Napoli, nasce il primo sportello per gay e trans in carcere

L’iniziativa che coinvolge la casa circondariale di Poggioreale, Arcigay Napoli e l’Università Federico II è la prima del suo genere in Italia.

“Al di là del muro”: così si chiama il protocollo che istituirà il primo sportello italiano per detenuti gay e transgender. Due categorie di reclusi che più di altri possono soffrire le condizioni imposte dal regime carcerario.

L’accordo tra Arcigay Napoli, Università Federico II e il carcere campano di Poggioreale, che ospita il maggior numero di detenuti in Europa, prevede l’apertura di uno sportello per offrire consulenza e ascolto ai detenuti LGBT e al personale penitenziario.

Carcere di Poggioreale

Tra gli obiettivi di “Al di là del muro” il contrasto alla diffusione delle malattie sessualmente trasmissibili, la promozione del rispetto delle differenze e la sensibilizzazione del personale su questione legate all’orientamento e al genere sessuale. Con quest’azione Arcigay Napoli punta anche a garantire ai detenuti LGBT un successivo percorso di reinserimento sociale attraverso la propria rete territoriale.

“È un accordo importantissimo – hanno dichiarato a Repubblica Antonello Sannino e Daniela Falanga, presidente e responsabile diritti per le persone trans di Arcigay Napoli – una società più equa e più giusta parte proprio da quei luoghi, come il carcere, dove troppo spesso si assiste a una sospensione dei diritti inviolabili dell’individuo e dove, purtroppo, si vive in condizioni di estrema sofferenza umana e sociale”.

Storie

Milano Pride 2020: un ALTRO PRIDE nella forma ma non nella sostanza

L’edizione 2020 di Milano Pride sarà contraddistinta da un programma di eventi virtuale che contribuirà attivamente alla ripresa della città con un’attività di fundraising.

di Federico Boni