Torino: il triangolo rosa diventa panchina in memoria dell’Omocausto

Affollata inaugurazione nel cortile interno del Museo Diffuso della Resistenza di Torino della panchina rosa progettata dall’architetto Corrado Levi in ricordo delle vittime gay nei lager nazisti.

Torino: il triangolo rosa diventa panchina in memoria dell'Omocausto - panchina rosa 1 - Gay.it
3 min. di lettura
Torino: il triangolo rosa diventa panchina in memoria dell'Omocausto - panchina rosaF1 - Gay.it

Era stracolma, ieri pomeriggio, la sala conferenze del Museo Diffuso della Resistenza di Torino in occasione dell’inaugurazione, nel cortile interno, della panchina rosa triangolare progettata dall’architetto Corrado Levi in memoria delle vittime omosessuali nei Lager nazisti. Ideata nel 1989, è stata presentata al PAC di Milano, alla fiera “Abitare il tempo” e alla GAMEC di Bergamo, quindi donata dall’artista al Museo della Resistenza. È il primo monumento che la città di Torino dedica alle vittime omosessuali delle persecuzioni nazifasciste e tra i pochi presenti sul territorio nazionale. L’inaugurazione della panchina rosa, avvenuta del Giorno della Memoria dedicato alle vittime dell’Olocausto, è stata accompagnata dai canti del coro La Gerla presso il porticato del Museo e nel cortile interno.
“Parliamo di un pezzo importante della Resistenza, spesso trascurato, ma ci riporta all’oggi – ha spiegato il direttore del museo Guido Vaglio – infatti il tema dei diritti lgbt è molto attuale. Levi non voleva un monumento che apparisse fisso e distante: anche il Museo evita di presentare una memoria imbalsamata ma viva e di confronto”.

Torino: il triangolo rosa diventa panchina in memoria dell'Omocausto - panchina rosaF3 - Gay.it

“Il dono della panchina rosa è molto significativo – ha continuato Mariagiuseppina Puglisi, assessore alle Pari Opportunità della Provincia di Torino -. Il pensiero nazista trovò l’aspetto più tragico nell’orrore eterno dell’Olocausto e la minoranza di omosessuali, lesbiche e transessuali fu considerata inferiore come i popoli slavi. Le persecuzioni iniziarono a partire dal 1933 in cui ci furono i primi internati. I numeri non sono concordi, si parla di circa 7000 gay ma la mortalità era del 60% e due terzi di loro morirono nel primo anno di prigionia. Ci fu anche un alto numero di suicidi. I triangoli rosa non acquistarono subito la libertà: gli americani li considerarono criminali comuni (riconoscibili nei lager dal triangolo verde mentre le lesbiche avevano quello nero come le prostitute, n.d.r.) e a migliaia furono sottoposti alla sterilizzazione forzata. Spero che questo dono serva a ricordare il passato ma sia anche un monito per il presente e il futuro”.
“Ringraziamo Corrado Levi per la panchina rosa – ha fatto eco Mariacristina Spinosa, assessore alle Pari Opportunità della Città di Torino – anche perché sarà meta di sosta per molte scolaresche. I recenti fatti della federazione Russa con disposizioni restrittive riguardo a ogni attività gay e lesbica sono da rigettare a livello internazionale. Bisogna globalizzare i diritti: questa negazione sta avvenendo in molti stati”.

Torino: il triangolo rosa diventa panchina in memoria dell'Omocausto - panchina rosaF2 - Gay.it

È stata quindi letta da Angela Mazzoccoli la dichiarazione di otto sopravvissuti gay nel cinquantenario della liberazione in cui si ricorda che il famigerato Paragrafo 175 che criminalizzava ogni rapporto omosessuale restò valido fino al 1969 (spesso sul triangolo rosa cucito sulla giacca dei deportati era scritto ‘175’ per facilitare il riconoscimento a distanza) e che nessun gerarca nazista è stato riconosciuto colpevole di crimini nei confronti degli omosessuali.
Il Codice Rocco italiano in realtà non aveva norme esplicite contro i gay in quanto per Mussolini gli italiani erano immuni dal ‘turpe vizio’: le pene in ordine di gravità era diffida, ammonizione e confino. “Per gli omosessuali non ci fu soluzione finale – ricorda lo storico Claudio Vercelli – ma trattamento definitivo. I regimi totalitari sono monosessuali. È vergognoso che un certo signore oggi dica che Mussolini, dopotutto, non ha fatto tanto male”.
“Sono per gli oggetti attivi, usufruibili e vitali – ha quindi concluso Corrado Levi, autore della panchina rosa -. Anche ad Amsterdam c’è un monumento triangolare simile su cui ci si può sedere. Vorrei ricordare il grande impegno per i diritti dei gay di Angelo Pezzana a Torino e di Mario Mieli a Milano. Mi raccomando, usate la panchina: non lascia i vestiti color rosa!”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Roberto Tarozzo 22.2.20 - 10:20

Il famoso "Triangolo Rosa" di Torino, il locale di tendenza degli anni 70 ritornerà presto, stiamo cercando il luogo giusto. Il simbolo forte di questa immagine rimarrà per sempre un'icona dei diritti civili. www.triangolorosa.com

Trending

Mahmood è in tour in Europa per presentare l'album "Nei letti degli altri"

Mahmood più libero che mai sul palco, il suo tour strega l’Europa e “Tuta gold” conquista il triplo disco di platino

Musica - Emanuele Corbo 9.4.24
Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24
Artur Dainese, Isola dei Famosi 2024

Isola dei Famosi 2024, la storia di Artùr Dainese: “A 16 anni sono venuto in Italia. Mi sentivo solo”

Culture - Luca Diana 16.4.24
Transgender triptorelina

Germania, approvata legge sull’autodeterminazione: “Le persone trans esistono e meritano riconoscimento”

News - Redazione 15.4.24
Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24
Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: "Ti amo immensamente" - heartstopper bradley riches engagement - Gay.it

Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: “Ti amo immensamente”

Culture - Redazione 11.4.24

Hai già letto
queste storie?

torino i genitori non accettano l'omosessualità lui tenta il suicidio

Nichelino, coppia gay perseguitata dopo l’unione civile

News - Redazione 22.11.23
india-pranshu-influencer-morto-suicida

Addio Pranshu, a 16 anni si è tolto la vita, ucciso dal cyberbullismo omobitransfobico

News - Francesca Di Feo 27.11.23
Odio LGBTIAQ social network

L’odio social verso la comunità LGBTQIA+ ha conseguenze nella vita reale, ma Meta, X e TikTok non fanno abbastanza per arginarlo

News - Francesca Di Feo 25.1.24
dritto e rovescio

Questi uomini non sono mostri, ma figli del patriarcato: le parole di Elena Cecchettin

News - Riccardo Conte 20.11.23
Russia, il primo caso di "estremismo LGBTQIA+" finirà in tribunale: arrestati manager e direttrice del club queer Pose - VIDEO - russia club pose orenburg - Gay.it

Russia, il primo caso di “estremismo LGBTQIA+” finirà in tribunale: arrestati manager e direttrice del club queer Pose – VIDEO

News - Francesca Di Feo 22.3.24
panchina-arcobaleno-cavirago-reggio-emilia

Panchina arcobaleno imbrattata con svastiche e messaggi di odio: “Comunisti bast*rdi, morite”

News - Francesca Di Feo 6.11.23
USA, i crimini d’odio contro le persone trans e di genere non conforme sono aumentati del 33% nel 2022 - La transfobia istituzionale dilaga negli USA - Gay.it

USA, i crimini d’odio contro le persone trans e di genere non conforme sono aumentati del 33% nel 2022

News - Federico Boni 19.10.23
Scampia, omofobia di Pasqua. Sputi e sigarette spente addosso a 23enne: "Mi hanno chiamato r*cchiò" - omofobia - Gay.it

Scampia, omofobia di Pasqua. Sputi e sigarette spente addosso a 23enne: “Mi hanno chiamato r*cchiò”

News - Redazione 2.4.24