Il lato oscuro delle positive vibes

L'angoscia di pensare positivo mi genera altra angoscia. Allora come ne esco?

ascolta:
0:00
-
0:00
Il lato oscuro delle positive vibes
Portrait of a Young Woman in White (circa 1798) by Jacques-Louis David
4 min. di lettura

Aiutati che Dio ti aiuta” ha sempre detto mia madre.
Una frase ripetuta a cadenza regolare, ogni volta che il cuore mi batteva nel petto più del consentito, ogni volta che la mia testa cominciava a girare su sé stessa e a perdersi in una spirale infinita, ogni volta che mi risvegliavo con la tachicardia. Provvedi davanti il problema, prendi il toro per le corna, agisci sul pratico, e vedrai che qualcuno dall’alto se ne accorgerà, e ti allungherà la mano per risollevarti. Ma prima fallo da solo, dimostragli che sei bravo. È una frase che mi è stata ripetuta così tante volte, da autoconvincermi che ogni volta che mi perdevo dentro la mia mente, la colpa era soprattutto mia. Era un’esagerazione, una relazione spropositata che avrei potuto tenere a bada se solo fossi stato capace: pensa positivo, domani è un altro giorno, dopo la pioggia arriva sempre l’arcobaleno. Mi sono così abituato a queste frasi da non riuscire più a distinguere le mie emozioni, filtrate da un giudizio più grande, mascherate sotto un sorriso stampato in faccia, che per quanto finto, mi conferiva la dignità per stare al mondo. La mia tristezza ha cominciato a vergognarsi, ma non se n’è mai andata.

il lato oscuro delle Positive Vibes
Cover di Boy Parts, di Eliza Clark

Nella stessa epoca in cui abbiamo iniziato a rinominare ogni comportamento distruttivo e asfissiante come “tossico”, quella di mia madre viene chiamata ‘positività tossica’:  “Il presupposto, sia da noi stessi che dagli altri, che nonostante il dolore o la situazione difficile che una persona sta vivendo, dovrebbero comunque mantenere un atteggiamento positivo – o in altre parole – delle positive vibes” spiega Dr. Jaime Zuckerman, psicologo della Pennsylvania, specializzato in disturbi d’ansia. Chiariamoci, non penso che le persone come mia madre vivono sconnesse dalla realtà: non c’è nulla di male nel mantenere un atteggiamento positivo, che difatti può anche essere d’aiuto. Per questo preferisco risparmiarmi il termine “tossico” – ormai così generico da demonizzare ogni concetto e appiattire ogni riflessione – e concentrarmi sull’effetto collaterale di questa tendenza, senza l’urgenza di etichettarla. Quello di mia madre è un mindset che ha derive infinite: muore una persona cara, e ti rispondono che tutto “accade per una ragione”. Ti spezzano il cuore, e ti dicono di ricordare “che c’è sempre chi sta peggio”. Stai male, ma la felicità è una scelta. Piuttosto che effettivamente alleviare il dolore, lo appesantisce di un nuovo carico: la pressione di apparire felici. “La pressione di apparire okay invalida il range di emozioni che tutti proviamo” spiega a Healthline, Carolyn Karoll, psicoterapeuta di Baltimora: “Può darti l’impressione di essere difettoso quando ti senti stressato, interiorizzando dentro di te la convinzione di essere debole e inadeguato.” In sostanza, Karoll evidenzia come giudicare le emozioni degli altri, ne genera altre che non fanno altro che peggiorare la situazione.

Non voglio essere compatito” è un’altra frase che ho sentito ripetere ad oltranza. fino a ripeterla anche io. La compassione è sempre andata a braccetto con la pena: se percepisco e riconosco insieme a te la tua tristezza, invece che alleviarla genero disprezzo. È qualcosa che – complice i consigli di mia madre – mi ha convinto che in questi casi va trovata una soluzione rapida: ti fornisco un consiglio, ti faccio sapere come la penso, ti dico io cosa fare. Un atto d’onnipotenza nel tentativo di proiettarci nella mente dell’altro e veicolarla secondo uno schema preciso. Come se la testa delle persone fosse interscambiabile, telecomandata verso la guarigione aggiustando i fili o sbattendola più forte. Un modus operandi che cade a cecio con questi ultimi anni di pandemia: durante la tragedia di Marzo 2020, il primo consiglio che ci veniva dato era di restare a casa ed essere produttivi. Fuori la finestra c’è il panico, ma tu prendi il meglio di questo momento, impara a cucinare, dipingi, leggi più libri possibili, allenati, o ancora meglio, lavora più di prima adesso che hai tempo. L’ho fatto anche io: ho confezionato ogni emozione scomoda in compartimenti stagni, anestetizzandola nel tentativo di arrivare a fino giornata senza tuffarmi giù dal balcone, a tal punto da dimenticare come mi sentissi in quel momento. Convinto di reagire nella più consona e adeguata, mi sentivo fiero di me. Rievocando i consigli di mia madre, stavo reagendo. Finché un giorno – quando la situazione generale iniziò ad ammorbirdisi di più, proprio quando potevamo permetterci di mettere il muso fuori casa – andai in cortocircuito e crollai.

il lato oscuro delle Positive Vibes
Peter Hujar, Boy on Raft , 1978

Per quanto il modus operandi non è risultato davvero vincente, l’urgenza di controllare la tristezza prima di sentirla è spesso più forte. Restare in silenzio davanti la nostra angoscia e quella degli altri, ci fa sentire impotenti e inutili, incapaci di maneggiare quella situazione. Ci spaventa l’ipotesi che quell’emozione, così poco familiare e fuori posto, occupi la scena con la sua presenza ingombrante, facendoci perdere il controllo. Se non posso fornire consigli o trovare una soluzione, cosa posso fare? “Non possiamo, in quanto esseri umani, semplicemente scegliere le emozioni che vogliamo avere.” spiega Zuckerman “Semplicemente non funziona così. Sentire le nostre emozioni, dolorose o meno, ci permette di restare presenti“. A questo punto, ho cominciato a rivalutare la compassione. Antipatica e scomoda, ma almeno mi mette in posizione d’ascolto per comprendere questa tristezza. Perché se chiusa in casa, la tristezza ulula come un segugio, scalciando le zampe sulla porta d’ingresso per uscire: una volta all’aria aperta, la tristezza smette di ululare, e cammina al mio fianco senza pestarmi i piedi, viene a prendersi da bere con me senza farmi andare di traverso il cocktail, e posso iniziare ad osservarla. Trovare spazio per la tristezza non mi fa più sentire un’automa, ma mi permette di ricominciare a respirare a pieni polmoni, senza ridurre tutto quello che provo ad una frase motivazionale, così piccola e stretto da farmi mancare l’aria. Mi fa sentire reale e presente, e quando non sento più la pressione di apparire come dovrei, posso finalmente aiutarmi.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24
Roberto Vannacci

Roberto Vannacci avrebbe truffato lo Stato secondo l’indagine della procura militare

News - Giuliano Federico 24.2.24
glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24
transgender allattamento seno

Le mamme transgender e i genitori AMAB possono allattare: lo dice la scienza

Corpi - Francesca Di Feo 22.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24

Hai già letto
queste storie?

vaiolo-delle-scimmie-firenze

Firenze, 11 casi confermati di vaiolo delle scimmie, ma nessun allarmismo: la situazione è sotto controllo

Corpi - Francesca Di Feo 2.2.24
L’oblio oncologico è legge: un dialogo con l’attivista Laura Marziali - Sessp 11 - Gay.it

L’oblio oncologico è legge: un dialogo con l’attivista Laura Marziali

Corpi - Federico Colombo 28.12.23
ViiV Gay.it PrEP Camp Roma Novembre 2023

PrEP Camp, è tempo di attivismo in Italia

Corpi - Daniele Calzavara 9.11.23
eyes wide shut

Durante le feste si fa più sesso?

Lifestyle - Riccardo Conte 18.12.23
THE GENDER SPECTRUM COLLECTION

Regno Unito, transfobia in ospedale: donne trans bandite dai reparti femminili

Corpi - Redazione Milano 4.10.23
dieta-vegana-livelli-di-libido

I vegani lo fanno meglio: uno studio rivela che una dieta plant-based incrementa i livelli di libido

Corpi - Francesca Di Feo 12.1.24
prepcamp viiv healthcare

PrEP oltre gli stereotipi, ecco “come mi ha migliorato la vita”: le storie vere di Claudia, Marcello, Carlotta e Lorenzo – VIDEO

Corpi - Daniele Calzavara 20.11.23
cena ozpetek

Come sopravvivere al pranzo con i parenti?

Lifestyle - Riccardo Conte 12.12.23