Posta Svagata: “Come sentirsi abbastanza?”

Come si diventa adulti? Come smettere di confrontarci agli altri?

ascolta:
0:00
-
0:00
posta svagata
posta svagata
2 min. di lettura

Per scrivere a Posta Svagata, manda un’email a:
postasvagata at gay.it


Ho 26 anni. Sono in ritardo con la magistrale e fatico a concludere gli studi. Sento la pressione di farmi pagare gli studi dai miei e questo mi genera sensi di colpa (e deconcentra di più).  I miei coetanei si laureano, trovano subito il lavoro che desiderano, e fidanzarsi. So che non dovrei fare confronti e non sappiamo mai davvero cosa succede dall’altra parte, ma sembra tutto così facile da fuori, e io fatico a capire cosa mi piace, mi sento terribilmente insicuro, e ogni giorno mi sento più inadeguato della media. Come si diventa adulti? Come smettere di confrontarci agli altri? Quando inizierò a sentirmi abbastanza?
(Anonimo, Firenze)

 

Come ci si sente abbastanza? A dirti la verità ancora non lo so.

All’alba dei miei 29 anni mi sembra di vedere persone che lavorano meglio di me, scrivono meglio di me, cucinano meglio, amano meglio. Quando vedo qualcunə vivere meglio di me vorrei fermarlə e chiedere: come fai tu? Come studi? Cosa mangi? Come ti innamori? Insegnami la formula perché io non la conosco.

Confrontarsi con gli altri è una trappola dov’è troppo facile cadere, e non importa quante volte ci hanno detto di non farlo.

Gli altri ci nutrono, guidano, e rassicurano offrendoci un esempio precostruito da seguire, con la speranza di farne parte anche noi e non perderci per strada.

Il paragone è sano fin quando non ci demotiva e butta giù, e all’improvviso ci accorgiamo che quel percorso è più incoerente, tortuoso, e sfiancante del previsto. Soprattutto non tuttə sanno percorrerlo allo stesso modo.

Perché anche agli altri seguono un modello ad hoc per renderci operativə, produttivə, e “bravə” secondo dei criteri ben precisi, e chi non rispetta le aspettative rimane indietro.

È facile sentirsi inadeguatə quando la maggioranza ti dice che c’è un solo modo di stare al mondo e non contempla alternative.

Ma quel modello universale inizia ad inclinarsi, e siamo tuttə più stancə, stufə, e confusə di quanto vorrebbero farci credere.

E se gli ingranaggi della macchina non funzionassero più? Che succede quando ci fermiamo?

Lo so, ti sto fornendo più domande che risposte e capisco sia davvero difficile spegnere gli altoparlanti e andare avanti senza farsi influenzare da un mondo che continua a misurare quanto vai veloce.

Ma rallentare non è un fallimento, bensì un atto d’umanità verso il tuo corpo che non va a benzina.

Non demonizzare le tue debolezze, ma raccontale, fai sapere agli altri come stai, e se nessunə vuole ascoltarti trasferiscile su carta, scrivile nelle note del telefono, mettile in ordine, memorizzale fino a stufarti, osservale dall’esterno finché non faranno più paura.

Non puoi fare a meno degli altri, ma puoi scegliere chi guardare: chi ti motiva e chi ti blocca, chi ti trasmette la sicurezza a continuare e chi ti angoscia da immobilizzarti.

Si diventa adultə piangendo tutte le tue lacrime senza vergognartene, alzando la mano per chiedere aiuto quando ne hai bisogno, e mostrandoti vulnerabile davanti una società che vorrebbe telecomandarti.

Fermarti non è un fallimento, ma uno step necessario per comprendere a quale ritmo vuoi andare.

Talvolta questo è abbastanza.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
robert80 7.5.23 - 22:21

Bellissimo articolo. Molto condivisibile. Complimenti.

Trending

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24

Leggere fa bene

posta svagata (sesso anale)

Posta Svagata: “Ho paura di fare sesso anale?”

Guide - Riccardo Conte 25.11.23
posta svagata: come conquisto il vicino?

Posta Svagata: “Come faccio colpo sul vicino?”

Guide - Riccardo Conte 9.12.23
AM I OK? (2022)

Posta Svagata: “Lə coinquilinə si sono fidanzatə, e ora io?”

Guide - Riccardo Conte 27.1.24
Posta svagata: e se rimarrò da solo per sempre?

Posta Svagata: Rimarrò solo per sempre?

Guide - Riccardo Conte 13.1.24
Spoiler Alert (2022)

Posta Svagata: “Lui vuole andare a convivere ma io no?”

Guide - Riccardo Conte 10.2.24
posta svagata: come sopravvivere alle feste?

Posta Svagata: “Come sopravvivere alle feste natalizie?”

Guide - Riccardo Conte 23.12.23