Levante all’Arena di Verona è Opera futura e noi c’eravamo

Eravamo in trenta, la prima volta. E la prima volta era dieci anni fa circa, in un piccolo club di Milano. Poi, pian piano siamo diventatə tantə.

ascolta:
0:00
-
0:00
Levante all'Arena di Verona è Opera futura e noi c'eravamo - Levante Live - Gay.it
3 min. di lettura
Eravamo in trenta, la prima volta. E la prima volta era dieci anni fa circa, in un piccolo club di Milano. Poi, pian piano siamo diventatə tantə, al Carroponte, più avanti al Forum di Assago, oggi all’Arena di Verona. Per festeggiare, per celebrare. Nel mezzo, cinque album, due ottimi Sanremo, tre libri, qualche colonna sonora, diverse collaborazioni e una bambina.
Levante è diventata grande. Anzi, grande lo è sempre stata: consapevole, precisa, attenta. Oggi forse è solo più matura, perché sa qual è la traiettoria che la sua musica ha percorso, e ha coscienza della strada che vuole percorrere, di quello che vuole dire, di quello che vuole fare. Levante è un’artista preparata e portentosa, che scrive e canta benissimo, e scrivendo e cantando, si prende il palco. Lo abbraccia, lo respinge, lo mastica, lo sputa. Ieri sera, all’Arena di Verona, la summa di una carriera e la testimonianza di un certo modo di fare arte, di essere sé stessa nonostante gli altri, l’industria, le cose che cambiano. Canta tutta la sera e dice pochissimo, dice grazie, ogni tanto ride, si commuove e ancora ringrazia. Non aggiunge altro, è tutto nelle canzoni. Canta tutta la sera e non sbaglia una nota, tiene il timone della voce, controlla perfettamente il suo corpo nello spazio. Una barca in mezzo al mare. Porta la sua voce dove vuole che arrivi: o in alto a riabbracciare chi abbiamo perso oppure giù in fondo, da qualche parte nei pressi dell’ombelico e ancora più in basso, sotto i piedi, sottoterra.
Quella sua voce acida e dolcissima, di uva e di caramella, di libeccio e di antracite, arriva ovunque e canta ogni cosa. Le cose grandi e le piccine, i dubbi, le paure e le rinascite. Le perdite, gli svaghi e la leggerezza. Il mare e le stelle, le metropolitane e l’immondizia, le iridi, i cosmonauti, i papillon e i gin tonic, le finestre, i vulcani, i Santi, le Sante e i dolori. Poi il clima, i bivi, le migrazioni e le donne, il bullismo, il lutto e il cielo, il Messico e insieme la Sicilia, Milano poi Parigi, Catania, Torino, le isole e le valli. Le madri, le figlie. Gli atti di dolore, gli stabilimenti balneari, i braccioli, le albe e i tramonti, Gesù. Eppure se c’è una cosa che Levante racconta meglio di tutte le altre, secondo me almeno, quella cosa è l’ostinazione dell’esserci, la dichiarazione di non arretramento. In ogni canzone, che sia sussurrata oppure cantata a pieno petto, lei sembra dire: «Ci sono, sono viva, ho paura sì ma non arretro. Mi guardo indietro, ma indietro non torno neanche per le rincorse.»
L'Adige di VeronaDomani il debutto di Levante all'Arena di Verona...
Canta sempre spingendosi in avanti, canta al futuro, tirando pugni all’aria, cercando di afferrare il domani. Anche con il corpo, intendo, Levante si protrae in avanti, scalpita. È una puledra e non si ferma. È una funambola, balla, salta, si cambia, si riveste – un vestito, un altro, poi i jeans – suona, si inginocchia e si rialza, scende in platea e risale le scale. È una bestia, Levante. È una femmina di magma e di vento, che non si ferma mai. Né in testa né con il corpo. Vortica, e intanto scivola sulle sue parole, sulla sua lingua sempre così complessa e bizzarra, su quel pastiche baroccheggiante che è il suo più grande punto di forza. Allittera tutto, canta in rima e con i chiasmi, sceglie anacoluti, metafore e reduplicazioni, ma intanto ci fa ballare, intanto ci fa piangere. Si circonda di ballerini e abbraccia la chitarra. È una cigna libera all’Arena – bellissima e di bianco vestita – ma è anche attrice dell’Olympia. Fascinosa e drammatica come una Dalida del Mediterraneo. È Artemisia e Dora Maar, una demoiselle di Avignone. È tutta viscere e aria fluttuante. È una stagione e quell’altra. È muscoli e cervello. Una bambina che fa la ruota e un’anziana che racconta le storie. Un’isola di vento e pietre.
Tra i momenti migliori della serata, le hit di sempre – da Alfonso a Pezzo di me, da Le lacrime non macchiano alla più recente Vivo – e alcuni pezzi meno noti, che strizzano gli occhi a ə fan più appassionati. Tra queste, Dall’alba al tramonto, Iride blu e cuore liquido, Io ero IO. La commozione arriva, puntualissima, con Abbi cura di te, il pezzo cult che invita a volersi bene e a seguire le orme d’oro dell’istinto, e con alcuni brani nostalgici del passato, come Farfalle e Nuvola, cantata con Alberto Bianco, autore del brano nonché amico di una vita. Bianco non è l’unico ospite della serata: su “Gesù Cristo sono io” – un grido contro la violenza sulle donne – arrivano Ginevra, Angelica, Emma Nolde, Veronica Lucchesi ed Erica Mou. Eccellenti cantautrici, sorelle d’anima, colleghe.
Tra canzoni recenti e riscoperte dal passato, questa festa in Arena è un omaggio alla musica e alla creazione, un tributo alla strada fatta insieme, alla strada che sarà. Nonostante tutto, vivi.
Credits fotografici: Lulop.com

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
Queer Planet, il trailer del doc sugli animali LGBTI+ scatena i conservatori d'America (VIDEO) - Queer Planet Official Trailer - Gay.it

Queer Planet, il trailer del doc sugli animali LGBTI+ scatena i conservatori d’America (VIDEO)

News - Redazione 21.5.24
Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: "Ipocriti, scrivevano quanto fossi grassa" - Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni - Gay.it

Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: “Ipocriti, scrivevano quanto fossi grassa”

Culture - Redazione 22.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24

Hai già letto
queste storie?

Lady Gaga sta lavorando a nuova musica

Lady Gaga, nuova musica in arrivo. Le foto in studio di registrazione accendono l’entusiasmo dei fan

Musica - Emanuele Corbo 10.1.24
Mitologica Madonna, quasi 2 milioni di persone a Rio De Janeiro per il più grande concerto di sempre - Madonna a Rio - Gay.it

Mitologica Madonna, quasi 2 milioni di persone a Rio De Janeiro per il più grande concerto di sempre

Musica - Federico Boni 6.5.24
Marco Mengoni annuncia il tour negli stadi nel 2025 e rivela: “Vorrei ma non ho ancora trovato l’amore” - Marco Mengoni - Gay.it

Marco Mengoni annuncia il tour negli stadi nel 2025 e rivela: “Vorrei ma non ho ancora trovato l’amore”

Musica - Redazione 28.1.24
momenti televisivi più queer dell'anno

I 10 momenti televisivi queer del 2023

Culture - Luca Diana 17.12.23
Paola e Chiara nel video di "Vamos a baila (Esta vida nueva)"

Paola e Chiara, ecco perché non ne ho mai abbastanza di “Television”

Musica - Emanuele Corbo 24.1.24
20 romanzi pubblicati nel 2023 da regalare a Natale - Sessp 5 - Gay.it

20 romanzi pubblicati nel 2023 da regalare a Natale

Culture - Federico Colombo 12.12.23
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
Venezia 2024, la leggendaria Isabelle Huppert presidente di giuria della Mostra del Cinema - Isabelle Huppert - Gay.it

Venezia 2024, la leggendaria Isabelle Huppert presidente di giuria della Mostra del Cinema

News - Redazione 8.5.24