Commozione per le storie d’amore e lutto della comunità LGBTQIA+ palestinese su Queering The Map

"Non so quanto tempo mi resti da vivere, quindi voglio lasciare un segno prima di morire. Il mio più grande rimpianto è non aver baciato quel ragazzo. È morto due giorni fa".

ascolta:
0:00
-
0:00
palestina lgbtiq
palestina lgbtiq
3 min. di lettura

Spesso c’è la tendenza a separare l’elemento umano dai contesti bellici. Civili e militari che perdono la vita sul fronte sono ridotti a mera statistica, categorizzati come “danni collaterali”. In questo processo, diventa difficile associare a questi numeri un volto, una storia o, in alcuni casi, anche la dignità.

Eppure, l’umanità esiste resiste anche qui, animata dalla stessa forza che guida l’universo: l’amore.

Un amore diverso da quello a cui siamo abituati, che assume una sfumatura straziante influenzata dalle circostanze, ma che riesce comunque a rappresentare un sentimento che ci accomuna tutti.

Un anno fa circa su Gay.it abbiamo parlato di Queering The Map, un sito web dedicato alla comunità LGBTQIA+, che qui trova uno spazio per condividere ed ascoltare le storie queer da ogni angolo del mondo. Ora ne parla anche il Post.

Basta scegliere un luogo sulla mappa per scoprire che dal più piccolo centro alla grande metropoli, da Abu Dhabi all’Antartica, c’è una storia in cui possiamo riconoscerci.

Fondata nel 2017 a Montreal da Lucas LaRochelle, la piattaforma offre agli utenti che fanno parte della comunità LGBTQIA+ la possibilità di condividere post anonimi correlati alla loro posizione geografica.

Un atlante emotivo che raccoglie una varietà di aneddoti dalla comunità LGBTQIA+, spaziando da storie divertenti a racconti strazianti.

Ed oggi, il popolo LGBTQIA+ palestinese si affida proprio a Queering The Map per condividere col mondo brevi memorie, lasciare un segno su questa terra prima del prossimo bombardamento, fornendoci una prospettiva rara e al contempo struggente della piccola comunità queer palestinese.

Per favore, sappiate che nonostante i media sostengano il contrario, esistono palestinesi gay. Siamo qui, siamo queer. Palestina libera”.

comunita-lgbtqia-palestinese-queering-the-map

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In una terra martoriata da decenni di conflitti, che oggi si trova al centro di una cruda escalation di violenze, la comunità LGBTQIA+ qui non ha mai avuto la possibilità di fiorire, di lottare per sé, di essere riconosciuta. E tante storie rimangono in sospeso.

Ho sempre immaginato io e te seduti fuori al sole, mano nella mano, finalmente liberi. Abbiamo parlato di tutti i posti in cui saremmo andati se avessimo potuto. Eppure adesso te ne sei andato. Se avessi saputo che le bombe che piovevano su di noi ti avrebbero portato via da me, avrei detto volentieri al mondo che ti adoravo più di ogni altra cosa. Mi dispiace di essere stato un codardo” – scrive un utente di Jabalia, città palestinese a nord di Gaza, bombardata il 9 ottobre.

Amarsi qui può costare la vita. Come in altri paesi mediorientali e non solo, anche in Palestina l’omosessualità è punibile con la morte, e qualsiasi espressione diversa dall’eterocisnormatività è stigmatizzata. Dalla società, dalle autorità religiose, dalle tradizioni.

Così affetti, relazioni, amori attrazioni, identità restano nascoste. L’amore scorre vivo tra sguardi fugaci, incontri proibiti e – oggi più di prima – tragedia.

 

comunita-lgbtqia-palestinese-queering-the-map

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Non so quanto tempo mi resti da vivere, quindi voglio lasciare un segno prima di morire – scrive un altro utente – Non lascerò la mia casa, sia quel che sia. Il mio più grande rimpianto è non aver baciato quel ragazzo. È morto due giorni fa. Ci eravamo detti quanto ci piacevamo, ma sono stato troppo timido e non l’ho baciato. È morto in un bombardamento. Penso che una grossa parte di me sia morta con lui. E presto sarò morto anche io. A Yonus, ti bacerò in paradiso”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Pestaggio Roma Coppia Gay - La difesa dei 4 presunti aggressori smentisce l'omofobia "Non sapevamo fossero gay"

Pestaggio coppia gay a Roma, gli aggressori “Non abbiamo usato insulti omofobi”

News - Redazione 22.7.24
Tommaso Stanzani, primo bacio social all'amato Oreste Gaudio (VIDEO) - Tommaso Stanzani primo bacio social allamato Oreste Gaudio VIDEO - Gay.it

Tommaso Stanzani, primo bacio social all’amato Oreste Gaudio (VIDEO)

Culture - Redazione 24.7.24
Tutti i coming out "vip" del 2024 - Coming Out 2024 - Gay.it

Tutti i coming out “vip” del 2024

News - Federico Boni 19.7.24
Roma Pestaggio Coppia Gay Siti In

“Guarda sti fr*c*” non è omofobia? Sit-in mercoledì 24 e polemiche sul pestaggio alla coppia gay di Roma, dopo che gli indagati respingono l’accusa

News - Redazione 22.7.24
Perché amiamo Tom Daley - Tom Daley - Gay.it

Perché amiamo Tom Daley

News - Federico Boni 23.7.24
La nuova Forza Italia "liberal" voluta dai Berlusconi vuole dividere la comunità LGB da quella T?

Forza Italia vuole dividere la comunità LGBIAQ dalla comunità T, ma noi “Insieme siamo partite, insieme torneremo”

News - Giuliano Federico 22.7.24

Continua a leggere

striscia di gaza

Governo Netanyahu e Hamas sono entrambi estremisti: cessate il fuoco sulla Striscia di Gaza

News - Lorenzo Ottanelli 11.3.24
Bandiere LGBT ebraiche al Pride

Pride spaccato dalla polarizzazione: le comunità ebraiche non partecipano alle parate di Roma, Torino e Bergamo perché “c’è una caccia al carro di Israele”

News - Giuliano Federico 15.6.24
Eurovision 2024 Eden Golan October Rain

Boicottare Eurovision 2024 e la partecipazione di Israele? “October rain” di Eden Golan va esclusa?

Musica - Redazione Milano 27.2.24
Toronto Pride 2024 interrotto per Proteste Pro Palestina

Toronto Pride cancellato dopo le proteste di manifestanti pro-Palestina

Culture - Giuliano Federico 2.7.24
Dawah Man Israele Palestina Gayy

‘La Palestina non vincerà per colpa dei gay’, la tesi del predicatore islamico Dawah Man

News - Redazione Milano 25.3.24
Keshet Italia - Milano Pride 2023 - Gay.it - fonte immagine originale: Facebook (edit)

Se questo è un Pride. Senza organizzazioni ebraiche queer, che non partecipano per timore di aggressioni. Intervista a Raffaele Sabbadini presidente Keshet Italia

Culture - Giuliano Federico 29.6.24
FOTO: SONJA FLEMMING/CBS

Grammy 2024, Annie Lennox omaggia Sinead O’Connor e chiede il cessate il fuoco: “Pace nel mondo!” – VIDEO

Culture - Redazione Milano 5.2.24
Tel Avviv Pride 2024 cancellato

Tel Aviv cancella la Pride Parade 2024. Motivazioni di lutto o semplicemente politiche?

News - Lorenzo Ottanelli 10.5.24