25 anni senza Audrey Hepburn

Nata in Belgio e morta in Svizzera, Audrey Hepburn era icona di stile, bellezza, eleganza.

25 anni senza Audrey Hepburn - Scaled Image 1 11 - Gay.it
2 min. di lettura

Il 20 gennaio di 25 anni fa, era il 1992, ci lasciava una delle più amate e celebri attrici del secolo scorso. Audrey Hepburn, vincitrice di due Oscar, tre Golden Globe, un Emmy, un Grammy Award, quattro Bafta, due Tony e tre David di Donatello.

Nata in Belgio e morta in Svizzera, la Hepburn era icona di stile, bellezza, eleganza. Un’attrice in grado di segnare due decenni, i ’50 e ’60, attraverso il proprio fascino, il proprio talento, la classe innata, il sorriso gentile, gli ipnotici occhi da cerbiatto. Musa di Givenchy, che la vestì da capo a piedi nei due cult movie Sabrina (1954) e Colazione da Tiffany (1961), Audrey ha vissuto una vita privata da dramma romantico. I 14 anni di matrimonio con Mel Ferrer, il figlio Sean, i due aborti spontanei, il colpo di fulmine per lo psichiatra italiano Andrea Dotti, il secondo matrimonio, il secondo figlio, il terzo aborto spontaneo, le conclamate e ripetute corna, l’addio e infine la convivenza con Robert Wolders, vedovo dell’attrice Merle Oberon. Inevitabile l’amore della comunità LGBT, da subito al fianco di questa donna così fragile e capace, delicata e garbata.

Negli ultimi anni diventata ambasciatrice Unicef, in prima fila nei confronti dei più deboli e bisognosi d’aiuto, con una decina di film Audrey è riuscita ad entrare nella leggenda di Hollywood, rimanendo nell’immaginario collettivo per decenni. Di fatto scappata da Los Angeles, con appena quattro pellicole negli ultimi 25 anni di vita, la Hepburn era tornata a vivere in Europa, in Svizzera, fino alla morte sopraggiunta a causa di un tumore al colon.

Una vita ricca di soddisfazioni personali ma tutt’altro che felice, segnata sin dall’infanzia vissuta senza un padre, che l’aveva abbandonata,  tra le bombe e i rastrellamenti nazisti della Seconda Guerra Mondiale. Povera e malnutrita, studiò danza e recitazione, fino al provino della svolta nel 1952, quando William Wyler preferì lei, assoluta sconosciuta, ad Elizabeth Taylor. L’iconica Principessa Anna di Vacanze Romane divenne realtà, catapultandola nell’Olimpo. Il resto è Storia.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
cantalupo75 20.1.18 - 16:35

Nel film Arianna c'è una scena in cui raggiunge Gary Cooper in una camera d'albergo e si sfila i guanti in una manera che ho trovato molto erotica, solo con quel gesto sembrava si fosse già spogliata completamente. Trovo che a livello interpretativo la prova migliore sia in uno dei suoi ultimi film "Gli occhi della notte" davvero notevole. Per chi vuole sentirla parlare in italiano si può ancora trovare su YouTube un'intervista di un vecchio programma degli anni '80 di rai1 che si chiamava Tg L'Una. Qualche anno fa da Tiffany sulla quinta strada l'unica cosa che ho trovato a ricordarla in cinque piani di negozio era un libro fotografico quasi nascosto in uno scaffale, chissà che non colgano questa ricorrenza per omaggiarla più calorosamente.

Trending

Roberto Bolle in vacanza con l'amato Daniel Lee e la sua famiglia - Roberto Bolle in vacanza con Daniel Lee e la sua famiglia - Gay.it

Roberto Bolle in vacanza con l’amato Daniel Lee e la sua famiglia

Culture - Redazione 11.7.24
Arcobaleno Busca B&B discriminazione omofobia

“Non accettiamo omosessuali”: Cuneo, coppia gay rifiutata in un B&B, abbiamo telefonato, ecco cosa ci hanno detto

News - Giuliano Federico 10.7.24
Temptation Island 2024

Temptation Island, Raffaella Mennoia svela alcuni retroscena del docu-reality di Canale 5

Culture - Luca Diana 11.7.24
Il matrimonio del mio migliore amico (1997)

Il tuo fruity boyfriend non ti salverà

Lifestyle - Riccardo Conte 12.7.24
Intervista a Laika, autrice del gigantesco murale dedicato a Michela Murgia: "Per guardare al futuro insieme a lei" - Laika e Michela Murgia - Gay.it

Intervista a Laika, autrice del gigantesco murale dedicato a Michela Murgia: “Per guardare al futuro insieme a lei”

Culture - Federico Boni 11.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24

Hai già letto
queste storie?

Reneé Rapp in Mean Girls (2024)

Regina George di Mean Girls è queer? Risponde Reneé Rapp

Cinema - Redazione Milano 16.1.24
Mara Sattei nel nuovo singolo "Tempo" in uscita il 19 Aprile, campiona un vecchio successo dei primi 2000 delle t.A.t.U.

Mara Sattei nel nuovo singolo “Tempo” campiona le t.A.T.u. che si finsero lesbiche: ma che fine hanno fatto?

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
Bianca Antonelli è voce del collettivo ASIABEL

Tra egomania e lesbiche vere, la musica di Asiabel è un diario aperto: l’intervista

Musica - Riccardo Conte 5.4.24
Giornata della Visibilità Lesbica: perché ricordarla

Giornata della Visibilità Lesbica: perché ricordarla

Culture - Riccardo Conte 26.4.24
Daria Kasatkina Tennis LGBTI Russia

Chi è Daria Kasatkina, tennista LGBTI russa che critica la Russia di Putin e solleva dubbi sulla finale WTA in Arabia Saudita

Corpi - Francesca Di Feo 30.4.24
The Challenger, Kristen Stewart sarà l'astronauta Sally Ride nella sua prima serie tv - The Challenger Kristen Stewart sara lastronauta lesbica Sally Ride nella sua prima serie tv - Gay.it

The Challenger, Kristen Stewart sarà l’astronauta Sally Ride nella sua prima serie tv

Serie Tv - Redazione 11.6.24
Julia Fox fa coming out? "Mi dispiace tanto ragazzi, sono lesbica" (VIDEO) - Julia Fox - Gay.it

Julia Fox fa coming out? “Mi dispiace tanto ragazzi, sono lesbica” (VIDEO)

Culture - Redazione 10.7.24
Billie Eilish arriva in concerto in Italia

Billie Eilish e la vagina: “Innamorata delle ragazze da sempre, ecco come l’ho capito”. Annunciata l’unica data italiana del tour

Musica - Emanuele Corbo 30.4.24