Sono sordo, sono gay, e vorrei costruire una famiglia con il mio compagno: intervista a Nicola Della Maggiora

Parola al protagonista di The Sign Dance: "In famiglia la disabilità non è mai stato un problema. L'omosessualità invece..."

ascolta:
0:00
-
0:00
nicola della maggiora gay sordo the sign dance disabili LGBTQ
nicola della maggiora gay sordo the sign dance disabili LGBTQ intervista
3 min. di lettura

Prima o poi tocca prender atto del fallimento dello storytelling mitologico, quello riassumibile in un passaggio di una nota canzone di Gianni Morandi, secondo il quale – in molti casi – uno su mille ce la fa.

Ogni volta che si pone l’accento su una differenza, su un aspetto che rende la vita di una persona un po’ più speciale, si complica l’esistenza di chi è un individuo con un problema da risolvere, prima di essere un simbolo.

Ragionare, però, sulle differenze è più semplice perché ci evita di prendere in carico uno sbattimento che potrebbe essere anche nostro.

La conversazione che ho avuto con Nicola Della Maggiora, l’ambassador sordo di @thesigndance (la pagina IG che insegna la lingua dei segni italiana con le hit più famose) ha confermato questa tesi. I problemi che ha avuto come omosessuale sono gli stessi che hanno molti gay.

 

Per un ragazzo della tua età, non ancora trentenne, è stata più difficile la disabilità o l’omosessualità?

Sono cresciuto in una famiglia sorda. In famiglia la “disabilità” non è mai stato un problema. I problemi li ho riscontrati fuori perché non tutte le persone conoscono la LIS, la Lingua dei Segni Italiana.
La mia omosessualità ha, invece, creato all’inizio dei problemi in famiglia. I miei genitori andavano all’istituto religioso dei sordi. I loro insegnati erano preti e suore che storicamente non vedono di buon occhio l’omosessualità.

 

Come è stato il tuo coming-out?

Raggiungere l’accettazione in famiglia non è stato semplice. Per 2 anni i rapporti con mia madre sono stati complicati. Ogni volta che andavo a trovarla dovevo evitare di parlare di omosessualità per evitare un litigio.
Questa scelta però non risolveva il problema. Mia madre ha sofferto a causa del suo preconcetto. Con il tempo e grazie al babbo, amici e familiari ha capito capito chi sono e iniziato a rispettare il mio fidanzato. Ci sono voluti 4 anni.
Lei aveva paura del giudizio altrui, di cosa avrebbe detto la nostra comunità che è una realtà molto piccola, dove tutto si viene a sapere velocemente.
All’inizio mia mamma non sapeva come comportarsi con un figlio gay. Non conosceva la sua “nuova” comunità omosessuale. Adesso preoccupa solo per i miei viaggi. Teme per la mia sicurezza nei paesi omofobi.

 

Quanti gay, in percentuale, ci sono nella comunità italiana di sordi?

È una domanda a cui non so rispondere perché non esiste un’associazione. Molti dei gay sordi che conoscono frequentano però un gruppo FB che si chiama “Triangolo Silenzioso… per sempre”.

 

Sulle app di dating raramente si incontrano ragazzi con disabilità. Non usano le app di dating o dichiara la propria disabilità, in certi contesti, è ancora un tabù?

A me è capitato di esser bloccato dopo aver condiviso la mia disabilità. Non tutti la prendono bene. Per questo motivo molti miei amici sordi preferiscono non raccontarsi completamente sulle app.
Questo rifiuto non si verifica in altre situazioni dove le persone sono messe nelle condizioni di vedere prima te e poi il problema. Raramente in discoteca o in sauna ho riscontrato i problemi avuti sulle app.

 

Sei fidanzato?

Si sono fidanzato di una persona sorda francese. Si chiama Maxime. L’ho conosciuto in Danimarca, in una scuola che organizza corsi di formazione internazionale per giovani sordi.
Anche lui è sordo. Ci piacerebbe molto costruire una famiglia come quella dei @papaperscelta ma in Italia è già difficile se sei solo omosessuale. Se sei pure disabile è praticamente impossibile.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Nicola Della Maggiora (@nickydm93)

 

Hai avuto, in passato, fidanzati non sordi?

Io no ma Maxime sì. Il suo ex fidanzato era udente e per lui ha imparato la LIS. Tra di loro funzionava tutto. I problemi avvenivano fuori casa perché la nostra comunità ha una sua identità che per le persone udenti può risultare un altro mondo. Per Maxime, invece, era difficile seguire gli amici del suo ex che parlavano troppo velocemente.
La differenza non la fa l’abilità ma la persona. Conosco molte coppie composte da un individuo sordo e uno udente che sono felici.

 

Sei il volto di The Sign Dance, un progetto social che insegna la lingua dei segni tramite le canzoni. I social provano a colmare una lacuna scolastica?

Si. La scuola italiana è inclusiva solo a parole. Non ci sono gli interpreti LIS al 100% nella scuola. Gli insegnanti parlano a voce e non ci sono alternative per le persone sorde. Spesso quando proiettano qualche film o qualche video: non mettono mai i sottotitoli o neanche con l’interprete LIS in diretta.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli - Matteo B Bianchi3 - Gay.it

Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli

Culture - Federico Colombo 22.6.24
Tony D’Elia aka Silvana Della Magliana di Drag Race si è unito civilmente all'amato Federico. Chiara Francini officiante (VIDEO) - Silvana Della Magliana di Drag Race Italia si e unita civilmente allamato Federico - Gay.it

Tony D’Elia aka Silvana Della Magliana di Drag Race si è unito civilmente all’amato Federico. Chiara Francini officiante (VIDEO)

Culture - Redazione 24.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24
Calafiori Gay.it

Riccardo Calafiori, la ‘gioia incontenibile’ per il gol non passa inosservata: “Avvistata la torre di Pisa”

Corpi - Emanuele Corbo 25.6.24
I film LGBTQIA+ della settimana 24/30 giugno tra tv generalista e streaming - film queer 2 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 24/30 giugno tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 24.6.24
Queen Madonna, è suo il tour con i maggiori incassi del 2024. La TOP10 - Madonna - Gay.it

Queen Madonna, è suo il tour con i maggiori incassi del 2024. La TOP10

Musica - Federico Boni 25.6.24

Hai già letto
queste storie?

taiwan-intervista-post-elezioni (5)

Taiwan: “La Cina una minaccia costante, soprattutto per la comunità queer” parla un’attivista LGBTIQ+

News - Francesca Di Feo 14.2.24
Beatrice Quinta, da X Factor al primo EP

Beatrice Quinta: “Parlo sempre di sesso perché ho scoperto che posso godere” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Allarme Social Media, le principali piattaforme non riescono a garantire la sicurezza delle persone LGBTQ+ - Social media Icons On The Home Screen of an Android Phone - Gay.it

Allarme Social Media, le principali piattaforme non riescono a garantire la sicurezza delle persone LGBTQ+

News - Redazione 24.5.24
lodi pride 2024, sabato 22 giugno

“Vogliamo rivendicare lo spazio che quotidianamente viene negato alle persone queer”, Lodi Pride 2024, sabato 22 giugno – INTERVISTA

News - Gio Arcuri 19.6.24
thomas-insulti-social

Aggredito dal branco un anno fa, Thomas ora è vittima dell’omobitransfobia social

News - Francesca Di Feo 8.2.24
Rey Sciutto, trionfatore di The Floor: "Cerco di promulgare una società più inclusiva, abbattendo stereotipi". L'intervista - Rey Sciutto cover - Gay.it

Rey Sciutto, trionfatore di The Floor: “Cerco di promulgare una società più inclusiva, abbattendo stereotipi”. L’intervista

Culture - Federico Boni 5.2.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Berrettini, Tovey, Mengoni e Timberlake - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Berrettini, Tovey, Mengoni e Timberlake

News - Redazione 28.3.24
I fantastici 5

I fantastici 5, la nuova serie tv con Raoul Bova che parla di sport e diversità

Serie Tv - Luca Diana 17.1.24