…E SE ANCHE HULK FOSSE GAY?

Dopo varie viscissitudini e molti interventi della censura, anche il mondo dei supereroi si arricchisce di una nuova coppia gay. La novità? Sono Hulk e Thor adolescenti. Nelle edicole.

...E SE ANCHE HULK FOSSE GAY? - batman robin com - Gay.it
5 min. di lettura

Qualche tempo fa l’editore americano DC Comics decise di affiancare all’inossidabile Batman un Robin di sesso femminile. L’iniziativa non ebbe particolare successo, così questa Robin venne fatta morire durante una missione facendo tornare in carica il Robin (maschio) che l’aveva preceduta.
Forse non è stato un caso che di lì a poco sia scoppiato un piccolo “scandalo” quando una galleria d’arte online ha messo in vendita alcuni acquarelli raffiguranti Batman e Robin nell’atto di scambiarsi effusioni. L’autore, tale Mark Chamberlain, non aveva fatto niente di nuovo (parodie gay di Batman e Robin vengono realizzate da decenni e da artisti ben più talentuosi) e questo “caso” sembra quasi studiato a tavolino per rinverdire le polemiche che hanno sempre accompagnato Batman e Robin, con ovvi benefici pubblicitari per ambo le parti. Formalmente la DC Comics ha minacciato procedimenti legali ai danni di Mark Chamberlain, ma a conti fatti nessuna pratica è stata avviata e l’autore sta continuando a realizzare acquarelli “a tema” vendendoli a prezzi da capogiro (soprattutto se si considera che sono opere pressochè amatoriali).
In compenso praticamente tutta la stampa gay del mondo ha puntato i riflettori su questo episodio, favorendo un riavvicinamento della comunità GLBT al mondo dei supereroi e viceversa. Per capire appieno cos’è successo, però, vale la pena fare il punto della situazione partendo dall’inizio.

...E SE ANCHE HULK FOSSE GAY? - vendicatori02 - Gay.it

I fumetti supereroistici naquero negli Stati Uniti con Superman (1938): il suo successo spinse tutti gli editori di quel periodo a creare i propri eroi con superpoteri. Ad un certo punto l’artista Bob Kane pensò di affiancare alla sua tenebrosa creazione, Batman, un aiutante adolescente per alleggerirne i toni e per dare modo ai giovani lettori di identificarsi di più nelle storie che leggevano: fu così che naque Robin. C’erano già state spalle adolescenti in altri fumetti ma questo era il primo caso nel mondo dei supereroi e l’idea ebbe un successo senza precedenti. Nel giro di pochi anni praticamente tutti i supereroi ebbero un ragazzino imberbe al seguito (in gergo sidekick) e alcuni ne ebbero anche due o più.
Purtroppo le centinaia di supereroi prodotti dal 1938 in poi finirono inevitabilmente per diventare “testimonials” della causa americana durante la seconda guerra mondiale e per questo la maggior parte di loro non venne mai esportata al di fuori dei confini nazionali (men che meno in Italia), tantopiù che con la fine del conflitto quasi tutti ebbero un calo di popolarità e cessarono le pubblicazioni. Gli unici che rimaserò “in attività” furono Superman, Batman e Wonder Woman.
Mentre Superman e Wonder Woman non avevano bisogno di un sidekick in quanto venivano pubblicate anche le loro avventure in versione adolescente (come Superboy e Wondergirl), Batman continuò a mantenere il suo sidekick Robin. ^dQuesto creò seri problemi a partire dagli anni 50, quando il “dinamico duo” venne accusato di incitare all’omosessualità e presto l’editore fu costretto a creare una Batwoman e una Batgirl per chetare le malelingue. Anche per questo quando negli anni 60 Stan Lee diede il via alla Marvel Comics si guardò bene dal creare eroi che lavorassero a stretto contatto con dei sidekick, mentre la DC Comics creò ancora eroi teenager che si ispiravano ai supereroi adulti, ma senza farli interagire direttamente con loro.

...E SE ANCHE HULK FOSSE GAY? - vendicatori01 - Gay.it

Negli anni 70 e 80 il giusto compromesso sembrò arrivare con un nuovo tipo di supereroe: il mutante. I mutanti nascono con il codice genetico alterato e con superpoteri innati che si manifestano a partire dall’adolescenza creando disagi e problemi ma soprattutto un’immediata identificazione con il pubblico giovanile e le sue ansie. Anche se il gruppo di mutanti X-Men naque nel 1963, il suo lancio effettivo avvenne a partire dal 1975 quando uno staff di abili autori seppe aggiornarne i temi e le metafore. I parallelismi fra la comunità mutante e quella GLBT furono presto evidenti e probabilmente non è un caso se il primo supereroe a fare un esplicito coming out è stato il mutante canadese Northstar, che tra l’altro da qualche anno è un membro effettivo della squadra degli X-Men.
Inizialmente il coming out di Northstar (era il 1992) sembrò addirittura eccessivo ma, col passare del tempo e con una sempre maggior presenza di certi temi nei media, si è dimostrato solo il primo passo verso l’integrazione dei personaggi GLBT nel mondo dei supereroi. Nel giro di una decina d’anni casi simili si sono moltiplicati, anche se spesso si è trattato solo di allusioni e sottointesi, ma ora questo processo sembra entrare in una nuova fase. Il fumetto americano non vuole perdere punti rispetto alle altre forme di intrattenimento e da qualche anno i maggiori editori (Marvel in testa) affidano le loro sceneggiature ad autori televisivi di fama. Fra i tanti è stato contattato anche Allan Heinberg, uno dei creatori del serial TV “Sex and the City“, che ora è al lavoro su una serie che vuole rilanciare il tema dei sidekick. Si tratta di un gruppo di adolescenti, i Giovani Vendicatori, i cui poteri e costumi richiamano alcuni supereroi Marvel “storici”.

...E SE ANCHE HULK FOSSE GAY? - vendicatori03 - Gay.it

Poteva uno sceneggiatore televisivo del 2006, a maggior ragione reduce da “Sex and the City”, lasciarsi sfuggire l’occasione di strizzare l’occhio al pubblico GLBT? Ovviamente no. E così nei Giovani Vendicatori militano anche Hulkling e Asgardian (le versioni “teen” dell’incredibile Hulk e del mitico Thor) che, a quanto pare, sono una vera e propria coppia gay. Dopo il caso di Apollo e Midnighter di cui abbiamo parlato più volte, dov’è la novità? Oltre che nel look di Hulkling (munito di una dozzina di piercing e di un fantastico smanicato viola), la verà novità sta nel fatto che si tratta della prima coppia di supereroi gay adolescenti! Anche se questa trovata ha diviso il pubblico e indispettito i censori, si tratta del primo vero riconoscimento per quella fascia di pubblico (e di mercato) composta dagli adolescenti gay che negli Stati Uniti può contare già su romanzi e riviste su misura ma non su supereroi della loro età in cui identificarsi pienamente.
E’ ancora presto per dire se il rapporto fra Hulkling e Asgardian potrà svilupparsi liberamente o se dovrà soccombere alle pressioni dei moralisti, in ogni caso è emblematica la frase con cui Hulkling decide di fare coming out: “…Perchè dovrei lasciare tutto il divertimento a Northstar?”. Forse i tempi stanno davvero cambiando.
Approfondimenti:
Per visionare gli ultimi acquarelli di Mark Chamberlain clicca qui
Le avventure dei Giovani Vendicatori sono da poco arrivate nelle edicole e fumetterie italiane, nella collana MARVEL MIX edita da Panini Comics.
Clicca qui per discutere di questo argomento nel forum Fumetti.

di Valeriano Elfodiluce

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Rocco Barocco attacca il Pride

Rocco Barocco, lo stilista apertamente gay attacca il Pride

News - Mandalina Di Biase 17.7.24
Omar Rudberg, la "salatissima" vacanza social della star di Young Royals - Omar Rudberg 0 - Gay.it

Omar Rudberg, la “salatissima” vacanza social della star di Young Royals

Culture - Redazione 17.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
Paola Turci e Francesca Pascale sarebbero in crisi

Paola Turci e Francesca Pascale hanno sciolto la loro unione civile

News - Redazione 18.7.24
B&B rifiuta coppia omosessuale a Busca in provincia di Cuneo

B&B di Busca che rifiuta omosessuali scovato da Gay.it: Booking.com non elimina l’annuncio, la titolare fornisce nuove versioni omofobe ai quotidiani

News - Giuliano Federico 16.7.24
spiagge gay italiane spiagge queer lgbtqia

Speciale Spiagge 2024: 100 spiagge gay in Italia da non perdere

Viaggi - Redazione 1.7.24

Leggere fa bene

Sailor Moon Lamu stereotipi di genere

Così Sailor Moon, Lamù e lə altrə icone manga hanno sovvertito gli stereotipi di genere

Culture - Redazione Milano 26.3.24