PrEP in Italia, ecco le novità dall’ultima conferenza italiana sull’AIDS

Risultati abbastanza incoraggianti, ma c'è ancora molto da fare per una completa implementazione della profilassi nel nostro paese.

ascolta:
0:00
-
0:00
prep icar hiv aids
prep icar hiv aids
3 min. di lettura

Si è conclusa da pochi giorni ICAR2023 , la 15 Conferenza Italiana sull’AIDS e la Ricerca che quest’anno aveva come claim From prevention to cure: ready for new challenges. Il convegno si è svolto a Bari e per la prima volta, a rappresentare la community delle persone che vivono con Hiv, è stato un presidente transgender, il bravissimo Miki Formisano.

Durante le tre giornate baresi c’è stata una grandissima partecipazione: 700 medici da tutta italia, quasi 400 giovani ricercatori e 150 rappresentati della community italiana hanno presentato più di 500 abstract (lavori di ricerca scientifica e/o sociale), più di sempre.

Tra i temi di maggiore attenzione e vicini alla nostra comunità c’è senza dubbio quello della PrEP, la profilassi pre esposizione da Hiv, da poco diventata rimborsabile grazie alla decisione di fine aprile di AIFA.

Per capire di più rispetto allo stato dell’arte della PrEP, Marco Falaguasta di PLUS Roma, insieme con il collettivo PrEP in Italia e con il supporto incondizionato di ViiV Healthcare, ha elaborato un report di raccolta dati su tutto il territorio nazionale. I risultati solo abbastanza incoraggianti, ma sottolineano quanto ancora ci sia da fare per una completa implementazione della profilassi nel nostro paese.

All’indagine hanno risposto 47 centri italiani presso il quale è possibile accedere alla profilassi: 19 nel Nord Italia, 19 nel Centro Italia, 9 nel Sud e nell’Italia insulare. Dai dati riportati, a dicembre 2022, almeno 6444 persone sono attualmente in PrEP in Italia, con un aumento del 77% rispetto al 2021. Di questi, il 95% è una persona MSM (uomo che fa sesso con altri uomini). Nel 2022 sono state rilevate 12 nuove infezioni da HIV prima dell’inizio del percorso e 4 infezioni invece sono avvenute durante l’uso della PrEP, tutte dovute a un’aderenza non ottimale. Tantissime centinaia invece le infezioni sessualmente trasmissibili (IST) riscontrate durante lo screening trimestrale: 643 sifilidi, con una prevalenza del 10%, 931 gonorree (14%) e 878 clamidie (14%). La gonorrea rappresenta l’IST maggiormente diffusa nel territorio italiano.

Solo il 63% dei centri riporta una completa gratuità del servizio, grazie all’applicazione di codici di esenzione per il pacchetto di screening e controlli. Purtroppo nei restanti ambulatori, il costo del servizio è a carico delle persone in PrEP e può arrivare a costare anche 150 euro (costo medio 60€).

La diffusione nel territorio risulta tuttavia ancora poco ottimale, sono le grandi città sono i luoghi dove la PrEP è maggiormente accessibile e diffusa. Su tutte Milano, che raccoglie il 44% degli utenti del territorio nazionale. Ancora scarso l’accesso nell’Italia meridionale e nelle isole.

Tanta l’attesa per Cabotegravir, la PrEP long acting che prevede uno schema d’assunzione bimestrale (un’iniezione ogni due mesi). L’88% dei centri si dichiara molto favorevole all’arrivo del nuovo farmaco per proteggere l’Hiv. Sarà fondamentale anche in questo caso fare in modo che tutto il percorso di cura venga predisposto e che vengano investite risorse al fine di implementare questa novità terapeutica, per ora è disponibile solo in US e in alcuni paesi africani.

Con l’arrivo della PrEP gratuita presso le farmacie ospedaliere, ci auspichiamo quindi che la diffusione di questo straordinario strumento di prevenzione e autodeterminazione, possa diventare universale e accessibile anche a tutte quelle fasce di popolazione maggiormente fragili, economicamente o socialmente, che sono anche le più esposte al virus.

E’ inoltre fondamentale continuare le attività di advocacy, perché solamente quando tutto il pacchetto, dal farmaco ai controlli, sarà gratuito e accessibile a tuttə, potremo dire di aver vinto questa battaglia e ci sentiremo davvero un po’ più sicurə e consapevoli nel vivere la nostra sessualità liberamente.

 

cover: Foto di Enrique Fernandez su Unsplash

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Brian May: "Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito "queer", l'omofobia colpì i Queen" - Freddie Mercury 2 - Gay.it

Brian May: “Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito “queer”, l’omofobia colpì i Queen”

Musica - Redazione 21.6.24
Studente delle Filippine sgrida il Papa: "Smetta di usare un linguaggio omofobo. Fa male" (VIDEO) - Papa Francesco e Jack Lorenz Acebedo Rivera - Gay.it

Studente delle Filippine sgrida il Papa: “Smetta di usare un linguaggio omofobo. Fa male” (VIDEO)

News - Redazione 21.6.24
Fabio Marida Damato Chiara Ferragni Diletta Leotti Elodie

Chiara Ferragni e Fabio Maria Damato insieme al matrimonio tra Diletta Leotta e Loris Karius

Lifestyle - Mandalina Di Biase 23.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24
aggressione-foggia-intervista

Foggia, parla Alessandro, vittima dell’aggressione: “Trasformiamo la violenza in sogno” – intervista

News - Francesca Di Feo 21.6.24
Luca Guadagnino parla di Queer: "È il mio film più personale, ci sono scandalose scene di sesso" - luca guadagnino pesarofilmfest 60 22giu2024 ph luigi angelucci 010 - Gay.it

Luca Guadagnino parla di Queer: “È il mio film più personale, ci sono scandalose scene di sesso”

Cinema - Redazione 24.6.24

Continua a leggere

Vivere con hiv - la testimonianza di Enrico

Vivere con il virus: “L’Hiv è stato una grande occasione per prendermi cura di me stesso”

Corpi - Daniele Calzavara 22.3.24
David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24
Hiv sentenza Bari su U uguale U Gay.it

U = U, sentenza storica, assolto un uomo accusato di aver trasmesso l’Hiv: se non è rilevabile non si può trasmettere

Corpi - Daniele Calzavara 28.2.24
Vivere con Hiv testimonianza Enrico

Vivere con l’Hiv, la testimonianza di Enrico: “Quando l’ho detto al mio compagno questa è stata la sua risposta”

Corpi - Daniele Calzavara 14.3.24
Hiv Salute Mentale e Supporto Psicologico

Autostigma e salute mentale per le persone HIV+: l’importanza dell’aspetto psicologico

Corpi - Daniele Calzavara 2.5.24
Ho l’HIV. Come prendermi cura di me stessə? - cover - Gay.it

Ho l’HIV. Come prendermi cura di me stessə?

Corpi - Gay.it 6.5.24
Positive+1, l'app di dating per persone sieropositive - Positive1 - Gay.it

Positive+1, l’app di dating per persone sieropositive

Corpi - Federico Boni 12.1.24
whereupon-turmoil-allen-frame

Prima e dopo l’hiv, quegli anni tra fine ’70 e ’90 a New York: “Whereupon”, rivoluzione e tragedia negli scatti di Allen Frame

Culture - Francesca Di Feo 6.6.24