Maratoneta non binary vince la maratona di New York (ma non riceve il premio)

Si chiama Cal Calamia e si è portato a casa la medaglia d'oro. Ma perché niente ricompensa?

ascolta:
0:00
-
0:00
Foto: NPR (Keeley Parenteau)
Foto: NPR (Keeley Parenteau)
2 min. di lettura

È stato Cal Calamia a vincere la maratona di New York.

Ha 27 anni, utilizza i pronomi he/they, ed è una persona trans* e non binaria. Per questo ci ha messo più del previsto ad unirsi alla corsa: lo scorso anno ha dovuto rispondere alla US Anti-Doping Agency (USADA) perché era ancora sotto testosterone. Ad un mese dalla New York City Marathon 2023, ha ricevuto dall’USADA un’esenzione per gareggiare sia nella categoria per uomini che per persone binarie, arrivando sul podio di quest’ultima nel giro di 2:48:50 minuti.

Calamia si è portato a casa la medaglia come prima persona non binary a vincere la maratona, ma quasi tre mesi dopo non ha ancora ricevuto il suo premio di 5000 dollari (come i precedenti vincitori): stando al nuovo regolamento della New York Road Runners (NYRR) l’organizzazione di corsa può eleggere e premiare solo i maratoneti che gareggiano da oltre sei mesi. Ma l’atleta risponde che il nuovo regolamento non è stato sponsorizzato o divulgato adeguatamente né prima né dopo la sua registrazione un anno fa.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Cal Calamia (@calcalamia)

Ho chiesto loro di risepttare la polizza indicata durante la mia registrazione, ma si sono rifiutati” scrive Calamia in un video su Instagram “Per intenderci, la New York Marathon non premia quindi lə maratonetə non binary, perché ho vinto e non mi pagheranno. Invece di godermi la vittoria come chiunque altro, mi sento a pezzi”.

La prima volta che Calamia partecipò alla maratona si unì nella categoria femminile. Solo dopo aver iniziato il percorso di affermazione di genere ha capito che non esistevano spazi per atletə come ləi. Correre finalmente nella categoria non binaria è stata una liberazione di gioia, o nelle sue parole “un’esperienza emotivamente travolgente” che gli ha permesso di essere sé stesso, facendo quello che ama di più senza che qualcunə lo mettesse in discussione.

Proprio per questo vuole continuare a correre ancora più forte di prima, e permettere lo stesso a chiunque altrə: negli ultimi anni l’atleta si è attivato per istituire delle categorie non binarie anche per le maratone di San Francisco, Boston, e Chicago, e sensibilizzare le competizioni sportive “ad una maggiore consapevolezza e inclusività” negli spazi competitivi.

Non è un capriccio, ma un’urgenza in seguito alle innumerevoli polemiche e normative istituite negli ultimi anni che non vorrebbero lə atletə trans* alla pari di quellə cisgender (ma come spiegavamo qui: non hanno molto senso). “Lə atletə transgender e non binary non sono una novità. Sono sempre statə presenti in ogni aspetto della nostra vita” dichiara C.C. Tellez, co-fondatore della Philadelphia Pride Run e attivista LGBTQIA+ “Non è mai stata una questione finché la gente non ha deciso di renderla una questione. Penso che questo dica molto del clima politico in cui ci troviamo al momento“.

Come spiega Tellez in un’intervista con USA Today, le nuove generazioni hanno sempre più bisogno di figure come ləi: riflettono quelle possibilità che altrimenti troveremmo irrealizzabili.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24
Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out - Lux Pascal e Pedro - Gay.it

Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out

News - Redazione 23.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
Roberto Vannacci

Roberto Vannacci avrebbe truffato lo Stato secondo l’indagine della procura militare

News - Giuliano Federico 24.2.24
Paolo Camilli

Paolo Camilli: “La mia omosessualità? L’ho negata fino alla morte con me stesso” – intervista

Culture - Luca Diana 23.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

Shawn Barber, addio al campione del mondo di salto con l'asta. Aveva solo 29 anni - Shawn Barber - Gay.it

Shawn Barber, addio al campione del mondo di salto con l’asta. Aveva solo 29 anni

Corpi - Redazione 19.1.24
transgender Harli Marten su Unsplash

Pazienti trans e gender diverse: le 10 Raccomandazioni Assisi per un’oncologia più inclusiva

Corpi - Francesca Di Feo 21.10.23
comitato-olimpico-atlete-transgender-non-binari

L’esclusione delle persone trans nello sport va contro la salute pubblica: lo studio

Corpi - Francesca Di Feo 20.9.23
aics-sport-inclusione-intervista-bruno-molea

Da GayCS al tesseramento ALIAS, la storia di AiCS nel promuovere l’inclusione nello sport – Intervista al presidente Bruno Molea

Corpi - Francesca Di Feo 5.1.24
Judith_Butler_al_CCCB_2018

Cosa ha detto Judith Butler a Bari nella sua lectio magistralis

Culture - Redazione Milano 23.10.23
Jakub Jankto e il coming out: "Non devo più nascondermi, anche con i ragazzi. Ora sono felice" - Jakub Jankto 3 - Gay.it

Jakub Jankto e il coming out: “Non devo più nascondermi, anche con i ragazzi. Ora sono felice”

Corpi - Federico Boni 20.12.23
Lucy Clark nella Storia come prima allenatrice trans del calcio femminile inglese - Lucy Clark - Gay.it

Lucy Clark nella Storia come prima allenatrice trans del calcio femminile inglese

Corpi - Redazione 2.2.24
Lewis Hamilton, il campionissimo di Formula 1 e strenuo difensore dei diritti LGBTQIA+ sarà un pilota Ferrari - Lewis Hamilton - Gay.it

Lewis Hamilton, il campionissimo di Formula 1 e strenuo difensore dei diritti LGBTQIA+ sarà un pilota Ferrari

Corpi - Federico Boni 2.2.24