Filippo Gangitano, il mafioso gay ucciso perché considerato una vergogna per il clan

Sono passati 19 anni dalla morte di Filippo Gangitano, ucciso perché omosessuale. La verità emersa grazie a un pentito.

filippo gangitano
Filippo Gangitano, ucciso dalla mafia perché gay.
2 min. di lettura

Si chiamava Filippo Gangitano, fedele killer del clan della ‘Ndrangheta di Vibo Valentia. Ma i suoi servizi, il suo onore, la sua fedeltà alla famiglia e al crimine non erano bastati, in quel ormai lontano 2002, quando venne ucciso dal cugino, su ordine della sua stessa famiglia.

A svelare il mistero della sua scomparsa è stato un collaboratore di giustizia, Andrea Mantella, che solo adesso – a 19 anni dalla morte di Filippo Gangitano – ha deciso di parlare, in occasione del processo che inizia oggi nella sua Vibo Valentia.

Gay e con un ragazzo con il quale conviveva: una vergogna imperdonabile per la mafia

A ordinare l’omicidio di Filippo Gangitano fu il suo stesso clan mafioso. Condotto in un luogo isolato con una scusa, Mantella lo avrebbe ucciso, sparandogli, per poi farlo a pezzi. I resti sarebbero stati suddivisi in sacchi per il mangime, e nascosti in una zona non abitata di Mileto (piccolo comune in provincia di Vibo Valentia), dove ora c’è una strada.

La storia di Filippo Gangitano

Il ragazzo era sempre stato fedele al clan Lo Bianco-Barba. Mai un errore. Eseguiva gli ordini senza fiatare. Ma era omosessuale. Aveva un compagno. Ed era andato addirittura a vivere con lui. E la voce si era sparsa. Tutti lo sapevano. A Filippo Gangitano non importava, voleva cambiare vita. Forse, avevano paura che si togliesse dal clan, per iniziare una nuova vita, onesta. Forse, avrebbe parlato con le Forze dell’Ordine.

Ma per il clan, e in particolare per Carmelo e Paolino Lo Bianco, Vincenzo Barba e Filippo Catania, queste cose “non devono esistere“. Era fonte di vergogna, che un mafioso si fidanzasse. Mantella, prima di assassinare il cugino, ha pensato di farlo cacciare dal clan, anziché ucciderlo. Ma non c’era verso. La mafia lo voleva morto.

Mantella ha raccontato tutto ai Carabinieri. Di come ha condotto Gangitano alla masseria, che ad aspettarlo c’erano altre due persone del clan mafioso. L’omicidio. E il sotterramento del corpo, tra le lacrime. Da quel giorno, un sabato del gennaio 2002, i fratelli e cugini di Mantella non gli hanno più rivolto la parola, per quello che avevano fatto. Anche se avevano eseguito un ordine e alla domenica avevano partecipato al tradizionale pranzo tutti insieme, dentro non potevano perdonarsi.

Cover: Freepik

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
mancinicorrado223yahooit 19.1.21 - 7:35

Questa storia è stata fonte di ispirazione per un bellissimo episodio della serie tv "I Soprano".

Trending

Angelina Mango Marco Mengoni

Angelina Mango ha in serbo una nuova canzone con Marco Mengoni e annuncia l’album “poké melodrama” (Anteprima Gay.it)

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
Marco Mengoni insieme a Fra Quintale e Gemitaiz canta "Un fuoco di paglia" di Mace, nell'album MAYA. Nel ritornello, Marco si rivolge ad un amore con una desinenza di genere maschile.

Marco Mengoni, una strofa d’amore a un uomo

Musica - Mandalina Di Biase 19.4.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri - Specchio specchio delle mie brame la sexy gallery social vip - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri

Culture - Redazione 16.4.24
Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24

Leggere fa bene

discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
milano-aggressione-baby-gang-in-diciannove

“Sei trans? Sei gay? Vergognati” a Milano minacce armate e insulti da una baby gang di 19 elementi

News - Francesca Di Feo 22.11.23
Thailandia verso il matrimonio egualitario

Thailandia, ad un passo il sì definitivo del Parlamento al matrimonio egualitario

News - Federico Boni 21.12.23
Erika Hilton è la seconda deputata trans del Brasile.

“Avete il potenziale per cambiare”, così parla Erika Hilton, deputata trans* del Brasile

News - Redazione Milano 5.12.23
grecia-chiesa-ortodossa-scomunica-matrimonio-egualitario

Grecia, la Chiesa Ortodossa minaccia di scomunicare i parlamentari che hanno votato per il matrimonio egualitario

News - Francesca Di Feo 8.3.24
San Lazzaro di Savena, la sindaca Conti registra il figlio di PierFilippo e Nino: "Non potevo restare indifferente" - San Lazzaro di Savena la sindaca Conti registra il figlio di PierFilippo e Nino - Gay.it

San Lazzaro di Savena, la sindaca Conti registra il figlio di PierFilippo e Nino: “Non potevo restare indifferente”

News - Federico Boni 14.12.23
omofobia ragazzo giovane gay

Pontedera, 18enne cacciato di casa dopo il coming out: “Niente figli gay, vattene”

News - Francesca Di Feo 27.3.24
senegal corpo bruciato presunto gay

Senegal, riesumato e bruciato perché presunto gay e considerato “mezzo uomo e mezzo donna” – VIDEO

News - Giuliano Federico 31.10.23