“Questi fr*ci ammazzano i fascisti”: i guerriglieri LGBT anti-ISIS

Froci, queer e trans, fieri e combattenti. Nasce il primo gruppo LGBTQI+ di guerriglia contro ISIS e capitalismo, nel bel mezzo della guerra in Siria.

"Questi fr*ci ammazzano i fascisti": i guerriglieri LGBT anti-ISIS - gay anti isis thumb - Gay.it
3 min. di lettura

“These faggosts kill fascists”, letteralmente “questi froci ammazzano i fascisti”. Con questo striscione, una Rainbow Flag e una bandiera in campo rosa con un AK-47 al centro sormontato da una “A” anarchica, si è presentato ieri al mondo il battaglione TQILA.

Operante nella Rojava, regione curda della Siria, è un sottogruppo dell’IRPGF (International Revolutionary People’s Guerrilla Forces), realtà anarchica di guerriglia contro il Daesh (nome arabo per ISIS) e contro le forze capitaliste e imperialiste.

gay_anti_isis_kurdistan_001

Il manifesto del TQILA (Queer Insurrection and Liberation Army) recita: “L’IRPGF annuncia la nascita del sottogruppo TQILA, composto da compagn* LGBT*QI+ per distruggere il binarismo di genere e sostenere la rivoluzione delle donne così come la più ampia rivoluzione dei generi e della sessualità”. Una realtà, dunque, che ha al centro la lotta per la liberazione delle persone LGBTQI+ che va di pari passo con quella della libertà delle donne. Il tutto in Siria (ma anche in Iraq), dove ISIS perseguita le persone omosessuali e perpetra le politiche di sottomissione delle donne e la dominazione patriarcale dell’uomo.

gay_anti_isis_kurdistan_003

Armati, in tuta mimetica e col volto coperto: sono queste e questi i combattenti del TQILA, lesbiche, gay, trans*, queer, intersex e persone non binarie, insieme alle compagne e ai compagni di quel fronte di liberazione della Siria che sta combattendo contro l’ISIS e contro il governo Turco. Non si conoscono i numeri che compongono il sottogruppo per una questione di sicurezza dello stesso, come raccolto da Newsweek.com. Per quanto agli occidentali possa dare un senso di stranezza, la nascita di questo gruppo è perfettamente in armonia con il contesto di provenienza. In Siria sono svariati i gruppi e le organizzazioni che stanno combattendo contro ISIS, dove la coalizione più ampia si trova sotto la sigla SDF, ovvero le Syrian Democratic Forces. Le principali organizzazioni sono la YPG e la YPJ, rispettivamente Unità di Difesa delle Donne e Unità di Protezione del Popolo. Nella Rojava sta avvenendo un esperimento sociale per costruire una società antipatriarcale e senza discriminazioni basate sul genere, sull’identità di genere e sull’orientamento sessuale, nel bel mezzo di una guerra terribile (dove l’SDF combatte, con le sole proprie forze, contro eserciti finanziati e sostenuti dai governi).

gay_anti_isis_kurdistan_002

In quella che è l’intervista più completa all’IRPGF (qui tradotta in italiano), viene tratteggiato come sia complesso riuscire a far crescere un progetto sociale all’interno di questo scenario di guerra: “Per un’unità è difficile organizzare e portare avanti progetti sociali quando è impegnata nella lotta armata e manca di risorse in termini di personale ed infrastrutture – spiega un a fonte dell’IRPGF a CrimethInc.com – Alcuni nostri compagni, prima di venire qui, hanno lavorato nella società civile e sono stati attivi nel creare nuove iniziative che siano al contempo sostenibili e fattibili. Questo ci consentirà di impegnarci nei nostri rispettivi impegni: nella lotta armata e nella rivoluzione sociale”.

gay_anti_isis_faggots_kill_fascist

Lotta armata e rivoluzione sociale, questi i due elementi che s’incontrano anche nel progetto del primo gruppo armato LGBTQI+, che, tra le altre, sostiene le lotte delle persone perseguitate nel mondo dai fondamentalismi religiosi. In particolare, si menzionano gli attacchi da parte delle realtà cristiane integraliste alle persone LGBTQI+ nel Mondo, come accade in Italia da parte di gruppi come Il Popolo della Famiglia, con al fianco Milita Christi, Forza Nuova, Casapound, Lega Nord e Fratelli d’Italia. Froci antifascisti armati, queer e persone trans che partecipano alla guerriglia contro ISIS. Un trend, quello di intersecare le lotte, che attraversa svariate parti del globo e che assume varie forme a seconda del contesto, come accaduto al Milano Pride, per fare un esempio totalmente differente ma afferente alla stessa area, dove le lotte LGBTQI+ si sono incrociate con quelle delle persone migranti.

gay_flag_anti_ISIS

Fonti: Newsweek.com; Umanitanova.org; Twitter.com

Leggi il manifesto cliccando qui!

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Andrea Pizzocaro 26.7.17 - 18:53

Fake News https://mobile.almasdarnews.com/article/no-homosexual-unit-fighting-isis-raqqa-sdf-media-center/

Trending

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
L'artista marziale Bryce Mitchell istruirà suo figlio a casa perché "a scuola diventerebbe gay" (VIDEO) - Bryce Mitchell - Gay.it

L’artista marziale Bryce Mitchell istruirà suo figlio a casa perché “a scuola diventerebbe gay” (VIDEO)

Corpi - Redazione 24.5.24

Continua a leggere

I prigionieri che indossano triangoli rosa sulle loro uniformi vengono fatti marciare all'aperto dalle guardie naziste a Sachsenhausen.

Il Giorno della Memoria: un’occasione per rompere il silenzio

Culture - Alessio Ponzio 24.1.24
donne del 25 aprile

Le donne del 25 aprile: combattenti mai più dimenticate

Culture - Riccardo Conte 24.4.24
Leo Gullotta: "Il Governo Meloni non mi piace. Lei è una donna furba attorniata da fascisti, vuole comandare" (VIDEO) - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta: “Il Governo Meloni non mi piace. Lei è una donna furba attorniata da fascisti, vuole comandare” (VIDEO)

Culture - Redazione 13.3.24
Serena Bortone, chesarà...

La Rai censura il monologo di Antonio Scurati: ecco tutto quello che è successo nelle ultime ore

Culture - Luca Diana 21.4.24
Liberazione 25 Aprile

Il Fascismo è ancora tra noi: non ci fermeremo, non ci fermeranno. Buona Liberazione a tuttə!

Culture - Giuliano Federico 25.4.24
Libri omocausto Gay.it

Storie dall’omocausto: cinque libri per saperne di più

Culture - Federico Colombo 24.1.24
Alessandro Zan Elezioni Europee PD Collegio Nord Est Nord Ovest

“Contro i neofascismi, per un’Europa antifascista” Alessandro Zan candidato PD alle Elezioni Europee

News - Redazione Milano 23.4.24
Omosessuali e Omocausto cancellati dal Ministero dell'Istruzione per la Giornata della Memoria - omocausto circolare ministero istruzione giornata memoria - Gay.it

Omosessuali e Omocausto cancellati dal Ministero dell’Istruzione per la Giornata della Memoria

News - Francesca Di Feo 25.1.24