“Bandiera Rosa”, il film di Lamberti su Mario Mieli cerca fondi online

Sul sito IndieGoGo è iniziata la campagna di finanziamento online per produrre la commedia di Mariano Lamberti sullo storico attivista gay milanese. Sarà incentrata sul suo periodo londinese

"Bandiera Rosa", il film di Lamberti su Mario Mieli cerca fondi online - mieli bandiera rosa 1 - Gay.it
3 min. di lettura
"Bandiera Rosa", il film di Lamberti su Mario Mieli cerca fondi online - mieli bandiera rosa1 - Gay.it

“Geniale, innovativo, vero”. Così l’affabile regista romano Mariano Lamberti, in partenza per Barcellona dove sta per uscire la sua spigliata commedia queer “Good As You”, già ben accolta in Francia, ci definisce il protagonista del suo prossimo film, la commedia “Bandiera Rosa”. Nientemeno che il milanese Mario Mieli (1952-1983), uno dei primi attivisti gay italiani, cofondatore dello storico movimento Fuori! e autore di quel fondativo “Elementi di critica omosessuale” che ha gettato le basi per la teoria queer e fu tradotto in varie lingue: si trattava della sua tesi di laurea in filosofia morale pubblicata da Einaudi nel 1977. Per realizzare ‘Bandiera Rosa’, Lamberti ha trovato un produttore spagnolo disposto a credere al progetto, la Kyo Film, e ha lanciato una campagna di crowdfunding, ossia di finanziamento online, sul sito di Indiegogo dove è possibile vedere anche uno spassoso trailer con lo strepitoso Marcello Cesena nei panni di un produttore becero e un breve assemblaggio documentaristico con materiali di repertorio.

"Bandiera Rosa", il film di Lamberti su Mario Mieli cerca fondi online - mieli bandiera rosa2 - Gay.it

“Bandiera Rosa” sarà incentrata sul periodo londinese di Mieli e su un ventenne, Giovanni, in fuga dal suo paesino del napoletano alla ricerca di un cugino nella capitale inglese dove conoscerà Mario e ne rimarrà fatalmente affascinato.
“Da tanto tempo volevo fare un film su Mario Mieli – ci spiega Lamberti -. La sceneggiatura firmata da me e Riccardo Pechini era già stata pubblicata nel 2010. Mario Mieli è una delle poche icone civili e tragiche del movimento italiano omosessuale per le quali si è battuto e a modo suo si è immolato. Non è Harvey Milk, che era più politicizzato, ma come lui ha qualcosa di eroico. Mi interessa riscoprire la sua storia attraverso un rapporto tra maestro e discepolo col ventenne Giovanni. Gli insegna a vedere la realtà con altri occhi. Mieli era dotato di una forza eversiva e innovativa, aveva questo di geniale: fare sul proprio corpo quello che lui teorizzava. Si vestiva da donna, era un personaggio estremo, forte e vero. A soli 23 anni era uscito per Einaudi col saggio “Elementi di critica omosessuale” che storicizzava per la prima volta il movimento gay”.

"Bandiera Rosa", il film di Lamberti su Mario Mieli cerca fondi online - mieli bandiera rosa3 - Gay.it

“Bandiera Rosa sarà una commedia di finzione sul ‘gaio comunismo’ – continua Lamberti -, ossia la sua critica diretta e frontale alle società dei consumi. Faceva discorsi molto moderni che si rivolgerebbero perfettamente ai giovani d’oggi. Nella questione transgender era molto avanti, fu il primo a parlare di transessualità e di teoria queer. Mieli era capace di riunire in sé con sconcertante naturalezza elementi apparentemente contrastanti: la disarmante intelligenza e la provocazione estrema, l’acuta visione politica e la sfrenata utopia, il raffinato intellettuale e l’oltraggioso clown. Le sue teorizzazioni sulla liberazione dell’uomo, in un mix esplosivo di analisi marxiste e riletture gay della psicanalisi, diventavano micidiali exploit contro ogni verità socialmente imposta come i ruoli sessuali e la famiglia.
Ma il suo suicidio a soli trent’anni ne dimostrò l’estrema fragilità: era troppo estremo per il movimento gay a cui dedicò la sua vita e lui si fece da parte. Poi ci fu una storia d’amore andata male e il rifiuto di Einaudi di pubblicare un suo romanzo”.

"Bandiera Rosa", il film di Lamberti su Mario Mieli cerca fondi online - Mieli mario - Gay.it

“Giovanni sarà interpretato dall’attore romano Giulio Forges Davanzati – conclude Lamberti – ma non ho ancora trovato chi impersonerà Mario Mieli: sarà una scommessa. Tratteremo soprattutto il periodo londinese, quello di formazione politica. Era la Swinging London dei primi anni Settanta, un periodo incredibilmente stimolante, in cui i giovani fermenti riempivano le strade e ogni confine culturale era costantemente messo in discussione e demolito, alla continua ricerca di un terreno comune su cui fondare le proprie utopie. Immaginiamo questo ragazzo, Giovanni, che si reca a Londra conquistato da “Il Risveglio dei Faraoni”, l’autobiografia sotto acido di Mieli: un libro delirante che la famiglia sequestrò. Il suicidio l’abbiamo immaginato in maniera poetica”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Jakub Jankto coming out

Jakub Jankto: “Agli altri calciatori gay dico di fare coming out. Non abbiate paura, non succede nulla”

Corpi - Redazione 17.4.24
Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24
Omosessualità Animali Gay

Animali gay, smettiamola di citare l’omosessualità in natura come sostegno alle nostre battaglie

Culture - Emanuele Bero 18.4.24
Sandokan, c'è anche Samuele Segreto nella serie Rai con Can Yaman, Ed Westwick e Alessandro Preziosi - Sandokan - Gay.it

Sandokan, c’è anche Samuele Segreto nella serie Rai con Can Yaman, Ed Westwick e Alessandro Preziosi

Serie Tv - Redazione 18.4.24
Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24

Leggere fa bene

The Room Next Door, Tilda Swinton e Julianne Moore per il primo film in lingua inglese di Pedro Almodovar - The Room Next Door Tilda Swinton e Julianne Moore per il primo film in lingua inglese di Pedro Almodovar - Gay.it

The Room Next Door, Tilda Swinton e Julianne Moore per il primo film in lingua inglese di Pedro Almodovar

Cinema - Federico Boni 25.1.24
Joker 2 sarà un musical o no? Budget da 200 milioni e cachet da 12 milioni per Lady Gaga - Joker 2 - Gay.it

Joker 2 sarà un musical o no? Budget da 200 milioni e cachet da 12 milioni per Lady Gaga

Cinema - Redazione 22.2.24
Il Colore Viola (2024)

“Il Colore Viola”, tutto quello che sappiamo sulla nuova versione (anche) queer

Cinema - Redazione Milano 10.1.24
will smith Duane Martin gay relazione outing bel air

“Will Smith e la relazione gay con Duane Martin”, outing dell’assistente Bilal

Cinema - Mandalina Di Biase 15.11.23
300, arriva il sequel con Alessandro Magno gay: "Sarà omoerotico e super sessuale" - 300 1 - Gay.it

300, arriva il sequel con Alessandro Magno gay: “Sarà omoerotico e super sessuale”

Cinema - Redazione 5.12.23
damiano gavino gay it domanda etero gay

Damiano Gavino risponde sul proprio orientamento affettivo e dà una lezione ai furbetti dei click

Cinema - Mandalina Di Biase 1.11.23
Trace Lysette in MONICA (2022)

Independent Spirit Awards 2023, pioggia di nomination LGBTQIA+. Trace Lysette candidata come miglior attrice

Cinema - Redazione Milano 6.12.23
I film LGBTQIA+ della settimana 5/11 febbraio tra tv generalista e streaming - Film tv - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 5/11 febbraio tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 5.2.24