Ozon ci porta “Nella casa”, acuto thriller sulla creatività

Nelle sale il nuovo, intrigante lavoro dell'eclettico e prolifico regista francese su un professore manipolato da un allievo abile nella scrittura. Una sorta di "Teorema" rigirato alla Woody Allen.

Ozon ci porta "Nella casa", acuto thriller sulla creatività - nella casaBASE 1 - Gay.it
3 min. di lettura
Ozon ci porta "Nella casa", acuto thriller sulla creatività - nella casaF1 - Gay.it

A riprova della prolificità dell’eclettico regista francese François Ozon, basta notare che mentre il suo thriller letterario “Nella casa” arriva nelle sale italiane, lo stimolante autore di “Potiche” e “Sotto la sabbia” ha già pronto il nuovo “Jeune et jolie” su una giovane prostituta per scelta che sarà in concorso a Cannes (sulla carta un’edizione piuttosto queer: in competizione troviamo anche “Behind the candelabra'” di Soderbergh su Liberace e al Certain Regard “L’inconnu du lac” di Guiraudie, in repentino odor di scandalo per le scene gay hard in un battuage).
Vincitore l’anno scorso del Festival di San Sebastián, l’insinuante “Nella casa” è un’intelligente riflessione sulle potenzialità e i limiti della creazione letteraria, la pervasività assai contemporanea del voyeurismo, l’indecifrabilità del confine fra la percezione del reale e la narrazione dello stesso attraverso il mezzo cinematografico: un professore di francese frustrato, il cinquantenne Germain (Fabrice Luchini) scova un talento letterario in un allievo sedicenne, Claude (Ernst Umhauer), spronandolo a continuare un racconto in cui descrive come è diventato amico del compagno di classe Rapha (Bastien Ughetto), dandogli ripetizioni di matematica (“La matematica non delude mai”) e iniziando a frequentare la sua casa borghese. Ma Claude inizia a manipolare in modo subdolo il professore, finendo per intromettersi nella sua vita privata e in quella della famiglia di Rapha, in un gioco pericoloso dove è sempre più difficile distinguere la realtà dalle suggestioni fuorvianti della narrazione scritta.

Ozon ci porta "Nella casa", acuto thriller sulla creatività - nella casaF2 - Gay.it

Liberamente tratto dalla pièce ‘Il ragazzo dell’ultimo banco’ dello spagnolo Juan Mayorga di cui Ozon cambia il finale, è una sorta di rivisitazione postmoderna del “Teorema” pasoliniano (Claude seduce o è sedotto platonicamente da tutti i personaggi, e anche il giovane Rapha si invaghisce di lui) ma in zona Woody Allen – toni lievi, dialoghi brillanti sulla vita di coppia, apparizioni ectoplasmatiche di personaggi – di cui è citato esplicitamente il tesissimo e splendido “Match Point”. Tanto più che Ozon ora ha in comune con l’autore stracult newyorchese anche gli intensi ritmi di lavorazione: praticamente un film all’anno. La bravura di Ozon sta però nell’inserire temi a lui cari come il doppio (le due gemelle della galleria, i due Rapha padre e figlio), la disfunzionalità celata dei codici della famiglia borghese, l’ambiguità sessuale (occhio alle bizzarre opere d’arte gender esposte nel Labirinto del Minotauro: bambole gonfiabili con teste di dittatori e svastiche dai bracci fallici), senza appesantire l’impiantito teorico di un film in realtà piuttosto cerebrale, rendendolo anzi scorrevole e piacevolmente intrigante.

Ozon ci porta "Nella casa", acuto thriller sulla creatività - nella casaF3 - Gay.it

È un piacere ritrovare poi due abili attrici spesso abbinate a ruoli glaciali come Kristin Scott Thomas e Emmanuelle Seigner calate nei panni di mogli e/o madri umanissime e alle prese con quotidiane frustrazioni e infelicità.
Così come Claude riesce a percepire “l’odore così singolare delle donne della classe media”, nello stesso modo Ozon riesce a trasmettere lo spirito di una società borghese colma di contraddizioni e conflitti ma in cui la passione per la cultura letteraria può ancora offrire un senso profondo al piacere denso di significati dell’essere spettatori di una bella storia, ben diretta e interpretata.
Da vedere.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy - ecnv mommy - Gay.it

10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy

Cinema - Federico Boni 24.5.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24

Leggere fa bene

I film LGBTQIA+ della settimana 8/14 aprile tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 8/14 aprile tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 8.4.24
Close to You, recensione. Il ritorno di Elliot Page, tanto atteso quanto deludente - close to you 01 - Gay.it

Close to You, recensione. Il ritorno di Elliot Page, tanto atteso quanto deludente

Cinema - Federico Boni 19.4.24
Liarmouth, Aubrey Plaza di The White Lotus nel primo film di John Waters dopo 20 anni - Aubrey Plaza - Gay.it

Liarmouth, Aubrey Plaza di The White Lotus nel primo film di John Waters dopo 20 anni

Cinema - Redazione 28.2.24
Golden Globe 2024, pioggia di nomination LGBTQIA+. Da Compagni di Viaggio a Barbie, Rustin e Maestro - golden globe 2024 - Gay.it

Golden Globe 2024, pioggia di nomination LGBTQIA+. Da Compagni di Viaggio a Barbie, Rustin e Maestro

Cinema - Federico Boni 12.12.23
Berlino 2024, i vincitori del Teddy Award. All Shall Be Well miglior film LGBTQIA+ - All Shall Be Well - Gay.it

Berlino 2024, i vincitori del Teddy Award. All Shall Be Well miglior film LGBTQIA+

Cinema - Federico Boni 26.2.24
Elliot Page: "Hollywood è tossica. La comunità LGBTQIA+ non è una nicchia" - close to you 01 - Gay.it

Elliot Page: “Hollywood è tossica. La comunità LGBTQIA+ non è una nicchia”

Cinema - Redazione 19.3.24
Domenico Cuomo

Domenico Cuomo, dal piccolo al grande schermo: “La mia passione per il cinema nasce da bambino”

Cinema - Luca Diana 21.12.23
I film LGBTQIA+ della settimana 22/28 gennaio tra tv generalista e streaming - film lgbtqia gennaio 2024 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 22/28 gennaio tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 22.1.24