Malawi, la comunità LGBT celebra il primo storico Pride del Paese

L'omosessualità è ancora criminalizzata in Malawi e i cittadini non eterosessuali rischiano l'arresto e la reclusione.

Malawi, la comunità LGBT celebra il primo storico Pride del Paese - Malawi le persone LGBT celebrano il primo storico Pride - Gay.it
2 min. di lettura

Una cinquantina di cittadini LGBTQ+ del Malawi ha celebrato il primo Pride ufficiale del Paese. Per le strade di Lilongwe, capitale del Malawi, circa 50 membri della comunità LGBTQ+ hanno marciato con bandiere, magliette e cartelli color arcobaleno intonando “Viva LGBTI”. Sulle magliette si potevano leggere frasi come “prima l’amore” e “l’orgoglio unisce il mondo”.

Per timore di ripercussioni omofobe, alcuni manifestanti hanno indossato delle maschere per proteggere la propria identità. Gli organizzatori hanno anche colto l’occasione per consegnare una raccolta firme al presidente Lazarus Chakwera, chiedendo al governo di abrogare le leggi che criminalizzano le unioni omosessuali.

La comunità è qui per cercare il dialogo con il governo e affrontare i problemi che ci riguardano“, ha affermato Eric Sambisa, co-fondatore e direttore della Nyasa Rainbow Alliance, che ha anche fatto la storia come il primo malawiano a dichiararsi gay sulla televisione nazionale. “Il governo dice che sta attuando politiche che rappresentano le persone, ma perché dovrebbero ignorarci?“.

L’omosessualità è ancora criminalizzata in Malawi e i cittadini non eterosessuali rischiano l’arresto e la reclusione. Se sorpresi a svolgere attività tra persone dello stesso sesso, gli uomini rischiano 14 anni di reclusione, le donne cinque. Nel 2012, tuttavia, il presidente Joyce Banda ha sospeso tutte le leggi che criminalizzavano l’omosessualità. Due anni dopo, il ministro della Giustizia Janet Chikaya-Banda ha affermato che il Paese avrebbe smesso di arrestare le persone per atti omosessuali.

L’attuale ministro della Giustizia, Titus Mvalo, ha confermato che le leggi sono rimaste in vigore, ma che la Commissione per i diritti umani del Malawi intraprenderà uno studio sulla possibile legalizzazione dei matrimoni tra persone dello stesso sesso. Nel novembre 2020, il Malawi ha presentato il suo rapporto sui diritti umani all’UPR, dove diversi Paesi stranieri hanno chiesto se le loro leggi sarebbero state aggiornate per riconoscere pienamente le persone LGBTQ+.

I manifestanti del Malawi Pride hanno parlato con The Guardian e hanno spiegato perché la parata fosse così importante per la loro comunità. Andreas, 29 anni, ha dichiarato: “Sono così felice di far parte di questo. Essere gay in Malawi è difficile e ci vuole molto coraggio per essere dichiarati come lo sono io. Ne ho passate tante, compresi insulti e discriminazioni. Sono fortunato ad avere una famiglia amorevole che mi ha accettato così come sono“.

Chrispine, 30 anni, ha rivelato di essere stato cacciato da casa dalla sua famiglia perché gay. “È stato difficile per me perché nessuno stare con me. Ero davvero depresso”. “Anche nello spazio politico non sono rappresentato e non mi è permesso dire la mia. Penso che questo Pride sia storico, è il momento che abbiamo tanto desiderato. So che in passato non saremmo stati in grado di farlo”.

Martha Chijoz, che ha rappresentato la Commissione per i diritti umani del Malawi alla parata, ha aggiunto: “Sappiamo che ci sono così tante idee sbagliate sulla comunità LGBTI. Sono esseri umani e meritano diritti come qualsiasi altra persona. La comunità subisce molte discriminazioni, ecco perché ci concentriamo in modo specifico sulla sensibilizzazione“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Eurovision 2024 Eden Golan October Rain

Boicottare Eurovision 2024 e la partecipazione di Israele? “October rain” di Eden Golan va esclusa?

Musica - Redazione Milano 27.2.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
Alberto De Pisis

Alberto De Pisis, tra carriera, amori e speranze per il futuro: “Mi piacerebbe diventare papà” – intervista

Culture - Luca Diana 28.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
Si conoscono da bambini ad una festa, 26 anni dopo si sono fidanzati. La bellissima storia di Kenny e Aaron - La bellissima storia di Kenny e Aaron - Gay.it

Si conoscono da bambini ad una festa, 26 anni dopo si sono fidanzati. La bellissima storia di Kenny e Aaron

Culture - Redazione 29.2.24

Hai già letto
queste storie?

pavia aggressione trans

Pavia, donna trans aggredita in stazione. Presa a pugni al grido “fr**io ti ammazzo”

News - Redazione 26.9.23
albania-diritti-lgbtqia

Albania, tutte le promesse non mantenute dal governo in ambito di diritti LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 5.1.24
Josh Cavallo replica agli omofobi che continuano a minacciarlo di morte - Josh Cavallo - Gay.it

Josh Cavallo replica agli omofobi che continuano a minacciarlo di morte

Corpi - Redazione 20.12.23
senegal corpo bruciato presunto gay

Senegal, riesumato e bruciato perché presunto gay e considerato “mezzo uomo e mezzo donna” – VIDEO

News - Giuliano Federico 31.10.23
Il generale Vannacci: "Se mia figlia fosse lesbica cercherei di indirizzarla verso l'eterosessualità" - roberto vannacci rete 4 - Gay.it

Il generale Vannacci: “Se mia figlia fosse lesbica cercherei di indirizzarla verso l’eterosessualità”

News - Redazione 4.10.23
Bastonate, fumogeni, scritte e insulti omofobi. Il branco all'assalto della sede Gay Center di Roma. VIDEO - Gay Center - Gay.it

Bastonate, fumogeni, scritte e insulti omofobi. Il branco all’assalto della sede Gay Center di Roma. VIDEO

News - Redazione 1.2.24
torino padre figlio gay 14 anni

Torino, le atrocità di un padre al figlio di 14 anni, perché gay

News - Redazione Milano 25.10.23
Corrado e Adriano, è omofobia anche dopo la morte. Imbrattato il manifesto funebre: “Fr*ci!” - Corrado e Adriano e omofobia anche dopo la morte. Imbrattato il manifesto funebre - Gay.it

Corrado e Adriano, è omofobia anche dopo la morte. Imbrattato il manifesto funebre: “Fr*ci!”

News - Redazione 30.8.23