Francia, ora si può dire che la Manif Pour Tous è un movimento omofobo

Lo ha stabilito una sentenza della suprema corte francese, secondo cui non costituisce reato di diffamazione.

manif pour tous
< 1 min. di lettura

Vi ricordate di Manif Pour Tous? Anche per la Corte di Cassazione francese il gruppo ultracattolico è una realtà omofoba.

La Manif Pour Tous, il movimento transalpino che ha unito gli integralisti con l’estrema destra e ha lottato contro il “mariage pour tous”, ovvero il matrimonio egualitario introdotto sotto la presidenza di François Hollande, può essere definito omofobo senza che questo costituisca reato grazie a una sentenza della giustizia francese.

La famigerata organizzazione che ha una costola anche in Italia, aveva citato in giudizio il collettivo LGBT parigino Act Up, noto per il film 120 battiti al minuto, accusandolo di diffamazione. Act Up aveva infatti “osato” definirli omofobi in alcuni volantini.

manif pour tous
Gli attivisti di Act Up in una scena del film 120 bpm.

Sebbene al primo grado di giudizio sia stata proprio la Manif Pour Tous a vincere, la Corte di Cassazione ha ribaltato la sentenza stabilendo che definire il gruppo omofobo non costituisce reato e condannandolo a versare 1.500 euro di risarcimento ad Act Up.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Sergio Mattarella 17 maggio giornata internazionale contro omofobia transfobia bifobia

17 maggio, Mattarella contro l’omobitransfobia: “Non è possibile accettare di rassegnarsi alla brutalità”

News - Redazione 17.5.24
queer palm, festival di cannes, i vincitori

Festival di Cannes. Tutti i film vincitori della Queer Palm dal 2010 ad oggi

Cinema - Gio Arcuri 17.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Sara Drago

Sara Drago: “La realtà è piena di diversità, sarebbe bellissimo interpretare un uomo” – intervista

Cinema - Luca Diana 11.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Sarah Toscano, Amici 23

Sarah Toscano vince Amici 23: è lei la popstar del futuro

Culture - Luca Diana 19.5.24

Hai già letto
queste storie?

afghanistan-persone-transgender

L’Afghanistan a 3 anni dall’ascesa dei talebani: stupri, torture e violenze all’ordine del giorno per le persone transgender

News - Francesca Di Feo 2.4.24
dritto e rovescio

Questi uomini non sono mostri, ma figli del patriarcato: le parole di Elena Cecchettin

News - Riccardo Conte 20.11.23
Marius Madalin Musat e Jonathan Bazzi

Jonathan Bazzi “Cos’ha Milano di inclusivo e anticlassista?”, aggredito in Porta Venezia con il suo compagno Marius Madalin Musat

News - Redazione Milano 4.1.24
a sinistra: Marco Mengoni e Lorenzo Casizzone paparazzati fuori da un locale a Milano, foto tratta da Chi - a destra foto di Casizzone da Linkedin

Marco Mengoni e Lorenzo Casizzone, è giunto il momento dell’amore?

News - Mandalina Di Biase 21.3.24
romania-unione-civile-in-italia (1)

Denis e Gianluca, la loro unione sbeffeggiata dalla burocrazia romena: “Ci hanno riso in faccia” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 9.1.24
Gaynet - campagna terapie riparative

L’oppressione nascosta, terapia riparativa per una persona LGBTIQ+ su quattro, il dato shock dell’Unione Europea

News - Redazione Milano 15.5.24
boy-scouts-of-america-nome-gender-neutral

I “Boy Scout” cambieranno nome per essere gender neutral

News - Francesca Di Feo 9.5.24
stati-uniti-la-bandiera-pride-di-nuovo-bandita-dalle-sedi-ufficiali-del-governo

Stati Uniti, la bandiera Pride di nuovo bandita dalle sedi ufficiali del governo

News - Francesca Di Feo 22.3.24