Nuova Zelanda, approvato il diritto all’autodeterminazione sui documenti senza certificato medico

Non è più necessario un certificato medico per autodeterminarsi sui documenti di identità. Ora si discute per estendere la legge a rifugiati politici e immigrati.

Nuova Zelanda cambio sesso documenti Gay.it
3 min. di lettura

Dal 2018, la Nuova Zelanda ha previsto la possibilità dell’auto-identificazione sui certificati di nascita e sui documenti di identità per tutti coloro che hanno cambiato sesso. La cosa però richiedeva un certificato medico che provasse l’avvenuto cambiamento, il che escludeva automaticamente le persone non-binarie, intersessuali e tutti coloro che non si identificavano con il genere con cui erano nati. Le cose stanno ora per cambiare.

A quasi quattro anni di distanza, il Parlamento ha approvato all’unanimità un provvedimento «a favore dell’incisività e contro la discriminazione», come l’ha definito il Ministro degli interni Jan Tinetti: il requisito del certificato medico verrà rimosso, rendendo così l’auto-identificazione ben più semplice per nascite, morti, matrimoni e registri civili. «Oggi è un giorno orgoglioso nella storia di Aotearoa», ha continuato il Ministro, sostenendo come «questa legge farà una vera differenza per i Neo Zelandesi trans*, non-binari, takatāpui (LGBT nella lingua autoctona, nda) e intersessuali».

Diversi Paesi hanno discusso negli anni la questione del “self-id”, e la Nuova Zelanda va ad aggiungersi a un elenco tra cui spiccano la Spagna e la Danimarca, che da tempo prevedono questa possibilità aperta a tuttə. Ma ci sono anche Malta e la Norvegia, alcuni Stati americani – i meno conservatori – e anche l’Argentina. La maggior parte delle altre Nazioni in cui si discute la materia prevede la possibilità di un cambio di sesso ma solo con un certificato medico, un passo indietro quindi rispetto alla totale libertà a cui si è giunti in alcuni posti. Spesso, invece, non c’è ancora una normativa precisa sulla questione. L’Italia è ancora piuttosto indietro. La prima legge del 1982 prevedeva che fosse possibile chiedere al Tribunale un cambio di sesso solo dopo un percorso di affermazione di genere, mentre una sentenza del 2015 della Corte di Cassazione ha stabilito che non è necessario sottoporsi all’intervento chirurgico, ma è sufficiente dimostrare al giudice di essersi immedesimati perfettamente nel genere. Il che, va da sé, è soggetto non solo ai tempi della burocrazia italiana, ma anche alle opinioni personali di un giudice.

Nuova Zelanda cambio sesso documenti Gay.it
La Nuova Zelanda si aggiunge ai paesi che rendono più semplice il self-id

Nonostante il passo importante per la Nuova Zelanda, non tutti sono così inclini a festeggiare. C’è anche chi, infatti, vorrebbe estendere l’auto-identificazione sui certificati di nascita non solo alla comunità LGBTQ+, ma anche ai rifugiati, ai richiedenti asilo e agli immigrati. È quello che sostiene, ad esempio, la dott.ssa Elizabeth Kerekere, esponente del Partito Verde, che ha dichiarato: «Questo disegno di legge riconosce che coloro che hanno bisogno di modificare il loro certificato di nascita può farlo, che i tribunali non hanno il diritto di fare quella scelta per loro, che i genitori non hanno quel diritto, che le persone cisgender che non si preoccupano di loro non hanno quel diritto». Le ha fatto eco la portavoce per le donne del Partito Nazionale, dopo che il Ministro degli interni ha promesso che il governo lavorerà per estendere i certificati di nascita anche in questa direzione.

«Se chiudiamo completamente l’espressione di argomenti come questo, non trarremo beneficio dal considerare una gamma completa di punti di vista mentre discutiamo le politiche e le idee complesse. Mi preoccupo per gli impatti sociali della gente che ritiene che le loro opinioni non possano più essere espresse»

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Fedez annuncia apertura canale OnlyFans

Fedez cede a OnlyFans e apre il suo canale: “Mi consigliano di ripulirmi l’immagine e faccio il contrario”

News - Emanuele Corbo 21.6.24
Carmine Alfano sospeso dall'Università dopo le frasi omofobe si ritira dal ballottaggio di Torre Annunziata - Carmine Alfano 2 - Gay.it

Carmine Alfano sospeso dall’Università dopo le frasi omofobe si ritira dal ballottaggio di Torre Annunziata

News - Redazione 21.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
meloni orban

35 ambasciate firmano una dichiarazione che condanna le leggi anti-LGBTQ ungheresi. Assente l’Italia

News - Redazione 21.6.24
Brian May: "Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito "queer", l'omofobia colpì i Queen" - Freddie Mercury 2 - Gay.it

Brian May: “Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito “queer”, l’omofobia colpì i Queen”

Musica - Redazione 21.6.24
intervista a la spezia pride

La Spezia Pride ostacolato dalle istituzioni, il difficile rapporto con la destra che amministra la città – intervista

News - Gio Arcuri 20.6.24

Hai già letto
queste storie?

Sardegna Partito Gay

Il Partito Gay Lgbt+ appoggia Alessandra Todde alle regionali in Sardegna

News - Lorenzo Ottanelli 23.1.24
stati-uniti-ban-terapie-affermative

Stati Uniti, continuano i ban alle terapie affermative per i minori: 100.000 lǝ adolescenti abbandonatǝ a loro stessǝ

Corpi - Francesca Di Feo 17.4.24
Riccardo Saccotelli, sopravvissuto a Nassiriya: "Io carabiniere gay ho difeso la Patria come Vannacci" - Riccardo Saccotelli carabiniere sopravvissuto alla strage di Nassiriya replica a Vannacci - Gay.it

Riccardo Saccotelli, sopravvissuto a Nassiriya: “Io carabiniere gay ho difeso la Patria come Vannacci”

News - Redazione 9.5.24
Milano, il consigliere comunale Michele Albiani denuncia per stalking attivista LGBT: "3 anni di inferno" - Michele Albiani - Gay.it

Milano, il consigliere comunale Michele Albiani denuncia per stalking attivista LGBT: “3 anni di inferno”

News - Redazione 21.3.24
flavia-fratello-battuta-vannacci

Flavia Fratello replica bene a Vannacci, ma in passato firmò contro il Ddl Zan e diede spazio alla transfobia delle TERF

News - Francesca Di Feo 7.3.24
Kamala Harris ha ospitato un evento Pride: "Lottiamo per il diritto di amare chi amiamo" - Pride Kamala Harris - Gay.it

Kamala Harris ha ospitato un evento Pride: “Lottiamo per il diritto di amare chi amiamo”

News - Redazione 17.6.24
Alessandro Zan PD Elezioni Europee

Europee 2024, intervista ad Alessandro Zan: “Faremo l’Europa più politica, Meloni come Orban, Vannacci come il Ku Klux Klan”

News - Federico Boni 15.5.24
Settimo torinese, insulti omofobi sui manifesti del candidato Pd Antonio Augelli: "Fr*cio" - Settimo insulti omofobi manifesti elettorali Antonio Augelli - Gay.it

Settimo torinese, insulti omofobi sui manifesti del candidato Pd Antonio Augelli: “Fr*cio”

News - Redazione 15.5.24