Ghana, lo spietato disegno di legge anti-LGBTQIA+ verso l’approvazione a marzo

Fallito il tentativo del deputato di maggioranza Alexander Afenyo-Markin di emendare l'articolo che inasprirà le pene detentive per i rapporti sessuali tra persone dello stesso sesso.

ascolta:
0:00
-
0:00
ghana-disegno-di-legge-anti-lgbt-approvazione-marzo
Tra i punti principali della proposta, la penalizzazione con fino a 10 anni di carcere di qualsiasi forma di promozione dei diritti della comunità LGBTQIA+ | Fonte foto IG
3 min. di lettura

In Ghana il controverso disegno di legge finalizzato a imporre restrizioni più severe sui diritti della comunità LGBTQIA+ nel paese africano è sempre più vicino all’approvazione – dopo aver superato mercoledì un’altra tappa dell’iter legislativo verso l’ok definitivo in parlamento.

La sua approvazione richiederà tuttavia non solo il consenso parlamentare, ma anche la ratifica del Presidente Nana Akufo-Addo, il quale finora non ha esplicitato la propria posizione a riguardo.

I sostenitori della proposta sono comunque determinati a conseguire l’approvazione del testo entro marzo, potendo contare sull’appoggio di una vasta coalizione che comprende leader ultraconservatori facenti parte della maggioranza di governo, figure di spicco delle comunità cristiane e musulmane, e altre influenti personalità dell’establishment ghanese.

Tra i punti principali della proposta, la penalizzazione con fino a 10 anni di carcere di qualsiasi forma di promozione dei diritti delle persone lesbiche, gay, bisessuali, transgender e di altre identità non conformi al paradigma ciseteronormativo che il Ghana intende consolidare – insieme a molti altri stati africani.

Attualmente, in Ghana – uno dei paesi partecipanti al vertice Italia-Africa che, ricordiamo, ha visto il nostro paese ospitare con gran garbo capi di 23 stati che criminalizzano le identità queer –  i rapporti omosessuali sono già sanzionati con pene detentive che possono arrivare fino a tre anni di carcere.

Tuttavia, secondo le nuove disposizioni previste dal disegno di legge in discussione, la pena potrebbe essere incrementata fino a cinque anni – un aspetto che il deputato di maggioranza Alexander Afenyo-Markin ha tentato di emendare senza successo proprio mercoledì.

Afenyo-Markin, che nelle scorse settimane aveva espresso dure critiche verso il disegno di legge anti-LGBTQIA+ insieme al cardinale Peter Tukson, aveva argomentato che l’introduzione di pene carcerarie per reati legati all’identità LGBTQIA+ sarebbe controproducente.

Secondo il deputato, punire con il carcere comportamenti o espressioni legate all’omosessualità e alla sua promozione non farebbe altro che allontanare la legislazione dagli obiettivi di riabilitazione e integrazione delle identità non conformi.

La situazione dei diritti LGBTQIA+ in Ghana

Proprio come accade in diversi altri paesi africani, la comunità LGBTQIA+ ghanese si trova ad affrontare una quotidianità segnata da discriminazione, stigma e, spesso, violenza, il tutto radicato in una cornice legislativa che penalizza le identità e gli orientamenti sessuali giudicati non conformi.

Anche l’ambiente socio-culturale è fortemente permeato dalle retoriche ultraconservatrici e integraliste religiose che, in larga misura, respingono le identità LGBTQIA+.

Negli ultimi anni, l’ondata di omobitransfobia che ha travolto il continente africano è arrivata anche qui, portando il governo ghanese a proporre uno dei disegni di legge più discriminatori al mondo.

La comunità internazionale ha più volte espresso preoccupazioni riguardo alla situazione, sollecitando il governo a rivedere le proprie posizioni per garantire la protezione dei diritti umani di tutti i cittadini, indipendentemente dall’orientamento sessuale o dall’identità di genere.

Pressioni che, tuttavia, si scontrano spesso con una forte spinta sovranista – i diritti LGBTQIA+ sono visti come un mero vezzo occidentale e l’ennesimo strumento di oppressione da parte di Europa e Stati Uniti e il desiderio di preservare le norme culturali tradizionali.

Quello del Ghana non è infatti un caso isolato: altri stati, come l’Uganda, il Burundi, il Kenya e la Nigeria – ma non solo – stanno attivamente lavorando per soffocare qualsiasi forma di dissenso da parte della comunità LGBTQIA+ locale verso l’inasprimento delle leggi che la criminalizzano.

Episodi di violenza e oppressione sono ormai all’ordine del giorno: l* attivist* vengono accoltellati per strada in pieno giorno, mentre gli stessi capi di stato inneggiano alla lapidazione verso gli omosessuali e l’Uganda emette la prima condanna a morte per omosessualità aggravata.

Un panorama preoccupante, dipinto nel dettaglio dall’ultimo report di Amnesty International che – senza mezzi termini – annuncia che la comunità queer africana si sta inesorabilmente avviando verso l’estinzione.

 

FIRMA LA PETIZIONE DI ALL OUT >

Una petizione è stata avvita già da tempo da All Out (che qui ha raccolto alcune testimonianze) per fermare l’approvazione del disegno di legge anti-LGBTIAQ+ in Ghana. “L’approvazione della legge anti-LGBT+ in Ghana è davvero un giorno buio –  spiega Linda Njiru, Responsabile delle campagne per l’Africa di All Out – si tratta di una grande battuta d’arresto per il perseguimento dell’uguaglianza e dei diritti umani nel continente. Con l’escalation di violenze e attacchi contro le persone LGBT+ in seguito all’approvazione di una legge simile in Uganda, la comunità LGBT+ del Ghana è sempre più in pericolo. Siamo solidali con gli attivisti e i membri della comunità ghanese che stanno vivendo il loro peggior incubo. La lotta per l’uguaglianza continua, non solo in Ghana ma in tutta l’Africa. Come comunità globale, dobbiamo opporci collettivamente a questa legislazione e continuare a impegnarci a sostenere i ghanesi LGBT+. Così facendo, potremmo salvare delle vite”.

FIRMA LA PETIZIONE DI ALL OUT >

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
BigMama Concertone Primo Maggio 2024

BigMama inarrestabile diventa conduttrice per il Concertone del Primo Maggio

Musica - Emanuele Corbo 15.4.24
Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: "Ti amo immensamente" - heartstopper bradley riches engagement - Gay.it

Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: “Ti amo immensamente”

Culture - Redazione 11.4.24
Mahmood è in tour in Europa per presentare l'album "Nei letti degli altri"

Mahmood più libero che mai sul palco, il suo tour strega l’Europa e “Tuta gold” conquista il triplo disco di platino

Musica - Emanuele Corbo 9.4.24
Angelina Mango è pronta per l'Eurovision Song Contest che si terrà a maggio in Svezia

Perché Angelina Mango può vincere Eurovision 2024

Musica - Emanuele Corbo 11.4.24
Dino Fetscher, vacanze d'amore a Roma con Chris Wilson. Le foto social - Dino Fetscher - Gay.it

Dino Fetscher, vacanze d’amore a Roma con Chris Wilson. Le foto social

Culture - Redazione 15.4.24

Hai già letto
queste storie?

russia lgbt estremisti

Russia, Corte Suprema dichiara estremista il movimento LGBT: escalation persecutoria

News - Redazione Milano 30.11.23
Jennifer Lopez, 5 milioni di dollari per cantare nell'omofoba Dubai. Pioggia di critiche - Jennifer Lopez - Gay.it

Jennifer Lopez, 5 milioni di dollari per cantare nell’omofoba Dubai. Pioggia di critiche

Musica - Redazione 13.2.24
ghana-cardinale-contro-disegno-di-legge-omofobo

Ghana, il Cardinale Turkson contro la legge anti-LGBTQI+: “L’omosessualità andrebbe capita, non criminalizzata”

News - Francesca Di Feo 29.11.23
orban ungheria

Come l’Ungheria è diventata illiberale, Orban e l’attacco alla democrazia

News - Lorenzo Ottanelli 1.2.24
albania-diritti-lgbtqia

Albania, tutte le promesse non mantenute dal governo in ambito di diritti LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 5.1.24
Russia, il primo caso di "estremismo LGBTQIA+" finirà in tribunale: arrestati manager e direttrice del club queer Pose - VIDEO - russia club pose orenburg - Gay.it

Russia, il primo caso di “estremismo LGBTQIA+” finirà in tribunale: arrestati manager e direttrice del club queer Pose – VIDEO

News - Francesca Di Feo 22.3.24
Deputata ugandese chiede la castrazione per i gay, gli USA le negano il visto per recarsi all'ONU - Sarah Achieng Opendi - Gay.it

Deputata ugandese chiede la castrazione per i gay, gli USA le negano il visto per recarsi all’ONU

News - Redazione 7.3.24
uganda-carceri-torture-detenut-lgbtqia

Uganda, torture aberranti verso lǝ detenutǝ LGBTQIA+: sanzioni dagli USA

News - Francesca Di Feo 11.12.23