Scarlett Johansson rivendica il ruolo transgender (poi rifiutato): “devo essere libera di interpretare anche un animale”

L'attrice americana, travolta dalle polemiche, ha poi chiesto scusa. Frasi pubblicate "prese fuori dal contesto".

Scarlett Johansson rivendica il ruolo transgender (poi rifiutato): "devo essere libera di interpretare anche un animale" - Scarlett Johansson - Gay.it
2 min. di lettura

Diva Marvel, con un film interamente dedicato alla sua Vedova Nera a breve in arrivo, Scarlett Johansson è inciampata in dichiarazioni che hanno presto fatto il giro del web, scatenando indignazione.

Un anno fa l’attrice rifiutò, dopo averlo inizialmente accettato, il ruolo del boss transgender Dante “Tex” Gill in Rub and Tug. Perché far interpretare un uomo trans a una diva di Hollywood? Questo il quesito che aveva preso forza, soprattutto on line, portando Scarlett a fare un passo indietro. Ora, passato un anno, la Johansson è tornata su quella decisione, dalle pagine di AS IF Magazine.

Sapete, come attrice, credo che dovrei essere libera di interpretare qualsiasi persona, o albero, o animale, perché è il mio lavoro ed è quello che esso richiede. Sento che in questo ambito sta nascendo una tendenza che ha necessità di esistere per svariate ragioni sociali. Tuttavia ci sono momenti in cui diventa scomodo quando colpisce l’arte, perché credo che l’arte debba essere libera da ogni restrizione. Credo che la società potrebbe essere più connessa se solo permettessimo agli altri di avere i propri sentimenti senza aspettarci che ognuno si senta come ci sentiamo noi.

Non l’avesse mai detto. Quella primissima parte, in cui di fatto paragona un personaggio transgender a un animale e a un albero, si è presto tramutata in boomerang. Eppure Scarlett aveva rilasciato anche dichiarazioni di vicinanza alla comunità LGBTQ: “La nostra comprensione sul mondo e la cultura LGBTQ sta avanzando, ho grande ammirazione e affetto per tutte le comunità e sono felice che ad Hollywood si stia continuando a porsi il problema di rappresentarle“. Frasi passate in secondo piano, dinanzi a quel raffronto di partenza, tanto da costringere la diva americana ad una rettifica notturna.

L’intervista che è stata recentemente pubblicata è stata modificata per fare incetta di click, in quanto ampiamente estrapolata dal contesto. La domanda a cui stavo rispondendo nella mia conversazione con David Salle riguardava il confronto tra correttezza politica e arte. Personalmente ritengo che, in un mondo ideale, qualsiasi attore dovrebbe essere in grado di interpretare chiunque e che l’arte, in tutte le sue forme, dovrebbe essere immune dal politicamente corretto. Questo è il punto che stavo tenendo. In realtà riconosco che c’è una discrepanza diffusa ad Hollywood che favorisce gli attori di genere caucasici, e che non a tutti gli attori sono state date le stesse opportunità che ho avuto io. Continuerò a sostenere la diversità in ogni settore e continuerò a lottare per progetti in cui tutti siano inclusi.

Polemica archiviata?

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Roberto Vannacci e Marco Mengoni a Sanremo con un pantalone di Fendi

Vannacci attacca il Pride e irride Marco Mengoni per la gonna che è un pantalone

News - Giuliano Federico 1.3.24
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24
Bledar Dedja sarebbe stato ucciso dopo aver incontrato un 17enne via Grindr

Perché il 17enne ha ucciso il 39enne Bledar Dedja adescato su Grindr e qual è il movente?

News - Redazione Milano 29.2.24
stati-uniti-transfobia-omofobia-antisemitismo-e-suprematismo-bianco-dilagano-nelle-fila-del-partito-repubblicano (2)

Stati Uniti: transfobia, omofobia, antisemitismo e suprematismo bianco dilagano nel Partito Repubblicano

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il messaggio di Federico Massaro per il fratello transgender

Culture - Luca Diana 29.2.24

Hai già letto
queste storie?

palestina lgbtiq

Come vivono le persone LGBTIQ+ a Gaza e nei Territori Palestinesi

News - Redazione Milano 13.11.23
ursula-von-der-layen

L’inquietante silenzio di Von Der Leyen sui temi LGBTQIA+ nell’ultimo State of the Union prima delle Europee 2024

News - Francesca Di Feo 13.9.23
gavin-newsom-elezioni-stati-uniti

Chi è Gavin Newsom, pioniere dei diritti LGBTIQ+ che potrebbe sostituire Biden e correre contro Trump alle elezioni USA 2024

News - Francesca Di Feo 29.9.23
aosta pride 2024, 12 ottobre

Aosta Pride 2024: il 12 ottobre

News - Redazione 15.1.24
ragusa pride 2024, il 29 giugno

Ragusa Pride 2024: il 29 giugno

News - Redazione 22.1.24
Marius Madalin Musat e Jonathan Bazzi

Jonathan Bazzi “Cos’ha Milano di inclusivo e anticlassista?”, aggredito in Porta Venezia con il suo compagno Marius Madalin Musat

News - Redazione Milano 4.1.24
Giocattoli gender neutral

Finalmente arriva la sezione per giocattoli gender neutral

News - Redazione Milano 4.1.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24