024?

Culture - Luca Diana 10.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

Sailor Moon Lamu stereotipi di genere

Così Sailor Moon, Lamù e lə altrə icone manga hanno sovvertito gli stereotipi di genere

Culture - Redazione Milano 26.3.24
Nuovo Olimpo su Netflix, ecco come sta andando il nuovo film di Ferzan Ozpetek - Nuovo Olimpo su Netflix 1 - Gay.it

Nuovo Olimpo su Netflix, ecco come sta andando il nuovo film di Ferzan Ozpetek

Culture - Redazione 8.11.23
Trace Lysette (ELLE)

Con o senza Oscar, Trace Lysette ha già vinto per la comunità trans*

Cinema - Redazione Milano 5.1.24
Saltburn fa rinascere Sophie Ellis-Bextor, è boom di streams per "Murder On The Dancefloor" - sophie ellis bextor saltburn copia - Gay.it

Saltburn fa rinascere Sophie Ellis-Bextor, è boom di streams per “Murder On The Dancefloor”

Musica - Redazione 10.1.24
raffaella-carra-opera-lirica

David 2024, c’è anche “Raffa” tra i candidati per il miglior documentario

Cinema - Redazione 26.1.24
Hari Nef sarà la leggendaria icona trans Candy Darling nel biopic prodotto da John Cameron Mitchell - Hari Nef Candy Darling - Gay.it

Hari Nef sarà la leggendaria icona trans Candy Darling nel biopic prodotto da John Cameron Mitchell

Cinema - Federico Boni 27.3.24
Nuovo Olimpo, parla Andrea Di Luigi: “Da etero nessun problema con un ruolo gay, l’amore è universale” - Andrea Di Luigi - Gay.it

Nuovo Olimpo, parla Andrea Di Luigi: “Da etero nessun problema con un ruolo gay, l’amore è universale”

Cinema - Redazione 13.11.23
Nyad, Annette Bening è l'atleta lesbica che nuotò da Cuba alla Florida. Il trailer - NYAD - Gay.it

Nyad, Annette Bening è l’atleta lesbica che nuotò da Cuba alla Florida. Il trailer

Cinema - Redazione 30.10.23