Charlize Theron e la lotta all’HIV-AIDS nel suo Sudafrica: “Ci penso tutti i giorni”

Il premio Oscar parla dei suoi impegni e dei suoi obiettivi in lacrime.

Charlize Theron e la lotta all'HIV-AIDS nel suo Sudafrica: "Ci penso tutti i giorni" - charlize theron 3 - Gay.it
2 min. di lettura

Charlize Theron ha un desiderio: aiutare a debellare l’HIV dalla sua terra, l’Africa.

L’attrice premio Oscar, cresciuta in Sudafrica a fine anni ’80, ha infatti fondato nel 2007 il Charlize Theron Outreach Project Africa, che supporta le comunità locali e i programmi per la prevenzione dall’HIV adottati di area in area. “Dobbiamo poter agire subito e trovare finalmente la forza di dire che ne abbiamo abbastanza, quando è troppo è troppo. Poniamo fine a questa storia” ha dichiarato all’AFP durante la sua recentissima visita in Africa.

Charlize Theron e la lotta all'HIV-AIDS nel suo Sudafrica: "Ci penso tutti i giorni" - charlize theron 1 - Gay.it

I numeri, del resto, sono impietosi. Il 19,2 % della popolazione sudafricana è positiva al virus (circa 6,8 milioni di malati accertati) e le persone più a rischio sono i giovanissimi: due milioni di bambini, inoltre, sono orfani a causa del virus che uccide le loro giovani madri (dati delle Nazioni Unite). In 16 anni di lotta, il Paese è riuscito comunque a mettere in piedi il più grande programma al mondo di farmaci antiretrovirali, che garantisce a 3,5 milioni (poco più della metà dei malati) cure gratuite.

La sua volontà è ferrea: “La mia opinione personale è che non fermeremo mai l’AIDS se ci limitiamo a curarlo una volta che si presenta. Non puoi aspettare che la gente si infetti. Dobbiamo investire nei ragazzi giovani ed educarli”. L’obiettivo, condiviso con l’Organizzazione Mondiale della Sanità, è quello di debellare la malattia entro il 2030.

Charlize Theron e la lotta all'HIV-AIDS nel suo Sudafrica: "Ci penso tutti i giorni" - charlize theron 2 - Gay.it

Lo scorso anno aveva dichiarato: “La diffusione del virus in Africa è imputabile al sessismo, alla povertà e all’omofobia”. E non ha cambiato idea: “Assolutamente no! Dobbiamo capire perché la gente si infetta. Dobbiamo prendere queste persone e spiegar loro che si può evitare di contrarre l’AIDS e che non è obbligatorio diventare positivi all’HIV. È l’unico modo”.

In lacrime, Charlize confessa: “Ci penso tutti i giorni”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

teen-star-educazione-affettiva-sessuale

Teen Star, infiltrazioni di integralismo cattolico nella scuola italiana, i genitori ritirano i figli

News - Francesca Di Feo 19.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24
BigMama

BigMama vola a New York, interverrà all’Assemblea generale delle Nazioni Unite: le ultime news

Musica - Luca Diana 20.2.24
Bruce LaBruce The Visitor Berlinale - Gay.it

La rivoluzione queer è una liberazione, Bruce LaBruce con ‘The Visitor’ alla Berlinale

Cinema - Redazione Milano 21.2.24
thailandia-matrimonio-egualitario

La Thailandia verso il matrimonio egualitario: approvazione del disegno di legge entro fine anno

News - Francesca Di Feo 19.2.24

Leggere fa bene

PrEP Camp Roma

Ma ne sai abbastanza sulla PrEP? A Roma il primo residenziale gratuito: iscriviti!

Corpi - Redazione 6.9.23
hiv aids stigma momenti storici lady diana fernando aiuti elthon john madonna liz taylor angela lansbury

Gli indimenticabili momenti storici contro lo stigma dell’hiv

Corpi - Federico Boni 29.11.23
hiv italia dati ISS 2023

Hiv ecco i nuovi dati Italia: nuove diagnosi, troppo tardive, e ancora troppi morti di AIDS

Corpi - Francesca Di Feo 21.11.23
madonna elton

Perché Elton John si complimenta con Madonna: è finita la faida?

Culture - Redazione Milano 31.10.23
milano checkpoint

5 anni di Milano Check Point, tra prevenzione e sensibilizzazione

Corpi - Redazione Milano 13.10.23
libri hiv stigma Rebecca Makka Hervé Guibért Giulia Scomazzon Elena Di Cioccio

Oltre lo stigma Hiv: libri, narrazioni e discorsi

Culture - Federico Colombo 30.11.23
Freddie Mercury e Diana Spencer, ricordando quando sono andati insieme ad un club gay

Quella volta che Lady Diana si travestì da uomo gay insieme a Freddie Mercury

Culture - Redazione Milano 21.11.23
prepcamp viiv healthcare

PrEP oltre gli stereotipi, ecco “come mi ha migliorato la vita”: le storie vere di Claudia, Marcello, Carlotta e Lorenzo – VIDEO

Corpi - Daniele Calzavara 20.11.23