Call Me By Your Name, la pellicola di Luca Guadagnino che ha convinto la Berlinale

“È un idillio, contano la sensibilità e l’intimità più che l’atto sessuale”-

Call Me By Your Name, la pellicola di Luca Guadagnino che ha convinto la Berlinale - guadagnino - Gay.it
2 min. di lettura

Applausi convinti hanno accolto alla Berlinale la prima europea di Call Me By Your Name diretto da Luca Guadagnino e tratto dall’omonimo romanzo gay cult di André Aciman.

La nuova pellicola di Luca Guadagnino è stata presentata all’interno della sezione laterale Panorama e quindi, purtroppo, non correrà per l’Orso d’Oro. Dopo il successo di pubblico e critica al Sundance Film Festival si tratta di una conferma.

Call Me By Your Name, la pellicola di Luca Guadagnino che ha convinto la Berlinale - Call Me By Your Name conferenza stampa - Gay.it

“Direi che il genere in cui incapsulo questo film è l’idillio – ha spiegato Guadagnino in conferenza stampa – che in realtà non è un genere. Non vedo molti organi in un idillio. Conta la sensibilità e la percezione delle cose più che l’azione, in cui è più importante l’intimità che l’atto sessuale in se stesso”.

Riguardo alla sceneggiatura, scritta dal regista insieme a Walter Fasano e James Ivory, con cui si sono visti spesso nella casa di Guadagnino a Crema, è proprio quest’ultimo a spiegare: “Non c’è stata una vera pianificazione alla base, nessuna particolare strategia. Volevamo rendere il film più semplice possibile, evitare una natura invasiva perché i personaggi potessero esprimersi a pieno e respirare. Volevamo che il cast si sentisse libero da ogni sovrastruttura”.

Call Me By Your Name, la pellicola di Luca Guadagnino che ha convinto la Berlinale - Call Me By Your Name photocall - Gay.it

“Il sentimento di amicizia e le emozioni che sono nel film le abbiamo provate sul serio – continua l’attore Armie Hammer che nel film interpreta l’americano Oliver di cui s’innamora, ricambiato, un ragazzo italiano, Elio, in un’estate in campagna, negli anni Ottanta -. Sono comuni a tutti, superano ogni barriera. In questo Luca ci è stato di grande aiuto. Abbiamo praticamente fatto insieme tutto quello che c’è nel film: siamo andati in giro con la bici per Crema, abbiamo ascoltato musica… “ “Non abbiamo fatto proprio tutto insieme…!” lo interrompe l’altro attore, Timothée Chalamet, tra le risatine dei giornalisti. “Sì, è vero! Siamo persone che prendono il loro lavoro seriamente e hanno davvero apprezzato l’opportunità di lavorare con Luca e tutti gli altri”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Giovanni Di Colere 14.2.17 - 14:01

Aiuto ci sono già i francesi con il loro cinema a rifare da 30 anni periodicamente sempre lo stesso film sulla "educazione sentimentale" del giovane imberbe i deciso tormentato e tormentante (cit. Arthur Rimbaud) che seduce il o la adulto/a con la sua devastating beauty o beauté maudite. Non si può fare a meno di sto genere? Ah no.. bisogna pur lanciarli sti attori.

Trending

L'artista marziale Bryce Mitchell istruirà suo figlio a casa perché "a scuola diventerebbe gay" (VIDEO) - Bryce Mitchell - Gay.it

L’artista marziale Bryce Mitchell istruirà suo figlio a casa perché “a scuola diventerebbe gay” (VIDEO)

Corpi - Redazione 24.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
BigMama date estive

BigMama parte per il “Pride Tour”: tutte le date per un’estate nel segno dell’orgoglio

Musica - Emanuele Corbo 24.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024 - Teddy Award 2024 film - Gay.it

Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024

Cinema - Federico Boni 22.2.24
GLORIA! (2024)

Le ragazze ribelli di Gloria! Tutto sul primo sovversivo film di Margherita Vicario

Cinema - Redazione Milano 22.2.24
20.000 specie di Api, arriva l'acclamato film che esplora il tema dell'identità di genere in età adolescenziale - 20.000 specie di Api - Gay.it

20.000 specie di Api, arriva l’acclamato film che esplora il tema dell’identità di genere in età adolescenziale

Cinema - Redazione 1.12.23
Bruce LaBruce The Visitor Berlinale - Gay.it

La rivoluzione queer è una liberazione, Bruce LaBruce con ‘The Visitor’ alla Berlinale

Cinema - Redazione Milano 21.2.24
Berlino 2024, i vincitori del Teddy Award. All Shall Be Well miglior film LGBTQIA+ - All Shall Be Well - Gay.it

Berlino 2024, i vincitori del Teddy Award. All Shall Be Well miglior film LGBTQIA+

Cinema - Federico Boni 26.2.24