Fiorello al Vaticano: i gay non sono il diavolo

Leggi italiane vergognose sulle cellule staminali, si ai Pacs e quanta ipocrisia della Chiesa sull’omomosessualitàStraordinario Fiorello a ruota libera.

ROMA – È forse l’uomo di spettacolo più popolare d’Italia Fiorello, che parla di se, della sua famiglia, del suo essere cattolico e delle sue idee sulle coppie gay in un’intervista alla rivista Vanity Fair che certamente farà discutere. Rosario Fiorello, siciliano, 46 anni, questa estate diventerà padre di una bambina e nell’intervista ha affrontato in maniera aperta e senza peli sulla lingua argomenti in questo paese “scomodi” e controversi. Sulla nascita della figlia, che si chiamerà Angelica, Fiorello dice che con la moglie si stanno organizzando per congelare il cordone ombelicale. All’estero, perché in Italia non è consentito. «Si, purtroppo la legge non permette di farlo in Italia.» dice lo showman, «Ed è una vergogna. Se un giorno mia figlia dovesse disgraziatamente averne bisogno, potrà disporre delle sue cellule staminali. Chi non ha i soldi, invece, rinuncia alla possibilità di guarire: è assurdo e ingiusto.»

Alla domanda se la bambina verrà battezzata Fiorello dice di si perché «sono cattolico e all’antica. Anche se ultimamente ho avuto qualche problema con la fede. Certe cose della Chiesa non le capisco. Per me i preti devono stare dalla parte dei poveri e dei disgraziati, mentre in giro li vedo troppo spesso con macchinone, vestiti di lusso e anelli enormi. E poi l’ipocrisia sull’omosessualità: se nella Chiesa ci soomosessualitài sono, perché tapparsi gli occhi così? Un omosessuale non è il diavolo.» Quando gli viene chiesto se è favorevole ai PaCS, i Patti Civili di Solidarietà, Fiorello dice: «Certo. E Prodi dovrebbe istituirli, senza pensarci più di tanto, anche qui da noi.» Il conduttore, cantante e attore dice di stare anche pensando ad un nuovo programma televisivo ma che è ancora troppo presto per parlarne. (RT)

Ti suggeriamo anche  Regno Unito, prima unione civile eterosessuale. La precisazione di Ivan Scalfarotto su quelle italiane
Omofobia

Russia, l’indecente spot che attacca le famiglie arcobaleno – video

Uno spot vergognoso, ovviamente consentito a dispetto di tutti i Pride, i film e le serie con personaggi LGBT al loro interno, da anni vietati in Russia perché colpevoli di "propaganda gay". Sulla propaganda sfacciatamente omotransfobica, invece, nulla da obiettare.

di Federico Boni