Chiamami col tuo nome 2? Per Luca Guadagnino è ancora possibile

Il regista ha di nuovo parlato dell'atteso e chiacchierato secondo capitolo del celebre film: "Ma non chiamatelo sequel".

ascolta:
0:00
-
0:00
call me by your name 2
call me by your name (Luca guadagnino 2017)
3 min. di lettura

State ancora aspettando il sequel di Chiamami col tuo nome? Non demordete, la possibilità è ancora dietro l’angolo. Parola di Luca Guadagnino.

Il regista palermitano – fresco di premiere a Venezia ’79 del suo ultimo lungometraggio Bones and All (di cui potete leggere la nostra recensione in anteprima qui), in arrivo nelle sale il prossimo 23 Novembre e già amatissimo da pubblico e critica – sta ancora prendendo in considerazione di realizzare un sequel del suo celebre capolavoro del 2017. Anche se ci tiene a sottolineare che “sequel” non è la parola esatta. “Quella di sequel è un concetto tutto americano” ha detto in una recente intervista al Telluride Film Festival, definendo ancora una volta i due film come un “ciclo”: “Si tratta piuttosto delle cronache di Elio, le cronache di un ragazzo che diventa un uomo. È qualcosa che voglio fare“.

Il secondo capitolo rivedrebbe di nuovo l’amatissimo Timothée Chalamet nel ruolo di Elio, diciassettenne che durante un estate del 1983 tra le campagne del Nord Italia, si innamora e fa spezzare il cuore dal bel Oliver (Armie Hammer): “Penso che abbiamo entrambi la sensazione di poter lavorare insieme alla cosa giusta” ha detto Guadagnino parlando dell’attore “Sin dall’inizio con Timothée, ha reso chiaro di farmi sentire come se appartenessi a quel gruppo di persone, dove nulla di quello che avrei fatto sarebbe stato brutto, e se avessi avuto ogni tipo di insicurezza ne avrei potuto parlare con lui e mi avrebbe confortato. C’è questo canale sicuro che condividiamo senza giudizio”.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Timothée Chalamet (@tchalamet)

Non è la prima volta che Guadagnino accenna alla possibilità di riprendere in mano la storia: nel 2018 aveva parlato di un sequel ambientato nel 1989 a Parigi, anticipando una scena d’apertura che avrebbe ripreso il noto finale del primo capitolo, con Elio che piange davanti il caminetto acceso: “Ci chiediamo se siamo ancora dove l’abbiamo lasciato? Davanti il caminetto? No: piange perché sta guardando il finale di uno dei film più belli degli anni ’80, il capolavoro di Paul Vecchiali “Once More“. Sempre durante il lockdown del 2020, Guadagnino dichiarò di voler lavorare ad una trasposizione cinematografica di Find Me, secondo romanzo scritto da André Aciman lo stesso anno, e di aver già trovato un nuovo sceneggiatore a sostituire il premio Oscar James Ivory (dichiaratosi non più interessato alla storia).

Tuttavia la genesi del film ha subito un brusco cambio di rotta, soprattutto dopo le accuse dell’attore Armie Hammer nel 2021: accusato da innumerevoli donne di abusi sessuali e psicologici – con tanto di messaggi a sfondo cannibalistico che hanno fatto il giro del web – allontanandolo da ogni progetto in lavorazione (in seguito si cominciò a speculare che lo stesso Bones and All fosse ispirato dalll’intera brutta vicenda di Hammer, ma Guadagnino non ha esitato a smentire: “Questo progetto – che è tratto da un libro famoso – è stato in fase di sviluppo molti anni prima che Dave Kejganich me lo mostrasse nel 2020″ disse Guadagnino a Deadline “Qualsiasi allusione ad altri fatti esiste soltanto all’interno dei social media, con i quali io non ho niente a che fare. La relazione con questi rastrellamenti digitali ed il nostro desiderio di fare il film è inesistente, e dovrebbe essere accolto con un’alzata di spalle. Preferirei parlare di quello che il film ha da dire, piuttosto che di cose che non hanno niente a che vedere con esso“).

cast di bones and alll
Luca Guadagnino con Taylor Russell e Timothee Chalamet a Venezia ’79 (Getty Images)

Sempre nel 2021, Guadagnino dichiarò che il film sarebbe stato al momento messo in sospeso, spiegando di volersi dedicare ad altri progetti e che al momento non ci fossero condizioni adatte per il set.

Ma oggi una luce di speranza si riaccende e chissà forse prima o poi avremo modo di rivedere Elio sul grande schermo e (ri) immergerci nel suo mondo.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

11 sportivi lgbt

Sport e comunità LGBTIQ+: 14 storie che devi conoscere

News - Gio Arcuri 18.6.24
Carmine Alfano, le frasi choc del candidato sindaco di Torre Annunziata: "I ricchi*ni nel forno crematorio" - Carmine Alfano - Gay.it

Carmine Alfano, le frasi choc del candidato sindaco di Torre Annunziata: “I ricchi*ni nel forno crematorio”

News - Redazione 18.6.24
Ian McKellen ricoverato in ospedale - Ian McKellen e John Falstaff - Gay.it

Ian McKellen ricoverato in ospedale

Culture - Redazione 18.6.24
Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing

Mahmood fa “RA TA TA” con un velo palestinese che ha un significato

Musica - Mandalina Di Biase 13.6.24
Cyndi Lauper e la rivalità anni '80 con Madonna: “Mi sarebbe piaciuto averla come amica" - Cyndi Lauper e la rivalita anni 80 con Madonna - Gay.it

Cyndi Lauper e la rivalità anni ’80 con Madonna: “Mi sarebbe piaciuto averla come amica”

Musica - Redazione 18.6.24
Katy Perry nuovo singolo

Katy Perry annuncia il singolo “Woman’s World” e punta a tornare nell’Olimpo del pop. Ascolta il teaser

Musica - Emanuele Corbo 18.6.24

Hai già letto
queste storie?

I SAW THE TV GLOW (2024)

I Saw The TV Glow è il film horror trans* che aspettavamo?

Cinema - Riccardo Conte 25.1.24
I film LGBTQIA+ della settimana 11 marzo/17 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 11 marzo/17 marzo tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 11.3.24
Riley, recensione. Essere un atleta gay. Il potente coming-of-age autobiografico di Benjamin Howard - OFF Riley 03 CourtesyofWindsorFilmCompany 1 - Gay.it

Riley, recensione. Essere un atleta gay. Il potente coming-of-age autobiografico di Benjamin Howard

Cinema - Federico Boni 20.4.24
David 2024, boom C'è Ancora Domani con 19 nomination. Due candidature per Stranizza d'Amuri - Ce ancora Domani e Stranizza - Gay.it

David 2024, boom C’è Ancora Domani con 19 nomination. Due candidature per Stranizza d’Amuri

News - Federico Boni 3.4.24
Rosso, bianco e sangue blu 2, il sequel è ufficiale. Tornano Nicholas Galitzine e Taylor Zakhar Perez - foto Rosso bianco e sangue blu 2 - Gay.it

Rosso, bianco e sangue blu 2, il sequel è ufficiale. Tornano Nicholas Galitzine e Taylor Zakhar Perez

Cinema - Redazione 10.5.24
I più dolci e indimenticabili baci queer del 2023 tra serie tv e cinema - Baci 2023 - Gay.it

I più dolci e indimenticabili baci queer del 2023 tra serie tv e cinema

Serie Tv - Federico Boni 22.12.23
Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024 - Teddy Award 2024 film - Gay.it

Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024

Cinema - Federico Boni 22.2.24
Paul Mescal e la scena di sesso orale con Andrew Scott in Estranei - All of Us Strangers (VIDEO) - All of Us Strangers - Gay.it

Paul Mescal e la scena di sesso orale con Andrew Scott in Estranei – All of Us Strangers (VIDEO)

Cinema - Redazione 26.1.24