Flavia Fratello replica bene a Vannacci, ma in passato firmò contro il Ddl Zan e diede spazio alla transfobia delle TERF

La battuta pro-LGBTQIA+ della giornalista di La7 su Roberto Vannacci è andata virale. Ma nel 2021 Flavia Fratello si schierò con Marina Terragni nel criticare il DDL Zan.

ascolta:
0:00
-
0:00
flavia-fratello-battuta-vannacci
3 min. di lettura

È una questione annosa: un* simpatizzante della comunità LGBTQIA+ può definirsi davvero tale se alle spalle ha un passato di esternazioni problematiche verso cui non ha fatto pubblicamente ammenda?

Nelle scorse ore, la battuta della giornalista di La7 Flavia Fratello su Roberto Vannacci è diventata virale. Rispondendo a una dichiarazione del generale, in cui ricordava quella volta in cui sarebbe andato in locale gay a Roma con la moglie e avrebbe passato una “serata tranquilla”, Fratello ha scherzato:

“Amore bello, caro, ma certo che è stata una serata tranquilla. Cosa volevi, che ti saltassero addosso? Forse ti sarebbe piaciuto direbbe qualcuno, ma non noi che non siamo così cattivi e così maliziosi”.

Da qui, il plauso dei social, che in quattro e quattr’otto avrebbe eletto Fratello a nuova “icona” della comunità LGBTQIA+. Forse un po’ troppo in fretta. O forse era solo per farsi una risata.

Fatto sta che il movimento LGBTIAQ+ non può dimenticare l’ampio spazio che Fratello ha dato in passato ad alcune argomentazioni contro le Famiglie Arcobaleno. Contro la Gestazione per altri. Fino a firmare un appello contro il Ddl Zan. Ma soprattutto, Fratello ha dato in passato spazio a persone che agitavano odio transfobico, senza dare voce alle persone trans.

In una puntata della trasmissione di La7, Omnibus, risalente all’aprile del 2021, Flavia Fratello – in qualità di conduttrice – invitò Marina Terragni, nota femminista radicale conosciuta per le sue esternazioni transfobiche, a discutere del DDL Zan in un momento delicatissimo, quando la legge veniva discussa in senato.

In quell’occasione, Fratello diede ampio spazio a Terragni per sciorinare la propria conosciutissima retorica anti-trans davanti a un pubblico televisivo vastissimo, contribuendo trasmettere una percezione distorta del DDL.

Parlando – in termini sbagliati e sensazionalistici – di tematiche delicate come l’identità di genere e l’autodeterminazione delle persone transgender e gender non conforming, il duo non risparmiò neanche famiglie arcobaleno e GPA, rispolverando vecchi stereotipi per suggerire modifiche strutturali al DDL prima della sua approvazione. Nessuna persona T era seduta al tavolo di quella conversazione.

Dal minuto 57

Un punto di vista che Fratello mise bene in chiaro firmando anche l’appello di “Se non Ora Quando – Libere – collettivo femminista – contro l’autodeterminazione di genere:

“Il ddl Zan facendo leva su un tecnicismo che appare secondario e terminologico introdurrebbe, se non emendato, una pericolosa sovrapposizione della parola “sesso” con quella di “genere” con conseguenze contrarie all’art. 3 della Costituzione per cui i diritti vengono riconosciuti in base al sesso e non al genere e non in armonia con la normativa vigente, legge n. 164/82 (e successive sentenze della Corte Costituzionale), che ammette e consente la transizione da un sesso ad un altro sulla base non di una semplice auto-dichiarazione.

La definizione di “genere” contenuta nel ddl Zan, che non è accettata dagli altri Paesi, crea una forma di indeterminatezza che non è ammessa dal diritto, che invece ha il dovere di dare certezza alle relazioni giuridiche e di individuare le varie fattispecie.

Una legge attesa da decenni è stata, quindi, trasformata, in una proposta pasticciata, incerta sul tema della libertà d’espressione, offensiva perché introduce l’”identità di genere”, termine divenuto il programma politico di chi intende cancellare la differenza sessuale per accreditare una indistinzione dei generi.

Un articolato che mischia questioni assai diverse fra loro e introduce una confusione antropologica che preoccupa.  Fra le conseguenze vi sono la propaganda di parte, nelle scuole, a favore della maternità surrogata e l’esclusione di ogni visione plurale nei modelli educativi”.

Ad oggi, Fratello non ha mai ritrattato le opinioni espresse durante la puntata. La conduttrice ha tuttavia più volte ribadito il proprio sostegno – seppur condizionale – al DDL e alla comunità LGBTQIA+.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24
Taiwan, la drag queen Nymphia Wind si esibisce per la presidente uscente Tsai Ing-wen (VIDEO) - Nymphia Wind - Gay.it

Taiwan, la drag queen Nymphia Wind si esibisce per la presidente uscente Tsai Ing-wen (VIDEO)

News - Redazione 17.5.24
Sarah Toscano, Amici 23

Sarah Toscano vince Amici 23: è lei la popstar del futuro

Culture - Luca Diana 19.5.24
Sethu, è uscito il suo primo album "Tutti i colori del buio"

Sethu e i colori del buio: “Canto per tendere una mano a me stesso e agli altri, dopo Sanremo la depressione” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 17.5.24
Sergio Mattarella 17 maggio giornata internazionale contro omofobia transfobia bifobia

17 maggio, Mattarella contro l’omobitransfobia: “Non è possibile accettare di rassegnarsi alla brutalità”

News - Redazione 17.5.24
Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

Europee 2024, intervista a Carolina Morace (M5S): "Pace e diritti, sì alla GPA regolamentata. Atlete trans? È difficile" - Carolina Morace 1 - Gay.it

Europee 2024, intervista a Carolina Morace (M5S): “Pace e diritti, sì alla GPA regolamentata. Atlete trans? È difficile”

News - Federico Boni 13.5.24
Martina Navratilova sostiene che le donne trans non possano essere lesbiche - Martina Navratilova - Gay.it

Martina Navratilova sostiene che le donne trans non possano essere lesbiche

Corpi - Redazione 1.12.23
omofobia interiorizzata, stigma invisibile

Torino, condannati a 2 anni e a 16 mesi i genitori che minacciarono il figlio perché gay

News - Redazione 24.1.24
francia-proteste-trans

Francia, oltre 10.000 persone in piazza contro il disegno di legge che vieterebbe le terapie affermative per l* minori trans

News - Francesca Di Feo 7.5.24
milano-aggressione-baby-gang-in-diciannove

“Sei trans? Sei gay? Vergognati” a Milano minacce armate e insulti da una baby gang di 19 elementi

News - Francesca Di Feo 22.11.23
uganda uomo arrestato

Uganda, la Corte Costituzionale conferma la terribile legge omobitransfobica

News - Redazione 4.4.24
Accusata di essersi inventata la recensione omofoba di un cliente, è morta la ristoratrice Giovanna Pedretti - Giovanna Pedretti - Gay.it

Accusata di essersi inventata la recensione omofoba di un cliente, è morta la ristoratrice Giovanna Pedretti

News - Redazione 15.1.24
meloni orban

Ungheria, Orban sfida l’UE: “Inammissibile l’ingresso dei propagandisti LGBTIA+ nelle nostre scuole” – VIDEO

News - Redazione 22.1.24