Le persone over 65 sono tra le più sessualmente fluide del Regno Unito, lo studio che abbatte gli stereotipi

"Questa ricerca evidenzia chiaramente che il coming out può accadere e accade in qualsiasi fase della vita".

ascolta:
0:00
-
0:00
Le persone over 65 sono tra le più sessualmente fluide del Regno Unito, lo studio che abbatte gli stereotipi - anziani gay - Gay.it
3 min. di lettura

Una nuova ricerca ha rivelato che le persone di età superiore ai 65 anni sono tra i gruppi sessualmente più fluidi del Regno Unito. Lo studio, realizzato dalla Lancaster University e dall’Università di Alberta in Canada, ha osservato quasi 23.000 persone in un periodo di sei anni.

Il professor Yang Hu, della Lancaster University, ha dichiarato: “Abbiamo condotto questa ricerca perché, sebbene sapessimo che l’identità sessuale è fluida, non sappiamo quanto sia fluida. Volevamo anche sapere in che modo questa fluidità varia tra i diversi gruppi demografici”.

Pubblicato sulla rivista di ricerca Demography all’inizio di giugno, questo studio ha svelato che il 6,6% delle persone, circa una su 15, ha cambiato la propria identità sessuale nel corso di questi sei anni.

I gruppi con la maggiore mobilità in termini di identità sessuale si sono rivelati quelli di età compresa tra 16 e 24 anni (7,9%) e gli adulti di età pari o superiore a 65 anni (7,4%), mentre quelli in altri gruppi di età – da 25 a 64 anni – erano compresi tra cinque e 6,2 per cento.

La dott.ssa Nicole Denier, dell’Università dell’Alberta, ha sottolineato com i risultati abbattano l’idea che la fluidità sessuale sia più comune tra le persone più giovani. A suo dire, come precisato al The Guardian, l’ipotesi che la fluidità sia prevalente solo nei gruppi di età più giovane ha portato a “molte ricerche incentrate sull’adolescenza come fase critica dello sviluppo dell’identità sessuale”.

“Ma i nostri risultati suggeriscono che i cambiamenti nell’identità sessuale rappresentano un argomento di ricerca altrettanto degno tra gli anziani e in effetti per tutta la durata della vita”-

La sessualità con la maggiore mobilità di identità sessuale è quella di coloro che si autoidentificano come bisessuali, avevano altre identità o preferivano non rivelare la propria identità. Al contrario, la mobilità dell’identità sessuale più bassa è stata osservata in coloro che si sono identificati come eterosessuali, con solo il 3,3% che ha cambiato la propria identità – solo lo 0,2% è passato a gay/lesbica, lo 0,8% a bisessuale, lo 0,6% ad altre identità e 1,7 per cento a “preferisco non dire”.

La ricerca ha poi rilevato che anche le persone non bianche e le persone meno istruite hanno maggiori probabilità di segnalare un cambiamento nella loro identità sessuale. Il tasso per le persone non bianche era significativo, con il 15,5% degli individui appartenenti a minoranze etniche che sperimentavano una qualche forma di mobilità dell’identità sessuale, più di tre volte il tasso per i bianchi (cinque per cento). Gli uomini, tuttavia, avevano il 10% in meno di probabilità di segnalare un cambiamento rispetto alle donne.

Sebbene i dati siano completi, non spiegano perché alcuni dati demografici sperimentino una maggiore mobilità sessuale rispetto ad altri.

Le teorie esistenti suggeriscono che norme rigide sulla ‘mascolinità’ possono significare che gli uomini possono essere meno flessibili e fluidi nelle loro espressioni di identità sessuale“, ha aggiunto Nicole Denier. In termini di minoranze etniche e razziali e di coloro che sono meno istruiti, Denier ha affermato che questi gruppi potrebbero essere “più suscettibili a molteplici forme di pressione sociale e stress minoritario, che potrebbero influenzare la loro identificazione e i rapporti di identità“.

Ibtisam Ahmed di LGBT Foundation ha accolto con favore lo studio. “Speriamo che questa ricerca possa sfidare diversi presupposti della società – [e aumentare la consapevolezza] che le persone possono fare coming out più di una volta, che questo è comune e che questo dovrebbe essere rispettato come parte del viaggio di qualcuno”. “Questa ricerca sfida anche uno dei presupposti prevalenti nei media e nella società mainstream, secondo cui le persone LGBTQ+ tendono ad essere più giovani o che è visto come una” tendenza “nei giovani”. “Questa ricerca evidenzia chiaramente che il coming out può accadere e accade in qualsiasi fase della vita“.

Fonte: PinkNews

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

BigMama date estive

BigMama parte per il “Pride Tour”: tutte le date per un’estate nel segno dell’orgoglio

Musica - Emanuele Corbo 24.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24

Hai già letto
queste storie?

Kristen Stewart per Rolling Stone (2024)

Kristen Stewart parla di fluidità di genere in jockstrap su Rolling Stone (e i repubblicani sono infuriati)

Culture - Redazione Milano 15.2.24