“Chloe”, erotismo lesbo voyeurista per un thriller deludente

Non bastano le eteree bellezze di Julianne Moore e Amanda Seyfried per salvare "Chloe" di Atom Egoyan, fiacco remake di un film francese su gelosia e ossessione amorosa. E il sesso lesbo è patinato.

"Chloe", erotismo lesbo voyeurista per un thriller deludente - chloeBASE 1 - Gay.it
3 min. di lettura

"Chloe", erotismo lesbo voyeurista per un thriller deludente - chloeF3 - Gay.it

Che delusione, Chloe – Tra seduzione e inganno. Dopo aver realizzato interessanti drammi-thriller enigmatici dalle atmosfere algide e sospese (False verità, Il dolce domani, Il viaggio di Felicia, l’ultimo Adoration mai distribuito in Italia), il cineasta armeno-canadese Atom Egoyan ci propone il fiacco remake di un film erotico francese del 2003 ambientato a Parigi, Nathalie di Anne Fontaine con Emmanuelle Béart, Fanny Ardant e Gérard Depardieu, incentrato su gelosia e ossessione sentimentale.

"Chloe", erotismo lesbo voyeurista per un thriller deludente - chloeF2 - Gay.it

In Chloe, Catherine e David (Julianne Moore e Liam Neeson) sono una coppia agiata sulla cinquantina che abita a Toronto in una splendida casa-fortezza dalle ampie vetrate. Lei è una ginecologa stimata, lui un professore di letteratura. Hanno un figlio adolescente sfuggente e poco comunicativo, Michael, in rapporto conflittuale soprattutto con la madre. Costei inizia a sospettare che il marito la tradisca con una delle sue studentesse e assume una escort d’alto bordo, la Chloe del titolo (Amanda Seyfried), per verificare se il presunto fedifrago cederebbe alla seduzione pilotata di un’avvenente sconosciuta. Peccato che sarà lei stessa a rimanere ammaliata sessualmente dalla ragazza che le racconta nel dettaglio gli incontri carnali, dando vita a una pericolosa spirale di menzogne e ricatti, complicata dal fatto che Chloe, nel frattempo, ha buttato l’occhio sul giovane Michael.

"Chloe", erotismo lesbo voyeurista per un thriller deludente - chloeF1 - Gay.it

Poteva essere un’intrigante esplorazione dei territori ambigui della sensualità dalle parti di Exotica, ma dopo un attacco azzeccato che semina dubbi (David ha perso l’aereo intenzionalmente? Quali inquietudini cela Catherine?) si perde in un plot banale, prevedibile e déjà vu dai dialoghi francamente inascoltabili. Peccato, perché il cast è da grande occasione: è sempre un piacere rivedere Liam Neeson – Schindler’s list, Kinsey – qui più un po’ bolso e malinconico (ha dovuto interrompere le riprese per poi tornare sul set dopo il lutto per la perdita della moglie Natasha Richardson); Julianne Moore è una delle migliori "quintastic" hollywoodiane – donne di successo arrivate alla boa dei 50 più risplendenti che mai – e il suo incarnato lentigginoso si offre sempre come un atto d’amore alla macchina da presa; Amanda Seyfried è una lolita finto innocente candida come la porcellana dallo sguardo smeraldo, e tra le due potevano essere davvero scintille: invece le scene di seduzione lesbo comprensive del canonico giro di lenzuola bollenti sono voyeuriste e scontate. Manca inoltre qualsivoglia approfondimento psicologico a giustificare anche solo parzialmente la deriva erotica, nemmeno come transfert emotivo: così resta una patinatura superficiale stucchevole alla Adrian Lyne, quello di Attrazione fatale e 9 settimane e mezzo.

Osservare la scenografica carrellata di bar trendy e alberghi chic di Toronto che si susseguono a nastro alternati alle trasparenze metaforiche degli enormi spazi disumanizzanti della casa di Catherine e David rimane così più interessante che seguire il blando intrigo.

Quasi dispiace che sia stata coinvolta la grande Julianne, ultimamente abbonata ai ruoli lesbo: la vedremo prossimamente fotografa gay in The Private Life of Pippa Lee e "moglie" di Annette Bening in The Kids Are All Right della Cholodenko.

Per la prima volta Egoyan non ha lavorato su una propria sceneggiatura, e si vede; anche la messa in scena è meno stilosa e raffinata del solito. Insomma, Chloe è piuttosto una "c(h)loaca".

Si può evitare.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

queer palm, festival di cannes, i vincitori

Festival di Cannes. Tutti i film vincitori della Queer Palm dal 2010 ad oggi

Cinema - Gio Arcuri 17.5.24
Taiwan, la drag queen Nymphia Wind si esibisce per la presidente uscente Tsai Ing-wen (VIDEO) - Nymphia Wind - Gay.it

Taiwan, la drag queen Nymphia Wind si esibisce per la presidente uscente Tsai Ing-wen (VIDEO)

News - Redazione 17.5.24
Sethu, è uscito il suo primo album "Tutti i colori del buio"

Sethu e i colori del buio: “Canto per tendere una mano a me stesso e agli altri, dopo Sanremo la depressione” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 17.5.24
Sarah Toscano, Amici 23

Sarah Toscano vince Amici 23: è lei la popstar del futuro

Culture - Luca Diana 19.5.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24

Hai già letto
queste storie?

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
I film LGBTQIA+ della settimana 11/17 dicembre tra tv generalista e streaming - film dicembre 2024 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 11/17 dicembre tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 11.12.23
Jacob Elordi candela Saltburn Barry Kehogan

Saltburn, arriva la candela con l’odore di Jacob Elordi ed è un fetish puntuale

Cinema - Redazione Milano 4.1.24
Oscar 2024, le nomination. Colman Domingo primo attore dichiaratamente gay candidato dopo 25 anni - Oscar 2024 - Gay.it

Oscar 2024, le nomination. Colman Domingo primo attore dichiaratamente gay candidato dopo 25 anni

Cinema - Federico Boni 23.1.24
Luca Guadagnino adatterà per il Cinema Camere separate di Pier Vittorio Tondelli - Luca Guadagnino adattera per cinema Camere separate di Pier Vittorio Tondelli - Gay.it

Luca Guadagnino adatterà per il Cinema Camere separate di Pier Vittorio Tondelli

Cinema - Redazione 14.3.24
Pillion, Harry Melling e Alexander Skarsgard motociclisti innamorati nel perverso film queer di Harry Lighton - Pillion - Gay.it

Pillion, Harry Melling e Alexander Skarsgard motociclisti innamorati nel perverso film queer di Harry Lighton

Cinema - Redazione 9.5.24
Oscar 2024, trionfa Oppenheimer. Miglior attrice Emma Stone, 2a statuetta per Billie Eilish. Tutti i vincitori - cover Oscar 2024 - Gay.it

Oscar 2024, trionfa Oppenheimer. Miglior attrice Emma Stone, 2a statuetta per Billie Eilish. Tutti i vincitori

Cinema - Federico Boni 11.3.24
Intervista a Paul B Preciado - My Biographie Politique

Lə infinitə Orlando che ci donano il caos non binario, utopico e liberatorio: intervista a Paul B. Preciado

Cinema - Giuliano Federico 27.3.24