Spielberg come Brad Pitt: 100 mila dollari alla causa gay

Il regista americano ha seguito l’esempio di brad Pitt e ha donato 100 mila dollari (70 mila euro) per combattere la “Proposition 8” che vorrebbe vietare i matrimoni gay in California.

Il regista Steven Spielberg e la moglie Kate Capshaw hanno seguito le orme dell’attore Brad Pitt donando l’ingente somma di 100 mila dollari, circa 70 mila euro per la campagna contro la "Proposition 8".

La battaglia dei mormoni americani per sostenere la causa dell’emendamento alla costituzione dello stato della California è feroce. Il gruppo religioso è infatti in grado di raccogliere fondi trasversalmente, anche al di fuori della propria chiesa, grazie alla presenza capillare in tutti i settori chiave della società.

Per questo gli attori di Hollywood hanno deciso di fare la loro parte raccogliendo fondi per sostenere la causa gay. La "Propostion8", infatti, è una misura che se entrasse in vigore permetterebbe ai conservatori e ai gruppi religiosi – come i mormoni, appunto – di mettere al bando i matrimoni gay appena conquistati in California.

Il regista, nel rendere noto il suo gesto, ha dichiarato: «Codificando la discriminazione nella costituzione statale, la "Proposition 8" intende elminare il diritto di ognuno di sposarsi aldilà del proprio orientamento sessuale. Questa o altre discriminazioni non possono avere spazio né nella costituzione americana né nella costituzione della California».

LEGGI ANCHE

Cinema gay

Se non hai idee per San Valentino… ecco 5 film...

Se passerete a casa il 14 febbraio, ecco qualche film d'amore per una serata romantica!

di Alessandro Bovo | 14 Febbraio 2019

Cinema gay

Boy Erased NON uscirà in Brasile, scoppia la polemica

La Universal non lo distribuirà a causa dei costi troppo alti per la campagna di lancio. Ma c'è chi parla...

di Federico Boni | 6 Febbraio 2019

Curiosità

Bollywood: arriva un film sull’amore tra due donne in India

Un film simile era uscito nel 1996, ma parte della popolazione reagì distruggendo i cinema che lo proiettavano.

di Alessandro Bovo | 4 Febbraio 2019