Perché è morto Josh Kruger, giornalista e attivista LGBTQIA+: cronaca di un omicidio

Nei mesi precedenti la sua scomparsa, Kruger aveva frequentemente condiviso con i suoi follower sui social media una serie di episodi inquietanti.

ascolta:
0:00
-
0:00
omicidio-josh-kruger
3 min. di lettura

Inizialmente, si pensava che l’omicidio di Josh Kruger – giornalista pluripremiato per il The Philadelphia Citizen e The Philadelphia Inquirer – avesse a che fare il suo attivismo, a cui la vittima aveva dedicato la sua vita in una vocazione che, però, l’ha portato alla sua tragica fine. Ma non nelle modalità in cui molti sospettavano.

Kruger scriveva di diritti LGBTQ+, senzatetto, l’HIV e dipendenza. Oltre alla sua carriera nel giornalismo, aveva svolto per cinque anni ruoli chiave presso diverse istituzioni della città di Filadelfia, tra cui il Dipartimento di Sanità Pubblica, l’Ufficio dei Servizi per i Senzatetto e l’Ufficio del Sindaco.

I suoi articoli spesso attingevano dalla sua personale esperienza di vita con l’HIV e di periodi trascorsi come senzatetto. Nel suo profilo LinkedIn, si autodefiniva un “distruttore dello stigma e dei silos burocratici” e un “credente nel bene comune“.

Kruger aveva 39 anni e un passato turbolento, ed è forse questo suo vissuto che l’aveva portato, negli anni, ad interessarsi ai gruppi più vulnerabili della città di Philadelphia, in cui il tasso di criminalità è del 139% superiore rispetto alla media nazionale.

Il giornalista sarebbe stato freddato con sette colpi d’arma da fuoco nel suo appartamento di Point Breeze, nella notte tra l’1 e il 2 ottobre.

Dopo il ritrovamento, Kruger sarebbe stato trasportato d’urgenza al Penn Presbyterian Medical Center, ma ogni tentativo di salvargli la vita sarebbe stato inutile.

Intanto, le speculazioni correvano: e se qualcuno avesse voluto far fuori il giornalista, che magari stava lavorando su qualcosa di “grosso”, per toglierselo di mezzo una volta per tutte?

Tuttavia, non sono stati riscontrati segni di effrazione sulla serratura, primo indizio a suggerire che Kruger fosse in contatto con il suo aggressore.

A seguito del sequestro dello smartphone e di una perquisizione del suo appartamento, le autorità avevano inoltre scoperto conversazioni preoccupanti con un ex partner e una quantità di metanfetamina in un cassetto della sua camera da letto. Il giornalista era però “pulito” da diverso tempo.

Nei mesi precedenti la sua scomparsa, Kruger aveva frequentemente condiviso con i suoi follower sui social media una serie di episodi inquietanti. Inizialmente, lo stesso ex partner era entrato in casa sua senza permesso.

Successivamente, in agosto, una sassaiola gli aveva causato danni per un valore di 400 dollari. Infine, il giornalista aveva raccontato in modo scherzoso su Facebook della visita imprevista di un individuo in chiaro stato di instabilità mentale che lo aveva minacciato.

Per Kruger, episodi di natura preoccupante erano quasi quotidiani, data la sua attiva partecipazione in iniziative di volontariato a favore di gruppi socialmente emarginati. Aveva anche ospitato un ex partner nella sua abitazione per un periodo prolungato, con l’obiettivo di aiutarlo a superare la dipendenza da sostanze stupefacenti.

Tragicamente, sarebbe stato proprio questo l’ex in questione a causare la sua morte, dopo di un violento alterco. Robert Davis, un 19enne, è attualmente ricercato dalle autorità e tutte le evidenze disponibili sembrano puntare verso di lui.

Insomma, nessuna teoria del complotto o cospirazione internazionale come in molti avevano ipotizzato inizialmente. Solo la tragica storia di una persona che – dopo aver faticato per riconquistare la propria stabilità e aiutare gli altri – ha incontrato un tragico, imprevedibile destino.

Josh amava i gatti – e in particolare il suo micione Mason, oggi già ricollocato in un’altra famiglia. Si definiva “orgogliosamente queer” ed era apertamente sieropositivo, condizione che l’aveva spinto negli anni a unirsi agli sforzi per la destigmatizzazione dell’HIV.

Nonostante le numerose sfide che aveva dovuto affrontare, tra cui periodi da senzatetto e problemi di dipendenza, aveva utilizzato tali esperienze come ispirazione per diventare un fervido difensore e autore a favore delle comunità coinvolte in tali problematiche, specialmente nella sua amata Filadelfia, che oggi lo ricorda con affetto.

Josh Kruger ha sostenuto le figure più vulnerabili e emarginate all’interno delle nostre comunità, specialmente quelle persone senza dimora afflitte da dipendenza,” ha affermato il procuratore distrettuale Larry Krasner  “Avrebbe meritato di poter scrivere la conclusione della sua storia“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
John Cena è su Only Fans?

Ma John Cena è davvero su Only Fans?

Culture - Riccardo Conte 23.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24
Amici 23, tutti gli allievi al Serale

Amici 23, da Dustin a Holden: tutti gli allievi al Serale

Culture - Luca Diana 25.2.24
Paolo Camilli

Paolo Camilli: “La mia omosessualità? L’ho negata fino alla morte con me stesso” – intervista

Culture - Luca Diana 23.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

@spartaco._

Il mondo gamer raccontato da Jessica G. Senesi: tra autoironia e inclusività

News - Riccardo Conte 1.2.24
Stati Genderali

Contro la violenza di Stato corteo nazionale degli Stati Genderali a Bologna

News - Redazione Milano 17.10.23
ucraina unioni civili

Ucraina, ecco come si allontana la legge sulle unioni civili

News - Giuliano Federico 20.9.23
Wonty Media, grande festa per la factory romana che ha Diversity e Inclusion come pilastri - Wonty Paolo Camilli Riccardo Pirrone Francesco Rellini 1 - Gay.it

Wonty Media, grande festa per la factory romana che ha Diversity e Inclusion come pilastri

Culture - Redazione 21.9.23
Addio al filosofo Gianni Vattimo, deceduto al fianco dell'amato Simone Caminada - gianni vattimo e simone - Gay.it

Addio al filosofo Gianni Vattimo, deceduto al fianco dell’amato Simone Caminada

News - Redazione 20.9.23
Il caso di Matthew Shepard: ecco perché la sua morte svegliò l'America omofoba - matthew shepard omicide - Gay.it

Il caso di Matthew Shepard: ecco perché la sua morte svegliò l’America omofoba

News - Edoardo 12.10.23
Juraj Vankulič Matúš Horváth Juraj Krajčík

Slovacchia, storia di un omicidio queer da parte di un neo-nazista

News - Redazione Milano 3.10.23
@socondendapefasatluce

Attivista transgender nel mirino dell’odio sui social: “È l’ignoranza sull’argomento a spaventarmi”

News - Riccardo Conte 6.9.23