Brunei, proteste davanti agli hotel di Roma e Milano per dire basta alla lapidazione per i gay – foto

A Roma è comparso persino un più che simbolico arcobaleno, proprio davanti l’hotel di proprietà del sultano del Brunei.

Domenica di proteste, pacifiche, tra Roma e Milano.

Davanti agli hotel Eden di Roma e Principe di Savoia di Milano, entrambi di proprietà del milionario sultano Haji Hassanal Bolkiah, si sono tenuti due sit-in per dire basta all’atroce codice penale appena introdotto.

Il sultano ha infatti imposto la sharia nel proprio Paese, che prevede la lapidazione per le persone omosessuali. Decine di manifestanti hanno sfidato la pioggia, che ha imperversato tanto al nord quanto al centro, per rilanciare il boicottaggio internazionale ideato da George Clooney nei confronti dei nove hotel occidentali di Haji Hassanal Bolkiah, due dei quali presenti proprio in Italia.

Due fiaccolate colorate, poco chiassose ma decise, per accendere l’attenzione del Bel Paese nei confronti di quanto sta avvenendo in Brunei.A segnare il sit-in capitolino, come se persino il cielo avesse voluto attivamente partecipare, un più che simbolico arcobaleno.

Ti suggeriamo anche  Brunei, il Parlamento europeo condanna il retrogado codice penale: "non si può punire l'amore"