I Saw The TV Glow è il film horror trans* che aspettavamo?

Tutto sul film di Jane Schoenbrun che ha conquistato il Sundance Film 2024.

ascolta:
0:00
-
0:00
I SAW THE TV GLOW (2024)
I SAW THE TV GLOW (2024)
3 min. di lettura

Quando si supera la linea sottile tra realtà e finzione? Quanto influisce quello che vediamo sullo schermo sulla percezione di noi stessə? Esplorare la tua identità può diventare un trip allucinogeno, un incubo ad occhi aperti, ma anche un incredibile coming of age. Proprio come I Saw The TV Glow.

In una valanga di titoli queer  presentati al Sundance Film Festival 2024 (che potete leggere in anteprima qui), il secondo film dellə regista Jane Schoenbrun ha messo d’accordo chiunque, promettendo di diventare il prossimo grande cult del nuovo anno.

Impossibile classificarlo: sci-fi  adolescenziale? Body horror? Racconto di formazione queer? Scheonbrun si è presə ogni libertà narrativa possibile per raccontare il cosiddetto “egg crack moment ovvero quando “l’uovo si schiude” e per quanto hai cercato di negarlo, ammetti a te stessə che sei trans*.

È quello che succede a Owen (interpretatə sia da Ian Foreman che da Justice Smith) e Maddy (Brigette Lundy-Paine), adolescenti solə e spaesatə tra le casette a schiera della periferia americana, che trovano sollievo e connessione in The Pink Opaque, show televisivo che nel bel mezzo della notte, li fa sentire vistə. Una sensazione così viscerale da tenerlə incollatə allo schermo, a tal punto da distoglierne la realtà circostante. Tutto accompagnato da una colonna sonora che alterna tra lə tantə, lo zampino di Phoebe Bridgers, amatissima cantautrice queer della girlband Boygenius, e la regina dell’hyper-pop d’oltreoceano, Caroline Polachek.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da brigette lundy-paine (@briiiiiiiiiig)

In un’intervista con Variety, Schoenbrun racconta che il ‘guscio’ della sua identità si è ‘rotto’ quando aveva 32 anni, e di aver iniziato a scrivere la sceneggiatura durante i primi step della sua transizione: esplorando, in un turbinio di pensieri contraddittori, quelle parti di sé mai conosciute prima, “ma che sono sempre state lì”. 

Il film pesca a piene mani dagli show che hanno formato la sua adolescenza, da Buffy L’Ammazzavampiri (incluso un cameo di Amber Benson, l’attrice che interpretava Tara in Buffy, fidanzata di Willow e tra i personaggi apertamente queer della serie) a X-Files fino a Piccoli Brividi, Hai Paura del Buio?, e Twin Peaks. L’unione tra televisione anni 90 e surrealismo è per Schoenbrun una lettera d’amore a quegli show che quando era adolescente diventavano via di fuga e compagnia magica che “con un accenno di amore e bellezza” riusciva a farti sentire meno solə e isolatə. Ma al contempo, ti nascondevano da una realtà che prima o poi guarderai in faccia. Nelle parole di David Ehllrich su Indiewire: “Le cose che guardiamo talvolta ci guardano a loro volta. Guardano perfino parti di noi stessə da cui ci nascondiamo o non sappiamo ancora nominare“.

Arriverà mai in Italia? La strada dei titoli indipendenti è imprevedibile nel nostro paese. Potremmo ritrovarcelo ovunque grazie al passaparola o lasciarlo passare in sordina (come l’iconico Bottoms di Emma Sellingman, disponibile da poco su Prime Video). Sembrerebbe che i nostri distributori non sanno ancora come ‘maneggiare’ prodotti queer che non siano facilmente vendibili al grande pubblico, se non piazzandoli nel mucchio di qualche piattaforma streaming.

Ma oltre al timone A24, I Saw The TV Glow è stato prodotto da Fruit Tree, casa di produzione fondata da Emma Stone insieme al marito Dave McCary. Proprio la star di Povere Creature dichiara di essere rimasta colpita dalla visione innovativa e anticonformista di Schoenbrun, definendolo un film ‘bellissimo e profondamente personale.

Credo che per molte persone trans* l’inizio della transizione è un periodo davvero sbalorditivo, dove tutto quello che hai accettato come realtà viene gettato dentro un flusso, e richiede un atto di fiducia incredibilmente bello e coraggioso, talvolta completamente incatalogabile, come se non avessi una mappa su dove e come la tua vita andrà” dice lə regista a Deadline “Volevo fare un film che catturasse quell’esperienza e lo facesse con onestà, perché non penso che molte persone hanno l’opportunità di fare film su questo”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Roberto Vannacci accusato di istigazione all'odio e difeso dalla Lega di Salvini

“Vannacci ha istigato all’odio razziale” l’accusa, la Lega di Salvini lo difende

News - Redazione Milano 26.2.24
FOTO: LUKE GILFORD

Kim Petras risponde ai commenti sessisti e transfobici: “Siete la piaga del pianeta”

Musica - Redazione Milano 26.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
Olivia Rodrigo in bad idea right? (2023)

Olivia Rodrigo è la rockstar (e attivista) che meritiamo: il suo Guts Tour contro le leggi anti-aborto

Musica - Riccardo Conte 26.2.24

Leggere fa bene

Supereroe gay Northstar Marvel

Il primo supereroe gay, quando nel 1983 Northstar incontrò un suo ex

Culture - Francesca Di Feo 19.10.23
Chiamami col mio nome: quando le persone trans si raccontano come vogliono - homepage ri scatti scaled 2 - Gay.it

Chiamami col mio nome: quando le persone trans si raccontano come vogliono

Culture - Riccardo Conte 10.10.23
American Fiction, la critica applaude lo Sterling K. Brown gay nella commedia di Cord Jefferson - American Fiction - Gay.it

American Fiction, la critica applaude lo Sterling K. Brown gay nella commedia di Cord Jefferson

Cinema - Redazione 17.1.24
@lilnasx

Lill Nas X ha aiutato il fratello a fare coming out come bisessuale

Musica - Redazione Milano 11.9.23
Wish, esce al cinema il nuovo classico animato Disney con le voci di Gaia e Amadeus - WISH ONLINE USE 390.0 107.00 frame56 2K - Gay.it

Wish, esce al cinema il nuovo classico animato Disney con le voci di Gaia e Amadeus

Cinema - Redazione 19.12.23
@elliotpage

Elliot Page in Close To You: tra misgendering e scene a petto nudo

Cinema - Redazione Milano 12.9.23
C'è Ancora Domani maggior incasso del 2023 davanti a Barbie, per la prima volta il Cinema italiano è donna - barbie ce ancora domani - Gay.it

C’è Ancora Domani maggior incasso del 2023 davanti a Barbie, per la prima volta il Cinema italiano è donna

Cinema - Federico Boni 29.12.23
Venezia 2023: Bradley Cooper e Caleb Landry Jones, sfida a due per una Coppa Volpi "queer" - Bradley Cooper e Caleb Landry Jones - Gay.it

Venezia 2023: Bradley Cooper e Caleb Landry Jones, sfida a due per una Coppa Volpi “queer”

News - Federico Boni 5.9.23