Casale Monferrato, cattolici contro spettacolo LGBT per le scuole: “I gay diffondono l’AIDS”

Lo spettacolo, patrocinato dal Comune, è stato disertato dalle scuole.

Casale Monferrato, cattolici contro spettacolo LGBT per le scuole: "I gay diffondono l'AIDS" - casale - Gay.it
2 min. di lettura

Le scuole superiori di Casale Monferrato (Alessandria), con quelli che facilmente risultano essere pretesti burocratici, non hanno voluto aderire a un’iniziativa promossa dalla Regione Piemonte: uno spettacolo teatrale – Comuni marziani – della compagnia teatrale “Tecnologia Filosofica” e patrocinato dal Comune, avente come tema la questione dell’identità di genere e le possibilità LGBT, intese come uno dei modi di vivere la sfera affettiva. Uno spettacolo che ha esplicitamente l’obiettivo di favorire una cultura della tolleranza e dell’accettazione delle diversità: in particolare il progetto mirava alla prevenzione di fenomeni di discriminazione che spesso accadono tra i giovani nelle scuole e vengono nascosti e non denunciati.

Lo spettacolo destinato ai ragazzi e alle ragazze delle scuole superiori – ha dichiarato Monica Cerutti, assessora ai Diritti Civili della Regione Piemonte – sarebbe in programma a Casale Monferrato mercoledì mattina 8 febbraio, ma apprendo dai giornali che i presidi degli istituti superiori casalesi non intendono aderire all’iniziativa in quanto avrebbero ricevuto la comunicazione troppo tardi per inserire l’appuntamento nel calendario degli eventi.

Se la motivazione fosse davvero questa che leggo sui giornali, probabilmente dovuta ad un malinteso o a un errore di comunicazione, mi viene da dire che basta rinviare l’iniziativa di qualche mese o al prossimo anno scolastico e il problema è già risolto. Ma quello che più mi ha fatto sobbalzare sulla sedia – prosegue l’assessora – sono i toni utilizzati nell’articolo: “un’iniziativa moralmente problematica”, “in effetti, l’educazione gender dei bambini e dei giovani e la normalizzazione dell’omosessualità è ciò che ha destato la preoccupazione maggiore”, “per questo, l’Osservatorio Gender lo ha definito un «martellante e capillare piano di educazione al gender diktat globale»”. 

“Ci sarebbe da ridere se non fosse per la gravità del fatto che nel 2017 si sia ancora costretti a dover leggere frasi come queste sui giornali”, ha commentato Cerutti. Inoltre stamattina su Il Monferrato la situazione è degenerata. Margherita Borsalino, presidentessa del Movimento per la Vita, ha rilasciato alcune dichiarazioni molto gravi. Secondo Borsalino educare alle differenze sessuali e di genere è sbagliato perché l’omosessualità non è naturale ed è anzi una condizione patologica: porta alla malattia – AIDS in primis – e inevitabilmente necessita di “prevenzione farmaceutica“.

Casale Monferrato, cattolici contro spettacolo LGBT per le scuole: "I gay diffondono l'AIDS" - 16296137 10202783422542856 1108081480 n - Gay.it

Sul territorio si è acceso un vero e proprio scontro tra le varie associazioni coinvolte: un caso circoscritto ma che è assai rappresentativo di una contrapposizione assai viva in questo momento nel Paese.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Harald 2.2.17 - 3:17

I cristiani, i cosiddetti credenti non sono persone che si pongono domande, se non quelle sulla fedeltà alla propria fede, sulla giusta, sempiterna osservanza dei dettami di essa. Chi dice a un bambino, nell’ipocrita tentativo di tenerlo, tanto che non rompa le scatole, che “se non sta buono, babbo natale non gli porterà un bel niente”, compie un’opera di indottrinazione, impone al bambino – facendo in lui balenare il piacere di una ricompensa, ipotetica, finché non si verificherà, cioè traendolo in inganno – la indubitabile credenza dell’esistenza di un tizio - il babbo natale - che porta doni ai buoni sempre se si compiono dei precisi doveri. Se in tutta la sua esistenza, nessuno gli dirà mai – magari fornendogliene le prove - che babbo natale non esiste, egli non dubiterà mai che quello viva ed esista realmente e magari morirà convinto di essere sempre stato un buon eterno bambino. Orbene, questo è tutto ciò che accade ai credenti, essi non si pongono minimamente domande, e continuano a comportarsi come hanno fatto nell’infanzia, cioè accettando acriticamente ciò che i genitori, o chi per loro, diceva loro, senza esigere le eventuali prove a sostegno delle affermazioni imposte loro. Un tempo correva l’affermazione, derivante dai Greci, che la mente del bambino è tabula rasa su cui il tempo e le inevitabili esperienze della vita incidono i loro segni. Tanto più giovani si è, tanto minori esperienza si possiedono, che, in fondo, costituiscono quale materiale conoscitivo acquisto, la pietra di paragone su cui si misurano e si giudicano le sopravvenienti esperienze. Insomma, sappiano del colore bianco, perché esiste il nero che ne è il contrario. L’umana esperienza, cioè la coscienza - come atto pratico – di ciò che facciamo è caratterizzata dalle opposte duplicità come lo sono le facce di una medaglia. Se si hanno delle nozioni sul platonismo, si può leggere, per un discorso più ampio, il “Trattato sull’intelletto umano” di John Locke. A uno che abbia una certa esperienza filosofica, può accadere che, dopo aver letto la prima frase – l’incipit - del primo capitolo che dice “Non esistono idee innate”, può benissimo gettare il libro alle ortiche e andarsene per i fatti suoi, non tanto perché la pigrizia mentale lo abbia assalito, quanto perché è ciò che accadrebbe al lettore moderno e che sappia di filosofia, tranne, poi, a raccogliere il libro e a leggerselo per intero. Se progresso umano si è avuto durante i duemila anno in cui l’humana species ha preso coscienza di sé, questo è sempre stato ottenuto in opposizione al nullificante immobilismo dei dogmi religiosi, la cui perseverante accettazione è solo possibile mediante la più completa rinuncia a una sana e giusta razionalità, unico mezzo che possediamo per difenderci dai reali – perché accertati - pericoli che ci minacciano. Oggi, proprio per evitarli, quei pericoli minacciosi, non è più possibile, nel ricercarne le cause, non attenersi all’uso di accertati metodi sperimentali, i cui risultati non sono mai definitivi, poiché essi possono essere validamente corretti – sarebbe un precisare la mira sul bersaglio - dalle future e inevitabili ricerche. I credenti, invece, non hanno il tarlo del dubbio, non sentono l’esigenza del porsi delle domande – ben inteso quelle che tendiamo farci per ottenere una risposta al perché dei fenomeni che attraversano la nostra vita -, in ciò dimostrando uno spesso dannoso e criminale atteggiamento – quasi sempre inconscio nei più – ossessivamente avversatore nei confronti di chi non condivida i loro dogmi che, specie nel passato, si è realizzato mediante cruentissime stragi di intere popolazioni, o in processi farsa contro coloro - detti eretici - che non erano dei giusti osservanti dei dettami religiosi. Da qui, la naturale e inevitabile conclusione del rifiuto - spesso esplicantesi in un accanimento criminalmente persecutorio -, del credente di accettare ogni altra idea sugli oggetti e sui concetti astratti e immaterialmente esistenti della sua fede.

Avatar
cassiopea lineri 27.1.17 - 23:17

Libertà è anche non aderire a questo spettacolo....

    Avatar
    Anto Salerno 28.1.17 - 15:46

    Ma per favore.. Se voi cattolici avete monopolizzato la scuola. Crocifisso nelle aule.. . Con l ora di religione, i Precetti Pasquali e natalizi.. Visite degli ecclesiastici e via elencando.. Ma NON SI VERGOGNA?? Altro che libertà questa è IPOCRISIA ALLO STATO PURO.. E Cmq stia tranquilla che anche se volete continuare a nascondere l omosessualità i vostri figli la PRATICANO LO STESSO con i loro amici di scuola.. Nei bagni vi è solo sesso gay tra compagni di classe.. Oppure basta accendere una chat gay.. O ancora fanno i marchettari facendo sesso gay a pagamento.. Questa è la realtà latente che volete continuare a nascondere..

    Avatar
    Maurizio 30.1.17 - 18:24

    In teoria nessuno è obbligato a vedere niente, in pratica è il PERCHÈ che fa la differenza, come anche i bambini dovrebbero sapere! Se io dovessi appunto spiegare a un bambino di 5 anni cos'è la libertà, gli direi che mentre io posso essere libero di mangiare o meno un certo cibo, non altrettanto il mafioso è libero di delinquere, lo spacciatore di spacciare o l'omofobo di aggredire. Quindi, dire "Ognuno è libero di far ciò che vuole" (spiegherei sempre al bambino di 5 anni) va valutato partendo dal COSA e dal PERCHÈ, se no sono discorsi stupidi. Supponendo che lei abbia superato tale età evolutiva, mi chiedo SE PER CASO, lei viene qua (cioè su un sito gay, cioè a casa mia!) sostenendo il suo concetto di "libertà" perchè d'accordo con quella donna che scrive sul Monferrato che io sarei INNATURALE, PORTATORE DI MALATTIE E NECESSITO DI PREVENZIONE FARMACOLOGICA!!! Perchè se così fosse lei e quell'altra "signora" state delirando e per giunta, ripeto, a casa mia! E oltrettutto animate dal buon gusto di sostenere tali idee proprio quando si sono appena commemorate le vittime (non solo nostre ma anche nostre!) trucidate dai nazifascisti! Per cui, se così fosse, che dire? Che facevamo volentieri a meno della sua presenza!!!

Trending

Marta Fascina e Marina B. Forza - Italia

Le malignità di Forza Italia: Marta Fascina deve lasciare il partito, ma non finché c’è Marina B.

News - Mandalina Di Biase 28.5.24
Simona Fatima Cira Aiello

Chi è Simona Aiello donna trans candidata con Giorgia Meloni e Fratelli d’Italia alle comunali

News - Mandalina Di Biase 28.5.24
10 attori e attrici trans ad hollywood

10 star della comunità trans* che stanno rivoluzionando Hollywood

Cinema - Gio Arcuri 23.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Chi è Karla Sofía Gascón, prima attrice trans a trionfare a Cannes e presto in un film con Vladimir Luxuria - Karla Sofia Gascon 1 - Gay.it

Chi è Karla Sofía Gascón, prima attrice trans a trionfare a Cannes e presto in un film con Vladimir Luxuria

Cinema - Redazione 27.5.24
Marco Mengoni e Angelina Mango, arriva il duetto

Marco Mengoni duetta con Angelina Mango nell’album “poké melodrama”: svelati tutti gli ospiti

Musica - Emanuele Corbo 27.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

Lorenzo Licitra è Gesù in Jesus Christ Superstar, la prima foto ufficiale - Lorenzo Licitra e Gesu - Gay.it

Lorenzo Licitra è Gesù in Jesus Christ Superstar, la prima foto ufficiale

Culture - Redazione 28.2.24
Holland Taylor e la dolcissima reazione alla prima nomination ai Tony dell'amata Sarah Paulson - Sarah Paulson festegglia gli 80 anni dellamata Holland Taylor - Gay.it

Holland Taylor e la dolcissima reazione alla prima nomination ai Tony dell’amata Sarah Paulson

Culture - Redazione 2.5.24
Tootsie, Paolo Conticini sarà Dorothy a teatro - Tootsie Paolo Conticini sara Dorothy a teatro - Gay.it

Tootsie, Paolo Conticini sarà Dorothy a teatro

Culture - Redazione 30.4.24
Desmond Fambrini

Sei maschio o femmina? Le risposte dellə docente non binary

Lifestyle - Redazione Milano 5.3.24
krystilia hepporn drag queen

Insegnante di giorno, drag queen di sera: intervista a Krystilia Hepporn

Culture - Gio Arcuri 9.5.24
Sono nata libera: intervista a Eva Robin’s - Sessp 39 - Gay.it

Sono nata libera: intervista a Eva Robin’s

Culture - Federico Colombo 23.2.24
scozia-educazione-affettiva

Educazione affettiva nelle scuole, ecco cosa fanno in Scozia

News - Francesca Di Feo 23.4.24
Cuneo Pride 2024: sabato 1° giugno - cuneopride 1 1 - Gay.it

Cuneo Pride 2024: sabato 1° giugno

News - Redazione 28.4.24