“Manifesti Pro Vita disumani” la risposta LGBTQIA+ a Sondrio è esemplare

Coperti ieri pomeriggio i manifesti Pro Vita & Famiglia, che negli scorsi giorni avevano indignato realtà locali e cittadinǝ. Il comunicato di Valtellina Arcobaleno.

ascolta:
0:00
-
0:00
sondrio-manifesti-pro-vita-risposta-lgbtqia
Esponenti di Valtellina Arcobaleno
3 min. di lettura

Sondrio ha scelto di non rimanere in silenzio davanti alla vergognosa propaganda anti-LGBTQIA+ di Pro Vita. Negli scorsi giorni, i manifesti su teoria del gender e affini erano arrivati anche qua, con buona pace dell’amministrazione comunale di centrodestra. Ma non dellǝ cittadinǝ.

In risposta alla CGIL, che in una nota congiunta di varie realtà locali ne aveva richiesto la rimozione immediata, la giunta guidata dal sindaco Marco Scaramellini aveva replicato duramente evocando il concetto di ‘pensiero unico’ e difendendo la libertà di espressione di Pro Vita, pur di fronte a messaggi oggettivamente offensivi e potenzialmente dannosi per la comunità.


In parallelo, anche un’iniziativa popolare, con la raccolta firme di un gruppo di cittadini a sostegno del messaggio di CGIL. La questione era quindi arrivata all’attenzione del consiglio comunale, con un’interrogazione urgente sulla vicenda dagli esponenti del Partito Democratico

I controversi manifesti sono stati finalmente occultati ieri pomeriggio, un risultato ottenuto anche grazie all‘azione decisa di Valtellina Arcobaleno che, con un comunicato diretto e incisivo, ha smascherato sia le argomentazioni di ProVita che la posizione adottata dalla giunta comunale.

Sentiamo il bisogno di intervenire sulla questione dei manifesti esposti in questi giorni nelle strade di Sondrio da parte dell’associazione Provita & famiglia.

Siamo un gruppo di persone Lgbt+ che da alcuni mesi sta cercando di operare sul territorio per la difesa della dignità e la promozione dei diritti delle persone lesbiche, gay, bisessuali, transessuali e no binary.

Abbiamo condiviso, perché lo sentiamo profondamente nostro, il comunicato stampa della Cgil, che si è mossa a difesa della nostra dignità e delle nostre famiglie. Anche per noi quei cartelli sono offensivi, oltre ad essere mistificatori e volgari.

Ribadiamo che è mistificatorio e falso propinare l’esistenza di una ideologia gender che esiste solo nelle fantasie ideologiche di Provita & Famiglia.

Questa posizione, ideologica e falsa, ha solo l’obiettivo di istigare la paura nelle famiglie di un pericolo, inesistente, per individuare un possibile nemico che va ad importunare i bambini e le famiglie nel loro percorso di crescita personale.

Nulla di più falso e mistificatorio.

In realtà quello che realmente esiste sono solo degli studi definiti “di genere” che hanno solo lo scopo di ridurre nella società quei fattori che portano discriminazione di genere, fra maschio e femmina e che incrementano le discriminazioni nei confronti delle minoranze non conformi ad una mentalità sociale che si limita alla visione binaria della sessualità dove esistono solo due generi a cui per forza conformarsi .

Quei cartelli, con quelle immagini e quelle frasi, tengono ad eliminare e colpevolizzare coloro che nella realtà a fatica cercano di vivere la loro identità troppo spesso nascosta, derisa ed emarginata.

Allo stesso tempo, negare in modo ideologico, l’esistenza di famiglie, considerate diverse solo perché composte da genitori dello stesso sesso, negare l’esistenza delle loro relazioni, dei loro figli e figlie è profondamente violento, non solo per i genitori ma anche e soprattutto per i loro figli.

Tutte le figlie ed i figli, tutte le bambine ed i bambini hanno bisogno di rispetto e tutela da parte della società, nessuno si deve arrogare il diritto di denigrarli o di indicarli come diversi o nemici.

Non riusciamo a capire la posizione di questa associazione che si autodefinisce pro vita e famiglia e poi infanga le vite degli altri e denigra le altre famiglie. La vita dell’essere umano non solo va tutelata nel momento della nascita e della morte ma durante tutto l’arco della sua esistenza.

Perché la vita di un bambino o una bambina deve essere considerate sacra solo alla nascita e poi nel corso della sua esistenza non può essere rispettata nella sua profonda identità personale che non sempre è biologicamente conforme?

Perché la tutela assoluta è solo nell’atto ultimo della vita e non sa essere rispettosa nei diversi percorsi di relazione ed affetto che prevedono anche modi diversi di vivere la famiglia?

Perché il rispetto della vita e della persona può giungere al punto di scomparire definendola illegittima , nemico, pericolo ?

Di fronte ai percorsi non facili di giovani, che in un territorio chiuso e difficile come la Valtellina, cercano di capire la propria vera identità, che senso ha mettere dei cartelli vicino alle scuole che negano la loro persona ed il loro essere?

Questo non è offensivo è solo disumano.

Non si tratta, come hanno detto alcuni politici locali, di permettere la libera espressione. Si tratta solo di capire come la tua libertà di espressione si può e forse a volte si deve fermare di fronte alla possibilità di offendere qualcuno diverso da te. La nostra libertà ha un confine quando lede la dignità e la libertà dell’altro.

Essere contro quello che viene definito il “politicamente corretto” non è solo una gergo di moda che in realtà, se negato, non ha altra possibilità di perpetrare quello che è scorretto? Questo vuol dire allora continuare ad offendere altri perché diversi da me, dal mio genere, dal mio orientamento sessuale, dalla mia origine, dalla mia posizione sociale e dalla mia visione politica.

Essere per la vita e per la famiglia dovrebbe essere a sostegno di tutte le vite e di tutte le famiglie senza avere la pretesa che solo la mia vita e la mia famiglia ha dignità e solo essa ha bisogno di tutele e rispetto, riservando ad altri solo scredito ed offese”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Sentenza Bari due mamme Gay.it

Tribunale di Roma, sì alla trascrizione del certificato estero con due mamme

News - Redazione 26.2.24
Rosso, bianco e sangue blu 2? Taylor Zakhar Perez alimenta le speranze di un sequel - Rosso bianco e sangue blu - Gay.it

Rosso, bianco e sangue blu 2? Taylor Zakhar Perez alimenta le speranze di un sequel

Cinema - Redazione 26.2.24
FOTO: LUKE GILFORD

Kim Petras risponde ai commenti sessisti e transfobici: “Siete la piaga del pianeta”

Musica - Redazione Milano 26.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
Eurovision 2024 Eden Golan October Rain

Boicottare Eurovision 2024 e la partecipazione di Israele? “October rain” di Eden Golan va esclusa?

Musica - Redazione Milano 27.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24

Leggere fa bene

gesù natale impatto ambientale

Natale: caro Gesù Bambino, la celebrazione della tua venuta è un disastro per il pianeta

News - Giuliano Federico 15.12.23
Gabriel Attal

Gabriel Attal, luci e ombre del Primo Ministro francese gay che piace alla destra

News - Lorenzo Ottanelli 11.1.24
Libri omocausto Gay.it

Storie dall’omocausto: cinque libri per saperne di più

Culture - Federico Colombo 24.1.24
torino-casarcobaleno-aggressione

Torino, tre minorenni fanno irruzione nella sede di CasArcobaleno urlando insulti omobitransfobici durante una proiezione cinematografica

News - Francesca Di Feo 9.10.23
Fedez in lacrime al governo Meloni: "La salute mentale è un'emergenza, non tagliate il bonus psicologo" - VIDEO - fedez - Gay.it

Fedez in lacrime al governo Meloni: “La salute mentale è un’emergenza, non tagliate il bonus psicologo” – VIDEO

Corpi - Redazione 30.10.23
Jamie Lee Curtis contro l’omobitransfobia in nome della religione: "Amore e umanità sono il centro della comunità gay e trans" - Jamie Lee Curtis - Gay.it

Jamie Lee Curtis contro l’omobitransfobia in nome della religione: “Amore e umanità sono il centro della comunità gay e trans”

Culture - Federico Boni 10.11.23
Vannacci, papabile capolista Lega alle europee: “L’omosessualità dipende dal condizionamento sociale” - VIDEO - Roberto Vannacci - Gay.it

Vannacci, papabile capolista Lega alle europee: “L’omosessualità dipende dal condizionamento sociale” – VIDEO

News - Redazione 16.1.24
100 anni di Disney, Pro Vita protesta a Disneyland Paris chiedendo il boicottaggio per propaganda LGBTQIA+ - 100 anni di Disney Pro Vita e Famiglia protesta a Disneyland Paris chiedendo il boicottaggio per propaganda LGBTQIA - Gay.it

100 anni di Disney, Pro Vita protesta a Disneyland Paris chiedendo il boicottaggio per propaganda LGBTQIA+

Culture - Redazione 17.10.23