Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

A pochi mesi dalle elezioni europee, l'ultradestra conservatrice strumentalizza la comunità LGBTQIA+ per guadagnare consensi. Quanto può diventare pericoloso il discorso d'odio istituzionale?

ascolta:
0:00
-
0:00
discorso-d-odio-politici-europei
La premier Meloni insieme al presidente ungherese Orban | Fonte Governo.it
3 min. di lettura

Dividi et impera. Trovare un nemico verso cui aizzare la popolazione e distrarla dall’incapacità del proprio governo di affrontare problematiche ben più pressanti – ma altresì molto più complesse da decostruire – è una tattica che, ciclicamente, l’élite utilizza per tenersi stretto il proprio potere, costi quel che costi.

Non importa, infatti, se di mezzo ci vanno popolazioni vulnerabili, già marginalizzate, anzi. È ancora più facile posizionarci sopra il mirino.

“In nessun luogo ho incontrato tante persone primitive, arroganti, volgari e cattive insieme come tra questi attivisti transgender. Dobbiamo proteggere i nostri figli da queste ‘persone’” – chiosava lo scorso maggio, l’ex primo ministro slovacco e poi ministro delle Finanze Igor Matovič.

Due mesi dopo, il Primo Ministro ungherese Viktor Orbán accusava l’Unione Europea di aver abbandonato l’eredità cristiana a vantaggio di quello che egli definisce come “paganesimo edonistico promosso dalle campagne di genere LGBTQIA+”, sostenendo nel contempo  che tali campagne siano dirette contro l’Ungheria.

Grazie a tale retorica, in soli tre anni Orban è riuscito a rendere illiberale l’Ungheria, arrivando a limitare la libertà di stampa e di informazione, con poche conseguenze e tanto da guadagnarci.

È così palese e banale da sembrare assurdo, eppure – a pochi mesi dalle elezioni europee, in cui 350 milioni di cittadini saranno chiamati al voto – sembra sia proprio questa la strategia che gli esponenti di alto profilo dell’ultradestra conservatrice europea abbiano deciso di adottare – forti del sostegno di una facoltosa rete politica e associazionistica internazionale.

“Sento dichiarazioni scioccanti quando presiedo la plenaria – racconta ad Euronews il vicepresidente del Parlamento europeo Marc Angel, che copresiede l’intergruppo LGBTQIA+ composto da 161 membri – Se i politici usano questo tipo di linguaggio, è chiaro che anche la gente lo userà. Dobbiamo essere consapevoli che esiste un movimento anti gender, finanziato dal Cremlino e da altri attori, e che dobbiamo contrastare la loro narrativa”.

Secondo i dati raccolti da ILGA Europe – gruppo di difesa dei diritti LGBTQIA+ – il discorso d’odio contro la nostra comunità cresce infatti di giorno in giorno, diffondendosi nelle aule istituzionali come una bituminosa macchia di petrolio sulle democrazie europee.

In 32 paesi – di cui 19 Stati membri – si è infatti riscontrato un aumento delle retoriche anti-LGBTQIA+. Tra questi, anche Danimarca, Finlandia, Paesi Bassi, Spagna, Irlanda, Svezia e Portogallo, oltre a Croazia, Slovacchia, e Ungheria.

Una chiara strumentalizzazione volta a guadagnare il consenso senza dover necessariamente proporre niente di rivoluzionario per risolvere i problemi di un’UE sempre più divisa. Le campagne di disinformazione, l’odio e l’allarmismo sono strumenti molto più efficaci e immediati per colpire alla pancia della popolazione.

“I valori e gli standard fondamentali su cui è stata fondata l’Ue, il rispetto della dignità umana e dei diritti umani, la libertà, la democrazia, l’uguaglianza e lo Stato di diritto, sono messi in discussione” – spiega Katrin Hugendubel, direttore dell’Advocacy di ILGA-Europe – “I diritti umani, e in particolare i diritti umani delle persone LGBTQIA+ sono messi in discussione da parte delle forze di estrema destra. I diritti e l’umanità delle persone LGBTQIA+ sono sempre più sfruttati per dividere le società e minare la democrazia, lo Stato di diritto e i diritti umani”.

Ed è un’ondata d’odio e di terrore che non risparmia nessuno, tanto meno l* bambin*. Sì, perché l’attacco indiscriminato dell’ultradestra verso la comunità – e in particolare, quella transgender – è anche verso i minori, che ogni giorno rischiano di veder erodere il proprio diritto all’autodeterminazione e alla dignità, ma anche alla salute mentale.

“I politici stanno demonizzando la comunità LGBTQIA+ e usano i bambini come argomento per dimostrare che devono essere protetti dal male” – continua Hugendubel –  “La demonizzazione e la paura hanno in realtà un impatto negativo non solo sui giovani LGBTQIA+, tra cui si registra un aumento dei problemi di salute mentale e dei tassi di suicidio, ma su tutti i bambini della nostra società. E questo è davvero, davvero preoccupante”.

Da qui, l’appello dei candidati di sinistra, liberali e di centrodestra, che hanno già firmato una Dichiarazione sulla promozione dei diritti LGBTQIA+ in vista del voto. Anche se, secondo Hugendubel, potrebbe non essere abbastanza.

Il più recente documento pubblicato dal Servizio europeo per l’azione esterna (SEAE) ha infatti evidenziato la crescente pericolosità della disinformazione che sfrutta “stereotipi generali legati all’identità”, un fenomeno che si configura come una minaccia in costante aumento per il sistema democratico e potrebbe essere impiegato come parte integrante di campagne provenienti dall’estero, mirate a influenzare il processo elettorale previsto per il mese di giugno.

“Nella campagna elettorale, nello specifico, è necessario che tutti si impegnino contro la polarizzazione e contro il fatto che il dibattito sta diventando sempre più violento” conclude Hugendubel “quindi chiediamo di ragionare. Chiediamo calma. Chiediamo comprensione”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Trending

Mahmood è in tour in Europa per presentare l'album "Nei letti degli altri"

Mahmood più libero che mai sul palco, il suo tour strega l’Europa e “Tuta gold” conquista il triplo disco di platino

Musica - Emanuele Corbo 9.4.24
Papa Francesco Dignitas Infinita - Chiesa Cattolica - Vaticano

Il documento del Vaticano che mette l’intera comunità LGBTI ai margini: teoria gender, surrogata, bambini e altre mistificazioni reazionarie

Culture - Giuliano Federico 8.4.24
Amadeus

Amadeus lascia la Rai e raggiunge Fazio sulla NOVE di Discovery

Culture - Mandalina Di Biase 10.4.24
Back to Black, recensione del biopic su Amy Winehouse. Il ricordo di un'icona sconfitta dall'amore - BackToBlack2024 - Gay.it

Back to Black, recensione del biopic su Amy Winehouse. Il ricordo di un’icona sconfitta dall’amore

Cinema - Federico Boni 11.4.24
GialappaShow, Gigi è Mahmood con i ballerini cileni (VIDEO) - Gigi e Mahmood - Gay.it

GialappaShow, Gigi è Mahmood con i ballerini cileni (VIDEO)

Culture - Redazione 11.4.24
Giovanni Donzelli foto instagram @giovadonze

Giovanni Donzelli di Fratelli d’Italia, outing di sua moglie che spiega “È un marito etero”

Culture - Mandalina Di Biase 9.4.24

Leggere fa bene

Peter Spooner, Rishi Sunak

“Chiedete scusa alle vittime di transfobia!” il padre di Brianna Ghey al primo ministro Sunak

News - Redazione Milano 8.2.24
tweet transfobico casa editrice libertà di parola rowling

J.K. Rowling attacca la nuova legge scozzese contro l’omobitransfobia: “Arrestatemi”. E il premier inglese è con lei

News - Federico Boni 2.4.24
burocrazia unioni civili, guida alle top location per unioni civili in puglia

Grecia, il premier Mitsotakis annuncia il disegno di legge sul matrimonio egualitario

News - Redazione 12.1.24
Sardegna Partito Gay

Il Partito Gay Lgbt+ appoggia Alessandra Todde alle regionali in Sardegna

News - Lorenzo Ottanelli 23.1.24
Lingua e comunità LGBTQIA+

Lingua e comunità LGBTQIA+: non chiamatelo omofobo, è un misomosessuale, perché non è fobia, è odio

Guide - Emanuele Bero 5.12.23
Numero Verde 800713713 Gay Help Line - 18 anni, 350.000 chiamate, il 51% da giovani -

Gay Help Line, 18 anni di supporto telefonico LGBTIAQ+ : 51% delle richieste arrivano da giovani – VIDEO

News - Gay.it 18.3.24
I repubblicani d'America presentano legge per bandire le atlete trans dalla squadra olimpica - Laurel Hubbard 1 - Gay.it

I repubblicani d’America presentano legge per bandire le atlete trans dalla squadra olimpica

News - Federico Boni 7.2.24
chi-segna-vince-jaiyah-saelua

“Chi segna vince”, la storia della prima donna transgender a giocare in una nazionale di calcio

Corpi - Francesca Di Feo 11.1.24