La pillola del giorno dopo per l’AIDS

Uno studio condotto in Brasile su 200 persone con comportamenti sessuali a rischio ha dimostrato che il trattamento può bloccare l’infezione sul nascere.

La pillola del giorno dopo per l'AIDS - pillole1 - Gay.it
2 min. di lettura

Esiste già da tempo, e non è una compressa, ma una post-profilassi composta dal cocktail di farmaci che i malati prendono ogni giorno. Uno studio condotto in Brasile su 200 persone con comportamenti sessuali a rischio ha dimostrato che il trattamento può bloccare l’infezione sul nascere. Alla Conferenza annuale sui retrovirus, in corso a Seattle, i ricercatori brasiliani hanno presentato gli esiti del loro studio. Per due anni i medici hanno tenuto sotto controllo duecento gay negativi al test dell’Hiv che non praticavano sempre sesso sicuro. Dopo ogni rapporto non protetto dovevano prendere due pillole per quattro giorni, poi tornare in ospedale per continuare il ciclo di profilassi. Alla fine, solo 11 si sono infettati, e solo uno di questi aveva seguito la cura con regolarità. Come è logico il test ha sollevato polemiche. Per molti, sapere che esiste una rete di sicurezza può incoraggiare un comportamento pericoloso.In realtà non è stato così, ha spiegato Mauro Schechter, coordinatore della ricerca: "I soggetti erano molto più disinibiti e correvano rischi all’inizio della sperimentazione che verso la fine". E la persona che si è infettata? "E’ successo perché si trattava di un ceppo di virus che si è dimostrato resistente a uno dei due farmaci impiegati", ha spiegato Schechter. La post-exposure prophylaxis (Pep) è praticata ormai da anni su medici e infermieri che hanno contatti accidentali con sangue infetto. Prevede l’assunzione di 56 pastiglie di medicinali già noti (l’AZT e il 3TC, talvolta con inibitori della protease) nell’arco di 28 giorni, e deve iniziare non oltre 36 ore dopo essere stati esposti al rischio d’infezione. Molti medici sono contrari alla sua diffusione, poiché temono che la gente si senta libera di praticare sesso non sicuro, e c’è il rischio che i farmaci non funzionino e creino ceppi virali resistenti, con conseguenze disastrose sul controllo dell’epidemia.

di Paola Faggioli

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Carmine Alfano, le frasi choc del candidato sindaco di Torre Annunziata: "I ricchi*ni nel forno crematorio" - Carmine Alfano - Gay.it

Carmine Alfano, le frasi choc del candidato sindaco di Torre Annunziata: “I ricchi*ni nel forno crematorio”

News - Redazione 18.6.24
Mahmood per Paper Magazine

Mahmood apre il dibattito: “Sputo o lubrificante?”, e i fan si scatenano. I commenti più divertenti

Musica - Emanuele Corbo 19.6.24
11 sportivi lgbt

Sport e comunità LGBTIQ+: 14 storie che devi conoscere

News - Gio Arcuri 18.6.24
Guglielmo Scilla e la trasformazione fisica: "Allenarmi è diventato un viaggio liberatorio, ho faticato ad accettarmi" (VIDEO) - Guglielmo Scilla 2 - Gay.it

Guglielmo Scilla e la trasformazione fisica: “Allenarmi è diventato un viaggio liberatorio, ho faticato ad accettarmi” (VIDEO)

Corpi - Redazione 19.6.24
Stonewall Inn, oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate: "Non riuscirete ad intimidirci" - Stonewall Inn oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate - Gay.it

Stonewall Inn, oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate: “Non riuscirete ad intimidirci”

News - Redazione 19.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24

Leggere fa bene

Hiv sentenza Bari su U uguale U Gay.it

U = U, sentenza storica, assolto un uomo accusato di aver trasmesso l’Hiv: se non è rilevabile non si può trasmettere

Corpi - Daniele Calzavara 28.2.24
Icar PrEP Long Acting - Giugno 2024

Prevenzione HIV, l’appello dei clinici e della Community dei pazienti per l’approvazione della Long Acting PrEP

News - Gay.it 20.6.24
David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24
Positive+1, l'app di dating per persone sieropositive - Positive1 - Gay.it

Positive+1, l’app di dating per persone sieropositive

Corpi - Federico Boni 12.1.24
Vivere con Hiv testimonianza Enrico

Vivere con l’Hiv, la testimonianza di Enrico: “Quando l’ho detto al mio compagno questa è stata la sua risposta”

Corpi - Daniele Calzavara 14.3.24
Hiv Salute Mentale e Supporto Psicologico

Autostigma e salute mentale per le persone HIV+: l’importanza dell’aspetto psicologico

Corpi - Daniele Calzavara 2.5.24
PrEP Universale, l'appello per il superamento delle barriere che in Italia vengono poste all’accesso alla terapia - PrEP universale – basta barriere - Gay.it

PrEP Universale, l’appello per il superamento delle barriere che in Italia vengono poste all’accesso alla terapia

News - Redazione 20.6.24
Vivere con hiv - la testimonianza di Enrico

Vivere con il virus: “L’Hiv è stato una grande occasione per prendermi cura di me stesso”

Corpi - Daniele Calzavara 22.3.24