4 motivi per cui l’incontro di Milano è stato un autogol degli omofobi

Il prete accusato di pedofilia in sala è solo uno dei clamorosi errori. Eccoli tutti.

4 motivi per cui l'incontro di Milano è stato un autogol degli omofobi - flash mob sentinelli 1 - Gay.it
4 min. di lettura
4 motivi per cui l'incontro di Milano è stato un autogol degli omofobi - angelo antinoro - Gay.it

Nelle settimane e nei giorni che hanno preceduto il convegno “Difendere la famiglia per difendere la comunità”, contro il quale molte sono state le polemiche, sia per l’uso del logo di Expo che per il ruolo di organizzatore della Regione Lombardia, i relatori hanno respinto con forza l’accusa di omofobia che da più parti si rivolgeva loro. All’indomani del convegno non possiamo non constatare che è stata tutta fatica sprecata. Perché? Analizziamo quello che è accaduto in quella sala e scopriremo che ci sono almeno quattro dati inconfutabili che lo confermano.

1) Un ragazzo, uno studente, ha tentato di fare un intervento per cercare un confronto, come racconta lui stesso qui . Un intervento fatto prima delle conclusioni, quando tutti i relatori avevano già potuto esprimere il loro pensiero senza nessuna interruzione. Il risultato? Coloro che si appellano al diritto di dire quello che si pensa (fosse anche discriminatorio nei confronti di migliaia di persone) hanno prima urlato contro Angelo Antinoro, questo il nome del ragazzo, e poi lo

4 motivi per cui l'incontro di Milano è stato un autogol degli omofobi - amicone urla - Gay.it

hanno allontanato con la forza. Dal tavolo della presidenza si sente distintamente Luigi Amicone, (il direttore di Tempi, quello che ha denunciato come un atto intimidatorio una scritta apparsa sul muro dell’edificio che ospita la sua redazione, per intenderci) dire “sei venuto qui a rompere le palle” e ” vai, vai a cagare”.

2) Come se non bastasse, prima che Angelo venisse allontanato dal palco, Ignazio La Russa, uno che è stato Ministro della Repubblica e che adesso si fregia del titolo di Onorevole, gli ha urlato contro “culattone”. In un paese civile, uno di quelli in cui i diritti di tutti sono garantiti e tutelati, qualcuno avrebbe già preteso le scuse ufficiali, se non le dimissioni di La Russa. Ma tant’è.
Ma neanche questo è tutto. (Al minuto 1.08 del video, l’urlo di La Russa)

3) A margine del convegno, il presidente della Regione Lombardia, lo stesso che aveva rassicurato il consigliere unico di Expo Giuseppe Sala dichiarando che si sarebbe dissociato se avesse sentito “cose strampalate”, ha fatto sapere che non era per niente intenzionato a “farsi fermare da quattro

4 motivi per cui l'incontro di Milano è stato un autogol degli omofobi - jesuispirla - Gay.it

pirla”. D’altro canto, stiamo parlando di uno degli alleati storici di colui che definì “coglioni” gli italiani che avrebbero votato per il partito avversario alle elezioni successive. È questa, da molti anni ormai, la cifra comunicativa di una certa politica, la stessa che poi, però, è pronta ad accusare di intolleranza chi le fa notare la sua omofobia. I “quattro pirla”, tanto per capire di cosa parliamo, sarebbero le oltre 2000 persone riunite in piazza Einaudi , poco distante dalla sede del convegno, che hanno manifestato non contro la famiglia tradizionale (sulla cui definizione, per altro ci sarebbe molto da discutere, come ci ha spiegato la professoressa Vassallo ), ma a favore dei diritti, dell’uguaglianza, dell’amore, del rispetto. E l’hanno fatto con colori, musica, gioia. Buona parte di loro, va sottolineato, sono lombardi, quindi cittadini che Roberto Maroni rappresenta e governa.

4) Il colpo di grazia che trasforma definitivamente in un clamoroso autogol il convegno è emerso in serata. La sindaca di Crema Stefania Bonaldi (Pd) e dell’onorevole Franco Bordo (Sel) hanno denunciato che tra il pubblico del convegno, seduto proprio dietro Roberto Maroni e Roberto Formigoni c’era don Mauro Inzoli. Secondo quanto riporta

4 motivi per cui l'incontro di Milano è stato un autogol degli omofobi - inzoli convegno milano - Gay.it

al tweet del giornalista di Repubblica che riporta la notizia e che ribadisce che si trattava proprio di Don Inzoli, come confermato dagli stessi organizzatori. Ora bisognerebbe chiedere ai difensori della famiglia tradizionale e dei diritti dei bambini se siano questi i loro padri spirituali, quelli a cui affidare la difesa dei più piccoli, i modelli a cui ispirarsi.

4 motivi per cui l'incontro di Milano è stato un autogol degli omofobi - flash mob sentinelli - Gay.it

Da una parte, dunque, c’era un presidente della Regione che ha insultato i propri cittadini (dimostrando anche qualche problema a far di conto), un membro del parlamento che ha dato del “culattone” ad un ragazzo che voleva fare una domanda (e che non aveva neanche detto di essere gay, per altro) e un convegno che ospita un prete accusato di pedofilia, per stessa ammissione del Vaticano. Dall’altra, invece, c’era una folla gioiosa che chiedeva alla propria classe politica semplicemente di avere gli stessi diritti di tutti per le proprie famiglie, i propri figli e le proprie esistenze. Questo è il quadro di quanto successo ieri a Milano. Poi ognuno decide da che parte stare. Ma dovrà deciderlo anche Expo, dato che Maroni ha fatto sapere che intende organizzare un altro convegno simile proprio nell’ambito dell’Esposizione Universale. E questa volta ha modo e tempo per intervenire in maniera efficace con il dovuto anticipo, dato che le pur nette prese di posizione postume contro l’uso del logo non hanno sortito alcun effetto.

di Caterina Coppola

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
Marco Mengoni insieme a Fra Quintale e Gemitaiz canta "Un fuoco di paglia" di Mace, nell'album MAYA. Nel ritornello, Marco si rivolge ad un amore con una desinenza di genere maschile.

Marco Mengoni, una strofa d’amore a un uomo

Musica - Mandalina Di Biase 19.4.24
free willy, locali gay amsterdam

“Free Willy”, il nuovo locale queer ad Amsterdam dedicato agli amanti del nudismo

News - Redazione 19.4.24
Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido "fr*cio di merd*" - Federico Fashion Style - Gay.it

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido “fr*cio di merd*”

News - Redazione 19.4.24
Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24
Guglielmo Scilla, intervista: "Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima" - Guglielmo Scilla foto - Gay.it

Guglielmo Scilla, intervista: “Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima”

Culture - Federico Boni 18.4.24

Leggere fa bene

angelo duro omosessuale

Il monologo di Angelo Duro intriso di omofobia: gay che dovrebbero picchiare omofobi, r*cch*oni eccetera – VIDEO

Culture - Redazione Milano 31.10.23
Roberto Vannacci Paola Egonu Matteo Salvini

Vannacci sospeso dall’Esercito Italiano, Egonu lo querela, Salvini lo difende

News - Giuliano Federico 28.2.24
La Cassazione rigetta il ricorso di Pillon. Definitiva la condanna per diffamazione ai danni di un'associazione LGBTQIA+ - Simone Pillon - Gay.it

La Cassazione rigetta il ricorso di Pillon. Definitiva la condanna per diffamazione ai danni di un’associazione LGBTQIA+

News - Redazione 23.11.23
Perugia, in otto a processo per insulti omofobi sui social: “Odiare costa!” - Perugia Pride 2019 - Gay.it

Perugia, in otto a processo per insulti omofobi sui social: “Odiare costa!”

News - Redazione 26.1.24
Taylor Fritz, accuse di omofobia social. Cosa è successo e la replica del tennista - Taylor Fritz 1 - Gay.it

Taylor Fritz, accuse di omofobia social. Cosa è successo e la replica del tennista

Corpi - Redazione 21.2.24
Ambrogino d'Oro 2023 a Pucci, autore di battute omofobe su Zorzi e insulti a Schlein. Albiani: "È una porcata" - andrea pucci - Gay.it

Ambrogino d’Oro 2023 a Pucci, autore di battute omofobe su Zorzi e insulti a Schlein. Albiani: “È una porcata”

News - Federico Boni 16.11.23
arezzo-whynot-chiuso

Arezzo, chiusa la serata queer WhyNot per troppi episodi di violenza verbale omobitransfobica

News - Francesca Di Feo 21.3.24
Milano, cancellato il convegno neofascista e omobitransfobico con i leghisti Pillon e Romeo - Homo Occidentalis - Gay.it

Milano, cancellato il convegno neofascista e omobitransfobico con i leghisti Pillon e Romeo

News - Redazione 31.1.24