Lello di “Amici” in galera accusato di stupro

Il ballerino 25 enne Catello Miotto della trasmissione “Amici” è finito in manette per stupro ai danni dell’ex moglie di un amico. Gli accertamenti sulla vittima hanno confermato la violenza.

Guai seri per uno degli ex concorrenti della trasmissione "Amici". Catello Miotto, ballerino dell’edizione 2003, si trova attualmente in stato di fermo con l’accusa di aggressione e stupro nei confronti dell’ex moglie di un amico. Il ragazzo, originario di Torre Annunziata (Napoli), dopo il successo ottenuto grazie al programma di Canale 5 si era trasferito nel viterbese divenendo titolare di una scuola di ballo. Viveva in un appartamento di Bagnaia, nel piano superiore a quello dell’amico con il quale era uscito sabato notte per andare a ballare. Il buttafuori del locale, però, ha impedito a Catello di entrare in discoteca e lui, irritato, ha deciso di lasciare gli amici e di tornare a casa.

Una volta giunto nella sua abitazione ha deciso di fermarsi a salutare l’ex compagna dell’amico che si stava prendendo cura della bambina di 6 anni avuta dal rapporto ormai finito. Ubriaco, il ballerino avrebbe tentato un approccio con la donna, che ha subito respinto le avances del 25enne. Secondo la ricostruzione, la sua insistenza avrebbe portato l’amica a tentare di fermarlo, ferendolo al volto con dei graffi. Il gesto avrebbe infastidito Catello al punto di dare inizio ad una vera e propria violenza sessuale. Giunto a casa, l’amico non ha potuto far altro che fermare Miotto in attesa dell’arrivo dei carabinieri che, dopo un accertamento medico sulla donna, lo hanno condotto nel carcere Mammagialla di Viterbo.

Ti suggeriamo anche  Nichi Vendola: "Viviamo in una giungla di discriminazioni"

Catello, più noto come Lello, aveva lasciato il segno nell’edizione di Amici in cui emersero talenti come Leon Cino, Sabrina Ghio, Samantha Fantauzzi, Valerio Di Rocco e Francesco Capodacqua per il carattere irrequieto che per tutta la sua permanenza all’interno del programma lo aveva portato a scontrarsi in più di un’occasione con i suoi compagni.