Cambio sesso: in Toscana è più facile

di

Ancora un'iniziativa a favore dei transessuali in Toscana. Specialisti ed esperti al servizio di chi vuole cambiare sesso. E a Lucca c'è il progetto pilota del partner accanto...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1407 0

Dal consultorio all’ospedale, dallo psicologo alle visite spiecialistiche, il passaggio di cambio sesso per le persone transessuali richiede tempo, denaro e pratiche lunghe. Per questo, in Toscana è nato il percorso integrato, per dare a chi si avvicina alle pratiche per accedere al cambio sessoun percorso semplice e completo.

La delibera del Consiglio Regionale è già pronta e andrà all’esame della giunta nelle prossime settimane.

L’assessore regionale alla sanità Enrico Rossi spiega così l’iniziativa: «Mettere in condizioni i cittadini che vivono un disagio profondo rispetto al proprio orientamento sessuale, di riconciliarsi con il loro corpo è il minimo richiesto a una vera politica dei diritti». «Garantire a tutti – prosegue l’assessore – la libera espressione dei propri stili di vita, e degli orientamenti sessuali, è un dovere e la più piena espressione della laicità delle istituzioni.»

La Toscana è una Regione all’avanguardia nella lotta contro le discriminazioni sessuali e dopo l’apporvazione della delibera aggiungerà un altro tassello all’impegno del Conasiglio regionale per la tutela della salute psicofisica delle persone gay, lesbiche e transessuali.

Non molto tempo fa, infatti, lo stesso Consiglio aveva approvato quella che venne chiamata la "carta prepagata per i transessuali", cioè una somma di 2.500 euro che la Regione mette a diposizione a chi avvia l’iter per il cambio di sesso – e cioè quando i soggetti richiedenti sono più esposti al rischio emarginazione – in modo che il soggetto possa partecipare ad attività formative.

Per quanto riguarda la tutela dei soggetti transessuali, altre iniziative sono state prese dalle singole ASL. L’ospedale di Lucca, ad esempio, ha avviato il progetto che apre alla presenza del partner accanto al letto di chi si opera per cambiare sesso. Nell’ospedale di Careggi è già dispnibile un percorso integrato che mette a disposizione del transessuale una équipe di psichiatri, psicologi, andorologi, endocrinologi.

Leggi   TDoR: la giornata internazionale per ricordare le vittime di transfobia
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...