Nasce No Name Radio, autogestita e ‘fluida’ in uno studio arcobaleno

Presentato il nuovo canale Rai. Il direttore di Radio Rai Roberto Sergio a Gay.it “Dare uno spazio alla Gen Z significa non porre limiti”.

ascolta:
0:00
-
0:00
no name radio rai meta studio michele federica roberto sergio ernia ditonellapiaga fulminacci
no name radio rai meta studio michele federica roberto sergio ernia ditonellapiaga fulminacci
4 min. di lettura

È uno studio avvolto nell’arcobaleno quello che la Rai ha allestito per la nuova “No Name Radio”. Un progetto ideato da Roberto Sergio, direttore di Radio Rai, che spiega a Gay.it la scelta del nome “Si tratta di una non scelta, e se anche questa può sembrare una debolezza, riteniamo possa essere un punto di forza”. No Name Radio è rivolta alla Gen Z. “Quest’anno avremo conduttori reclutati tra i giovani 18-22 anni – spiega Sergio – l’anno prossimo fino ai 23, e poi fino ai 24, accompagnando così la Gen Z nella sua crescita”.

La scelta neutra di un non-nome sembra alludere a una possibilità per chiunque di tingere del proprio colore, o del proprio sfumato genere e della propria non definibile identità, un canale radio ad alto tasso tecnologico. Si chiama “meta-studio” lo spazio allestito per dirette audio e video. Lə conduttricə hanno a disposizione una console di autogestione, con interfacce semplificate e telecamere a 360°. La Rai ha dunque aperto alla tecnologia friendly, una disintermediazione di maestranze? Ci ritroveremo nuove star radiofoniche che gestiscono la radio come se fosse il loro account Instagram o TikTok? Qualcosa del genere. Questa, almeno, è la premessa.

 

no name radio
Prime ore di diretta di No Name Radio, nuovo canale Rai fluido e aperto alla Gen-Z

In diretta dal meta studio allestito nel palazzo di Radio Rai di Via Asiago, 10 a Roma – proprio qui sotto ogni mattina si scatena Fiorello con “Viva Rai 2”, ecco Federica e Michele, entrambi ventenni, primə speaker a condurre l’accensione di No Name Radio e ad ospitare una carrellata di artistə accorsə a dare linfa a questo germoglio di autogestione digitale: Ernia, Franco126, Fulminacci, Ditonellapiaga e gli emergenti Claudym e Lil Kvneki.

“Mi raccomando, mandate le vostre candidature, perché non possiamo essere soltanto noi a condurre” raccomanda Federica in onda. È stata infatti aperta una campagna di recruiting di giovani voci che vogliano partecipare e andare in onda in qualità di speaker (mandate le vostre candidature dal sito ad hoc).

Ma qual è la linea editoriale? Si attendono partecipazioni attive di influencer e sedicenti nuovi esperti per verticalizzazioni su singoli argomenti. Michele spiega che non ci sono ancora rubriche specifiche, e che gli stimoli, i colori, le tematiche saranno legati alle specifiche individualità. “Ci sono stati input o limitazioni dall’alto rispetto ad argomenti o tematiche?” chiediamo. “Nessuna” rispondono in coro Michele e Federica. Lo conferma lo stesso Roberto Sergio “Dare uno spazio alla Gen Z significa non porre limiti, bisogna lasciare che i ragazzi siano a loro agio, No Name Radio è un segnale da parte della Rai che si apre a una certa musica, penso fino ad oggi ci sia stato  un buco clamoroso rispetto alla scena musicale nuova”.

No Name Radio non prevede raccolta pubblicitaria per ora. “Ritengo che prima di tutto ci sia un dovere di servizio pubblico” ci spiega Sergio “capiremo in futuro se aprire alla pubblicità”.

“Una scelta intelligente da parte della Rai” spiega Ernia “quando avevo la macchina io ho scoperto la radio, mentre oggi i ragazzi sembrano restare lontani da questo mezzo: inventare uno spazio radiofonico autogestito può essere lo spunto per avvicinarsi”.

Fulminacci invece insiste sul binomio ‘dialogo e ascolto’, un mantra che il cantautore romano ripete più volte “è una prerogativa di civiltà” dice “e questo nome No Name lascia spazio al contenuto, alla musica da ascoltare e scoprire”.

Per ora la radio non prevede una sua app dedicata, ma entra nel flusso di streaming audio e video di RadioRai, portando un brivido di novità in un palinsesto che ad oggi pare affollato da contenuti troppo spesso rivolti alla pur doverosa valorizzazione del passato. È attivo un canale Instagram dedicato e i social saranno il naturale ponte di collegamento e di coinvolgimento con la Gen-Z. Non è previsto il canale TikTok, che in queste settimane vede le prime censure in USA e nell’Unione Europea.

no name radio
L’interfaccia della tecnologia friendly con cui lə giovan speaker possono agilmente gestire la messa in onda di No Name Radio

Così la Rai, dopo il clamoroso successo di convergenza radio e video di Viva Rai 2 con Fiorello, prosegue nella direzione di mescolare piattaforme, contenuti e tecnologie, lanciando sussulti di vitalità e distanziando la moribonda Mediaset. In questi giorni i dati di ascolto del 2022 dimostrano che l’azienda dei Berlusconi non ha più la forza editoriale di competere con la più grande azienda culturale del paese (finanziata con i soldi pubblici). Sebbene, proprio sul target giovane, Mediaset vanti l’unico primato, quello di engagement sui social, grazie ad Amici di De Filippi.

No Name Radio nasce come uno spazio libero, “fluido” ripete il direttore di Radio Rai Roberto Sergio. Ad oggi, sia chiaro, non ci sono riferimenti diretti alla comunità LGBTQIA+. Anche Michele e Federica non argomentano a Gay.it alcun messaggio chiaro di contenuti pensati per la comunità “Saranno le persone a portare i loro contenuti”, dicono.

Ma un contenitore di autogestione nel quale la Gen Z può dettare argomenti, contenuti, tematiche costituisce un superamento, per certi versi, dello schema all’alto di Maria De Filippi e si avvicina a qualcosa di più autogestito, quasi una una rave-radio? Chissà cosa ne pensano Meloni e Piantedosi.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Venezia 81, tutti i film in programma. Ci sono Joker 2, Queer di Guadagnino, Almodovar e Maria di Larrain - QUEER by Luca Guadagnino from left Drew Starkey and Daniel Craig photo by Yannis Drakoulidis - Gay.it

Venezia 81, tutti i film in programma. Ci sono Joker 2, Queer di Guadagnino, Almodovar e Maria di Larrain

Cinema - Federico Boni 23.7.24
Giancarlo Commare e il presunto coming out alla domanda del tiktoker: "Quanto sei gay? Sono gay" (VIDEO) - Giancarlo Commare ha fatto coming out - Gay.it

Giancarlo Commare e il presunto coming out alla domanda del tiktoker: “Quanto sei gay? Sono gay” (VIDEO)

Culture - Redazione 22.7.24
Roma Pestaggio Coppia Gay Siti In

“Guarda sti fr*c*” non è omofobia? Sit-in mercoledì 24 e polemiche sul pestaggio alla coppia gay di Roma, dopo che gli indagati respingono l’accusa

News - Redazione 22.7.24
Tutti i coming out "vip" del 2024 - Coming Out 2024 - Gay.it

Tutti i coming out “vip” del 2024

News - Federico Boni 19.7.24
Pestaggio Roma Coppia Gay - La difesa dei 4 presunti aggressori smentisce l'omofobia "Non sapevamo fossero gay"

Pestaggio coppia gay a Roma, gli aggressori “Non abbiamo usato insulti omofobi”

News - Redazione 22.7.24
Claudia Pandolfi Giffoni

Claudia Pandolfi in lacrime a Giffoni per “Il ragazzo dai pantaloni rosa”: “Sento la responsabilità di questo film”

Cinema - Emanuele Corbo 23.7.24

Hai già letto
queste storie?

Carlo Conti Sanremo 2025

Sanremo 2025 e i cambiamenti di Carlo Conti: ecco come funzionerà

Culture - Emanuele Corbo 28.6.24
Sanremo 2024, Amadeus apre ai trattori. Il leader Danilo Calvani insultava Vendola, "è contro natura" - Sanremo 2024 Amadeus apre ai trattori. Quando il leader Danilo Calvani insultava Nichi Vendola 3 - Gay.it

Sanremo 2024, Amadeus apre ai trattori. Il leader Danilo Calvani insultava Vendola, “è contro natura”

Culture - Redazione 6.2.24
Mare Fuori 5, al via le riprese. Ecco le novità del cast - Mare Fuori 5 - Gay.it

Mare Fuori 5, al via le riprese. Ecco le novità del cast

Serie Tv - Redazione 11.6.24
Stefano De Martino

Stefano De Martino, da ballerino di Amici a volto di punta della nuova Rai

Culture - Luca Diana 27.5.24
Sanremo 2024, 1a serata: Ecco l'ordine d'uscita dei 30 big in gara. Apre Clara, Mahmood tra Annalisa e Diodato - Marco Mengoni a Sanremo 2024 - Gay.it

Sanremo 2024, 1a serata: Ecco l’ordine d’uscita dei 30 big in gara. Apre Clara, Mahmood tra Annalisa e Diodato

Culture - Redazione 6.2.24
Folle d'Amore, arriva il film Rai su Alda Merini con Laura Morante e Federico Cesari. Il trailer - Folle dAmore cover - Gay.it

Folle d’Amore, arriva il film Rai su Alda Merini con Laura Morante e Federico Cesari. Il trailer

Culture - Redazione 8.3.24
Miss Tres, L'Acchiappa Talenti

Giornata Internazionale contro l’Omobitransfobia: Milly Carlucci la celebra su Rai 1

Culture - Luca Diana 18.5.24
gran-bretagna-giovani-trans

Scozia, 1 giovane trans su 3 non si sente al sicuro negli spazi pubblici

News - Francesca Di Feo 12.4.24