Diversity Media Awards 2019, i vincitori: Alessandro Cattelan personaggio dell’anno

Ballando con le Stelle, SKAM Italia e Puoi baciare lo sposo tra i premiati della serata, che celebra i migliori contenuti media che hanno contribuito a una rappresentazione valorizzante delle persone e delle tematiche LGBTI.

Diversity Media Awards 2019, i vincitori: Alessandro Cattelan personaggio dell'anno - Scaled Image 36 - Gay.it
3 min. di lettura

Sono stati assegnati nella serata di ieri dall’Alcatraz di Milano i Diversity Media Awards 2019, premi arrivati alla loro quarta edizione che celebrano i migliori contenuti media che hanno contribuito a una rappresentazione valorizzante delle persone e delle tematiche LGBTI.

Condotta da Fabio Canino e da Melissa Greta Marchetto, la serata ha visto Federica Cacciola, alias Martina Dell’Ombra, in qualità di ‘inviata speciale’. A trionfare come personaggio dell’anno, forse un po’ a sorpresa, Alessandro Cattelan, celebre volto Sky che ha sconfitto in volata Don Luigi Ciotti, Fiorella Mannoia, Enrico Mentana, Liliana Segre e Heather Parisi. Miglior programma tv è stato incoronato Ballando con le stelle (Rai 1 – Ballandi Multimedia), lo scorso anno sul pezzo grazie alla storica partecipazione di Giovanni Ciacci in coppia con un uomo, mentre Puoi baciare lo sposo (Medusa Film, Colorado Film) è stato eletto ‘miglior film italiano’. Pari merito sulla serialità italiana grazie ai vincitori Skam Italia (TIMVISION – TIMVISION, Cross Productions) e L’Amica Geniale (Rai 1 – HBO-RAI FICTION e TIMVISION, Fandango- Wildside, in collaborazione con RAI FICTION, in collaborazione con TIMVISION, in collaborazione con HBO Entertainment, in co-produzione con Umedia).

https://www.instagram.com/p/ByChYTeiPt1/

Sorprendentemente, Le terrificanti avventure di Sabrina (Netflix) è stata eletta miglior serie tv straniera, con Cactus – Basta poca acqua (Radio Capital) miglior programma radio, Sorgenia – Domani è una figata (Red Robiglio&Dematteis) miglior campagna pubblicitaria, Freeda – Intervista a Fiorenza De Bernardi miglior prodotto digitale e Stephanie Glitter, celebre volto del Plastic, influencer dell’anno.

Il TG LA7 (per il servizio Presenza e forza lavoro degli stranieri in Italia firmato da Raniero Altavilla) è stato invece eletto miglior Tg, con La Stampa (per l’articolo Dal barcone in Libia al dottorato. La favola del professore Alagie firmato da Filippo Femia) premiata per il miglior articolo di un quotidiano. Donna Moderna (con Come crescere figli maschi femministi firmato da Cristina Sarto) ha invece conquistato il DMA per il miglior articolo periodico e Il Post (Secondo lei è stato un femminicidio? firmato da Giulia Siviero) quello per il miglior articolo web.

Questo il commento di Francesca Vecchioni, Presidente di Diversity.

 

“L’inclusione è un bene comune, come l’acqua o l’aria. Quando l’acqua è inquinata o l’aria irrespirabile, è allora che ti accorgi che non ne puoi fare a meno. Non è un’opzione e non può mai essere di parte perché ci riguarda tutte e tutti. Sembra banale dirlo, ma va sottolineato:  siamo tutti diversi, e quello che ci rende diversi ci rende quello che siamo, e ciò non può mai essere un motivo di esclusione.  Se consideriamo l’inclusione come un’opzione e non come l’unica via percorribile, l’esclusione può colpire chiunque: perché sei troppo giovane o troppo vecchia, perché donna, o uomo, o non abbastanza uomo, o lesbica, o gay, o straniero  o trans, perché hai una disabilità, oppure semplicemente perché sei te stesso, forse troppo. Per questo esistono i Diversity Media Awards perché è importante mostrare che la realtà è fatta di diversità perché serve a poter riconoscere se stessi e gli altri nelle immagini e nelle storie raccontate dai media, e premiare chi sa fare bene questo, cercando di raggiungere il numero più alto di persone, è il nostro modo di  diffondere la cultura dell’inclusione.”

I VINCITORI

PERSONAGGIO DELL’ANNO
Alessandro Cattelan

Miglior PROGRAMMA TV
Ballando con le stelle (Rai 1 – Ballandi Multimedia)

Miglior FILM ITALIANO
Puoi baciare lo sposo (Medusa Film, Colorado Film)

Miglior SERIE TV ITALIANA
SKAM ITALIA (TIMVISION – TIMVISION, Cross Productions) ex-aequo L’Amica Geniale (Rai 1 – HBO-RAI FICTION e TIMVISION, Fandango- Wildside, in collaborazione con RAI FICTION, in collaborazione con TIMVISION, in collaborazione con HBO Entertainment, in co-produzione con Umedia)

Miglior SERIE TV STRANIERA
Le terrificanti avventure di Sabrina (Netflix)

Miglior PROGRAMMA RADIO
Cactus – Basta poca acqua (Radio Capital)

Miglior CAMPAGNA PUBBLICITARIA
Sorgenia – Domani è una figata (Red Robiglio&Dematteis)

INFLUENCER DELL’ANNO
Stephanie Glitter

Miglior PRODOTTO DIGITALE
Freeda – Intervista a Fiorenza De Bernardi

Miglior TG
Tg La7 – Presenza e forza lavoro degli stranieri in Italia firmato da Raniero Altavilla

Miglior articolo stampa di un quotidiano
La Stampa – Dal barcone in Libia al dottorato. La favola del professore Alagie firmato da Filippo Femia

Miglior articolo stampa di un periodico
Donna Moderna – Come crescere figli maschi femministi firmato da Cristina Sarto

Miglior Articolo Web
Il Post – Secondo lei è stato un femminicidio? firmato da Giulia Siviero

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Fabio Marida Damato Chiara Ferragni Diletta Leotti Elodie

Chiara Ferragni e Fabio Maria Damato insieme al matrimonio tra Diletta Leotta e Loris Karius

Lifestyle - Mandalina Di Biase 23.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Ivan Codrian per @theshamelessfund

Jonathan Bailey lancia l’associazione di beneficenza LGBTQ+ “The Shameless Fund”

Culture - Luca Diana 21.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24
Brian May: "Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito "queer", l'omofobia colpì i Queen" - Freddie Mercury 2 - Gay.it

Brian May: “Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito “queer”, l’omofobia colpì i Queen”

Musica - Redazione 21.6.24
meloni orban

35 ambasciate firmano una dichiarazione che condanna le leggi anti-LGBTQ ungheresi. Assente l’Italia

News - Redazione 21.6.24

Continua a leggere

TIM parità di genere - Lo spot di Giuseppe Tornatore

Cosa ne pensate dello spot sulla parità di genere che fa arrabbiare i Fascisti d’Italia?

Culture - Redazione Milano 4.1.24
Jeremy Allen White (Calvin Klein)/ Gerrard Woodward (BRLO)

E se lo spot con Jeremy Allen White fosse interpretato da un uomo bear?

Corpi - Redazione Milano 2.2.24
Diversity Media Awards 2024, le nomination. Tra i personaggi dell'anno Jankto, Cortellesi e Ghali - DMA 2024 le nomination - Gay.it

Diversity Media Awards 2024, le nomination. Tra i personaggi dell’anno Jankto, Cortellesi e Ghali

Culture - Redazione 19.4.24
Biennale Arte Venezia 2024 - Foreign Everywhere by Adriano Pedrosa

Siamo ovunque: cosa aspettarci dalla Biennale queer e decolonizzata di Adriano Pedrosa

Culture - Redazione Milano 2.2.24
Chiara Ferragni con il volto martoriato nel post con cui Profit Ways ha pagato Meta per sponsorizzare le criptovalute

Il volto martoriato di Chiara Ferragni in un violento post Instagram

News - Redazione Milano 8.1.24
(Phonoplay International)

Adorabile Jodel, in Svizzera arriva il primo gruppo per uomini gay!

Lifestyle - Redazione Milano 31.1.24
Fka Twigs per Calvin Klein (2023)

Perché hanno censurato FKA Twigs, tra oggettificazione sessuale e double standard

Corpi - Redazione Milano 12.1.24
2023: Le cose da portate con noi

10 cose che vogliamo portarci nel 2024

Culture - Redazione Milano 27.12.23