Perché (ri)scoprire Monique Wittig: tra corpo lesbico e politica

Il rivoluzionario libro della scrittrice torna in Italia con nuova edizione più attuale che mai. Ne parla Chiara Valerio su Repubblica.

ascolta:
0:00
-
0:00
Monique Wittig
Monique Wittig
2 min. di lettura

Questo 17 Febbraio 2023 torna in Italia ‘Il corpo lesbico’, testo rivoluzionario della saggista Monique Wittig, tradotto nel 1976 per le Edizioni delle donne da Elisabetta Rasy e Christine Bazzi e riproposto in nuova traduzione a cura di Deborah Ardilli, per VandA edizioni.

Come scrive Chiara Valerio su Repubblica, un testo “scritto troppo presto” ma in grado di scuotere gli animi nel 1966 come negli anni Novanta, quando Valerio ha iniziato a leggerlo al liceo alla ricerca di un libro che dicesse qualcosa di sé, e si è sentì “straniata e spatriata“. Ma ancora di più oggi, ribadendo la modernità e l’attualità dei suoi temi ad una generazione di lettori e lettrici ancora più consapevoli del 1976.

corpo lesbico
Il corpo lesbico nella sua nuova edizione per vAnda edizioni

Autrice anche di L’opoponax, romanzo su due ragazze innamorate negli anni Sessanta (anche questo in arrivo con una nuova edizione firmata Ilaria Piperno), per Wittig il corpo lesbico non era solo orientamento sessuale, ma strumento politico per rimettere in discussione tutti quei dogmi precostituiti che la società continua a cucirci addosso come verità assolute: ancor prima che entrasse al centro del dibattito odierno, la scrittrice – scomparsa il 3 Gennaio del 2003 – si interrogava sull’uso dei pronomi, il costrutto dei generi, e si rifiutava di considerare il maschile ‘un neutro universale’.

Nelle parole della nuova (splendida) copertina il corpo lesbico è “bava, saliva, moccio, sudore, lacrime, cerume, urina, feci, sangue, secrezioni, pus“. In un’epoca che pur senza l’abuso di termini come fluido o queer, cominciava a smantellare “i generi grammaticali” e intaccare “le gabbie di genere nella società”.

Tutto dalla mente di una donna cresciuta da una famiglia conservatrice di Danmerie, che voleva essere chiamata ‘scrittore’ e nelle parole di Nathalie Sarraute, avremmo ricordato ancora “tra venti o trenta anni”.

Valerio scrive della stessa donna che nel 1976 inaugurava la nascita del movimento femminista francese, deponendo “una corona di fiori alla memoria della moglie del milite ignoto“, ai piedi dell’Arc de Triomphe, e sei anni più tardi lasciava la Francia, allontanandosi dalle compagne e continuando a mettere in discussione quell’eterosessualità che non poteva più essere norma.

Monique Wittig
Monique Wittig

Chi leggerà il libro oggi troverà un testo diverso da quello che ho letto io” scrive Valerio, parlando di un testo “trionfante” in grado di mischiare i generi e rompere la grammatica, ma soprattutto in grado di mutare nel tempo, cambiare, ed evolversi insieme alla società e l’essere umano.

Ed è proprio peer questo che nel 2023, questo corpo è ancora più urgente che mai: “In un mondo dove noi non esistiamo se non ridotte al silenzio, dobbiamo, in senso proprio nella realtà sociale e in senso figurato nei libri, che ci piaccia o no, costituire noi stesse… in un’epoca in cui gli eroi sono passati di moda, diventare eroiche nella realtà, epiche nei libri”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

News - Francesca Di Feo 22.6.24
aggressione-foggia-intervista

Foggia, parla Alessandro, vittima dell’aggressione: “Trasformiamo la violenza in sogno” – intervista

News - Francesca Di Feo 21.6.24
Cosa significa Rainbow Washing_

Cos’è il rainbow washing, quali forme assume e come evitarlo

News - Francesca Di Feo 20.6.24
Carmine Alfano sospeso dall'Università dopo le frasi omofobe si ritira dal ballottaggio di Torre Annunziata - Carmine Alfano 2 - Gay.it

Carmine Alfano sospeso dall’Università dopo le frasi omofobe si ritira dal ballottaggio di Torre Annunziata

News - Redazione 21.6.24
Fabio Marida Damato Chiara Ferragni Diletta Leotti Elodie

Chiara Ferragni e Fabio Maria Damato insieme al matrimonio tra Diletta Leotta e Loris Karius

Lifestyle - Mandalina Di Biase 23.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

Re Giacomo I d'Inghilterra era davvero gay? La storia vera dietro la serie Mary & George - Mary and George - Gay.it

Re Giacomo I d’Inghilterra era davvero gay? La storia vera dietro la serie Mary & George

Serie Tv - Federico Boni 21.3.24
donne-lesbiche-guadagnano-di-piu

Le lesbiche guadagnano di più delle donne etero a causa degli uomini

News - Francesca Di Feo 10.1.24
Sisters, arriva il libro autobiografico di Paola e Chiara Iezzi - Sisters arriva il libro biografico di Paola e Chiara Iezzi - Gay.it

Sisters, arriva il libro autobiografico di Paola e Chiara Iezzi

Culture - Redazione 7.2.24
Libri LGBT, cinque novità in libreria nella primavera 2024 - Libri LGBT primavera 2024 - Gay.it

Libri LGBT, cinque novità in libreria nella primavera 2024

Culture - Federico Colombo 8.5.24
I prigionieri che indossano triangoli rosa sulle loro uniformi vengono fatti marciare all'aperto dalle guardie naziste a Sachsenhausen.

Il Giorno della Memoria: un’occasione per rompere il silenzio

Culture - Alessio Ponzio 24.1.24
Dare la vita: il testamento queer di Michela Murgia - Sessp 18 - Gay.it

Dare la vita: il testamento queer di Michela Murgia

Culture - Federico Colombo 9.1.24
turchia-libri-censura

Turchia, libri su teorie riparative e correlazione tra omosessualità e pedofilia negli scaffali delle biblioteche pubbliche

News - Francesca Di Feo 5.2.24
Libri LGBTI aprile 2024

Marinai e cowboy, gatti magici e creature degli abissi, serpenti, donne, uomini e bambini: le novità LGBTI+ in libreria

Culture - Federico Colombo 27.3.24