Fermi tutti: arriva Loredana!

La Bertè in concerto alla serata gay Pour Homme dei Magazzini Generali per una notte di Halloween indimenticabile. Contro ogni regola e ogni conformismo è sempre lei la “signora” del rock italiano

Milano – Lei, che certo non le manda a dire, lo aveva fatto presente pure in tv: “Dite a quelli dei Magazzini Generali di Milano che ce devo torna’ pe’ fini’ er concerto. L’altra volta che ce sono andata ‘na travestita (la Pezzotti N.d.R.) m’ha tolto er microfono e nun m’ha fatto fini’, ma insomma!?” Ed ecco che l’occasione per finire questo concerto, o meglio, per farne addirittura uno nuovo, è arrivata. Non è uno scherzetto, e nemmeno un dolcetto: Loredana Bertè, l’unica, inimitabile, incazzata quanto favolosa signora (anche se lei dice di non esserlo) del rock italiano, sarà l’ospite speciale della notte di Halloween per il suo concerto live alla serata Pour Homme dei Magazzini Generali, sabato 31 ottobre. Il locale aprirà i cancelli alle 23 e dopo il concerto di Loredana si continuerà a ballare fino alle 5 del mattino con i dj del Pour Homme nella main room e quelli del Billy (al piano inferiore). Vista la grande affluenza, è consigliabile mettersi in lista online per ottenere l’ingresso a un prezzo ridotto.

Che dire di Loredana? Non vi è una sua apparizione televisiva che non si sia trasformato in un evento mediatico. Partita dalla Calabria porta con sè tutta la forza della sua terra, unita alla rabbia, alla passione, e all’amore per la musica. Cantante e cantautrice, amica inseparabile di Renato Zero (vedi foto), con la sorella maggiore, l’indimenticabile Mia Martini, iniziarono a muovere i primi passi nei locali notturni della capitale nei primi ‘70. Lei bellissima, sicuramente la più bella di tutte nel panorama della musica italiana: gambe stupende, pelle ambrata, labbra carnose, occhi penetranti, capelli sciolti al vento. Nove volte a Sanremo, quando vi si presentò vestita da donna incinta ricevette i complimenti direttamente da Sting. All’ultima edizione è stata esclusa dalla gara restando però l’unica nota di merito del festival. Senza dimenticare quel Festivalbar, quando, vestita da sposa (in nero), inciampò sul palco e rialzandosi disse: “Non sono una signora e non sono abituata a portare questi abiti”.  E stavolta ai Magazzini Generali che cosa succederà? Mi raccomando voi state attenti alla Bertè, attenti a quando cambia faccia, diventa velenosa, lei diventa la… Bertaccia!

Ti suggeriamo anche  Milano, parla l'uomo aggredito dal vicino omofobo con una sega

 

di Francesco Belais