Tunisia, confermato il primo matrimonio gay, ma sarebbe un ‘errore amministrativo’

Nonostante l'atto sia valido e riconosciuto ufficialmente, c'è chi parla solo di un errore.

tunisia
2 min. di lettura

E’ stata una buona notizia il riconoscimento dell’unione tra due uomini, registrato all’anagrafe in Tunisia. Si tratta di un matrimonio celebrato in Francia tra un cittadino francese di 31 anni e un 26enne tunisino. Ma qualcuno parla di errore amministrativo. Andiamo con ordine.

L’associazione “Shams – per la depenalizzazione dell’omosessualità in Tunisia” ha diffuso la notizia condividendo anche la documentazione ufficiale, rispondendo a tono a chi aveva polemizzato contro la decisione di riconoscere la coppia anche in Tunisia, nonostante l’omosessualità sia reato.

A pubblicare le carte, è stato un personaggio molto conosciuto nel paese arabo: Mounir Baatour. Avvocato pubblicamente omosessuale, lo scorso anno si era candidato alle presidenziali, per essere poi escluso dalla campagna per delle cause mai chiarite. Ormai da tempo vive a Marsiglia, dopo aver ricevuto diverse minacce di morte.

Ma nonostante la lontananza dal suo Paese di origine, Baatour continua sempre il suo lavoro di attivista LGBT, spiegando all’ANSA che nonostante l’omosessualità non sia riconosciuta, la Tunisia non può fare nulla contro il riconoscimento del matrimonio gay, poiché scaduti i termini per ricorrere in appello.

L’errore amministrativo dietro il matrimonio gay in Tunisia

A parlare di errore amministrativo come modo per eliminare il riconoscimento del matrimonio gay in Tunisia è ministro degli Affari locali, Lofti Zitoun. Assicurando che il governo non ha assolutamente la volontà di legalizzare l’omosessualità e le coppie dello stesso sesso, ha già annunciato che richiederà un controllo per verificare se non è davvero possibile eliminare la trascrizione dall’anagrafe. Sottolinea inoltre che questo non è il primo matrimonio gay in Tunisia, bensì il secondo.

L’ANSA ha interpellato l’avvocato Giorgio Bianco dello studio Giambrone Law, al quale ha chiesto chi ne uscirà vincitore da questa controversia causata dalla burocrazia. Parla di un “errore amministrativo che risulta essere contrario ai valori costituzionali tunisini“, poiché non si può definire come un primo passo alla legalizzazione delle unioni LGBT.

In sostanza, dovrà essere la politica a fare il primo passo, prima di tutto eliminando l’omosessualità dal codice penale. Un percorso che appare molto difficile. Nonostante questo, i neo sposi potranno vivere, legalmente riconosciuti.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24
La Rappresentante di Lista, "Paradiso" è il nuovo singolo

La Rappresentante di Lista ci porta in “Paradiso” con il nuovo singolo. Ascolta l’anteprima

Musica - Emanuele Corbo 16.4.24
Amadeus, Sanremo Giovani 2023

Sanremo verso Mediaset, Amadeus in onda sul NOVE già a fine agosto con tre programmi

Culture - Mandalina Di Biase 18.4.24
Estranei di Andrew Haigh arriva su Disney+ - 003 001 S 02013 - Gay.it

Estranei di Andrew Haigh arriva su Disney+

Culture - Redazione 18.4.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri - Specchio specchio delle mie brame la sexy gallery social vip - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri

Culture - Redazione 16.4.24

Leggere fa bene

senegal corpo bruciato presunto gay

Senegal, riesumato e bruciato perché presunto gay e considerato “mezzo uomo e mezzo donna” – VIDEO

News - Giuliano Federico 31.10.23
ghana-disegno-di-legge-anti-lgbt-approvazione-marzo

Ghana, lo spietato disegno di legge anti-LGBTQIA+ verso l’approvazione a marzo

News - Francesca Di Feo 23.2.24
Ghana LGBTQ+

Ghana, a rischio 4 miliardi a causa della legge anti-LGBT. E il presidente non l’ha ancora firmata

News - Redazione 6.3.24
Thailandia verso il matrimonio egualitario

Thailandia, ad un passo il sì definitivo del Parlamento al matrimonio egualitario

News - Federico Boni 21.12.23
ghana-disegno-di-legge-anti-lgbt

“L’occidente vuole importare in Ghana il disturbo mentale dell’omosessualità”: il parlamentare Sam George difende la legge anti-LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 12.4.24
Kenya, miliardi in fumo se dovesse essere approvata la nuova legge omobitransfobica - Kenya Cov - Gay.it

Kenya, miliardi in fumo se dovesse essere approvata la nuova legge omobitransfobica

News - Federico Boni 9.11.23
Mahmood Tuta Gold Remake Video Still I Rise Nairobi

Mahmood, per ‘Tuta Gold’ ecco il remake video dei bambini di Nairobi

Musica - Mandalina Di Biase 28.3.24
uganda lgbt

L’Uganda e la legge anti-LGBTI, a nulla servono pressioni di USA e Banca Mondiale

News - Giuliano Federico 15.11.23