Abracadabra, la parola magica che mette in scena Mario Mieli

Cinque date a Milano per riscoprire uno dei padri (e madri) nobili più contestati e dimenticati del movimento LGBT italiano.

Irene Serini Mario Mieli abracadabra
2 min. di lettura

Irene Serini e Maurizio Guagnetti portano a teatro Mario Mieli: l’attivista e filosofo LGBT dimenticato in Italia e studiato all’estero.

Come si racconta Mario Mieli? Omosessuale scandaloso per gli omosessuali, una vita enorme terminata prematuramente, un’esistenza ancorata a quegli anni ’70 dove tutto è politica, ma innegabilmente contemporanea. Un’intelligenza luminosa caduta nell’ombra. Molti dei contorni del soggetto Mario Mieli sono già qui, ma come si racconta il suo pensiero?

Con quest’impresa si misura “Abracadabra. Incantesimi di Mario Mieli, il mago del gender” di Irene Serini e prodotto Maurizio Guagnetti, che arriva nel suo secondo studio al Teatro Out Off di Milano dal 10 al 15 aprile. Prima parte di un progetto artistico più ampio, in cantiere c’è anche un docufilm da finanziare con il crowdfunding, che vorrebbe restituirci le idee dell’attivista LGBT milanese dopo decenni di oblio.

Serini, che è anche regista e attrice dello spettacolo, non è nuova ad affrontare il tema della sessualità sul palco, come già avvenuto con ‘Moana: Porno Revolution’.
Qui però non si parte dalla vita caleidoscopica e irriducibile del protagonista, ma da un testo piuttosto denso, il celebre ‘Elementi di Critica Omosessuale’: “Non è un libro pop, si tratta pur sempre di una tesi di laurea, ma l’ho ritrovato durante una giornata di influenza e mi ci sono trovata immersa – ha ricordato Serini – Mi ha educato non a una prospettiva differente ma a vedere le cose diversamente”.

Anche nello spettacolo ci si trova improvvisamente immersi, stavolta all’interno di un cerchio magico che vuole aprirci ad ogni possibilità offerta all’essere umano, perché questo è ciò che di ardentemente contemporaneo si ritrova in Mario Mieli: “Io non parlo quasi mai del suo orientamento sessuale – spiega Serini – Mieli andava certamente dicendo che esiste l’omosessualità e che non va censurata, ma l’attualità del suo pensiero sta nell’affermazione della natura transessuale della persona. Un concetto oggi diventato molto specifico, ma che al tempo per lui voleva dire indagare se stessi in termini di maschile e femminile senza limitare la propria identità. Smettendo di considerarla un limite all’incontro con l’altro”.

“Chi dimentica questo e si concentra sulle sue provocazioni – continua Serini facendo riferimento ai passaggi in cui si parla di coprofagia e della sessualità dei bambini fa una critica insensata e macchiettistica che non tiene conto né dell’epoca in cui scriveva Mieli né della natura di queste argomentazioni nel suo pensiero”.

E allora noi, in attesa dello spettacolo, diciamo bentornato sulla scena italiana a Mario Mieli. Con la stessa provocante soddisfazione con cui, in una delle poche interviste disponibili, Mieli rispondeva così a chi gli chiedeva le ragioni del suo vestirsi da donna: “Perché mi piace e mi fa stare bene”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il messaggio di Federico Massaro per il fratello transgender

Culture - Luca Diana 29.2.24
Roberto Vannacci e Marco Mengoni a Sanremo con un pantalone di Fendi

Vannacci attacca il Pride e irride Marco Mengoni per la gonna che è un pantalone

News - Giuliano Federico 1.3.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24

I nostri contenuti
sono diversi

Alessandro Magno, il docudrama Netflix sostiene la bisessualità del mitico re di Macedonia - Alessandro Magno - Gay.it

Alessandro Magno, il docudrama Netflix sostiene la bisessualità del mitico re di Macedonia

Serie Tv - Federico Boni 2.2.24
Addio al filosofo Gianni Vattimo, deceduto al fianco dell'amato Simone Caminada - gianni vattimo e simone - Gay.it

Addio al filosofo Gianni Vattimo, deceduto al fianco dell’amato Simone Caminada

News - Redazione 20.9.23
in disgrazia del cielo e della terra

Un libro che illumina gli amori omosessuali nella letteratura: In disgrazia del cielo e della terra

Culture - Federico Colombo 25.9.23
alan turing biografia gay

Alan Turing, finalmente una statua celebrativa al Kings College di Cambridge ma è polemica sul risultato finale

Culture - Redazione 31.1.24
Centro di Documentazione Aldo Mieli storia lgbtq storia queer

Storia Queer, che passione! È nato un nuovo centro di documentazione: intervista a Luca Locati Luciani

Culture - Alessio Ponzio 25.9.23
Transatlantic bridges: Corrado Cagli, 1938-1948

Corrado Cagli, l’artista queer che voltò le spalle al regime fascista, in mostra a New York – GALLERY

Culture - Redazione Milano 9.11.23
transhistorymonthcalifornia

Dall’Agosto 2024 la California celebrerà il Transgender History Month

News - Alessio Ponzio 12.9.23
Maestro (Netflix, 2023)

Maestro: la vera storia di Leonard Bernstein e Felicia Montealegre

Culture - Riccardo Conte 4.12.23