Attivista LGBTQ+ tunisino brutalmente picchiato da agenti di polizia: “Hanno minacciato di uccidermi”

Badr Baabou ha subito una commozione cerebrale e diverse ferite al collo, alla gabbia toracica, agli occhi e al viso, ematomi e un trauma da corpo contundente di 2-4 centimetri alla testa e alla fronte.

Attivista LGBTQ+ tunisino brutalmente picchiato da agenti di polizia: "Hanno minacciato di uccidermi" - Badr Baabou - Gay.it
Badr Baabou selvaggiamente picchiato
2 min. di lettura

Il direttore di uno dei pochi gruppi LGBTQ+ tunisini è stato brutalmente picchiato da due uomini che si ritiene fossero agenti di polizia. Secondo quanto riportato da Human Rights Watch (HRW), Badr Baabou è stato attaccato il 21 ottobre nel centro di Tunisi alle pre 21:00. Baabou, che è il direttore dell’Associazione Damj per la giustizia e l’uguaglianza, stava tornando a casa in quel momento ha subito un’imboscata.

Uno degli aggressori indossava un giubbotto delle forze di sicurezza interna, mentre l’altro portava stivali della polizia, facendo credere a Baabou di essere ufficiali delle forze dell’ordine. La coppia gli ha rubato il portafoglio, la carta d’identità, il telefono e il laptop, contenente non poche informazioni riservate. Sono state presentate diverse denunce contro la polizia da parte di Baabou e dall’Associazione Damj, a nome di non poche persone LGBTQ+ che affermano di essere state aggredite dalle forze di sicurezza sin dalla sua creazione, nel 2005.

L’assalto a Badr Baabou è stato un pericoloso tentativo di mettere a tacere lui e altri attivisti per i diritti LGBT“, ha affermato Rasha Younes, ricercatrice di HRW. “Le autorità tunisine dovrebbero rispondere con urgenza alla denuncia di Baabou, indagare sull’incidente e ritenere gli aggressori responsabili“.

Parlando con HRW, Baabou ha detto che uno degli uomini gli ha messo lo stivale sul collo per farlo tacere. “Dopo che mi hanno spinto a terra e rubato i miei dispositivi, gli agenti di polizia mi hanno ripetutamente preso a pugni e calci“, ha spiegato. “Uno mi ha messo lo stivale sul collo in modo che smettessi di urlare. Non riuscivo a respirare“.

Quando qualcuno si è avvicinato per aiutarli, gli aggressori hanno intimato: “Siamo la polizia. Questo succede a chi insulta la polizia e sporge denuncia“. Baabou ha aggiunto che gli assalitori si sarebbero riferiti a lui citando il suo nome e cognome, minacciando di ucciderlo. Baabou ha subito una commozione cerebrale e diverse ferite al collo, alla gabbia toracica, agli occhi e al viso. Aveva anche ematomi e un trauma da corpo contundente di 2-4 centimetri alla testa e alla fronte, con il risultato che il suo medico gli ha ordinato di essere monitorato regolarmente per 15 giorni.

Gli attivisti e gli organizzatori LGBT non si sentono al sicuro per le strade della Tunisia“, ha spiegato Younes. “Le autorità tunisine hanno la responsabilità di indagare sull’attacco a Badr Baabou e garantire la sicurezza degli attivisti che stanno svolgendo un lavoro importante in un clima di intimidazione e violenza“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24
Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard - Xavier Dolan - Gay.it

Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard

News - Federico Boni 1.3.24
I SAW THE TV GLOW (2024)

I Saw The Tv Glow: guarda il trailer dell’attesissimo film horror trans* – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 29.2.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
Roberto Vannacci Paola Egonu Matteo Salvini

Vannacci sospeso dall’Esercito Italiano, Egonu lo querela, Salvini lo difende

News - Giuliano Federico 28.2.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24

Hai già letto
queste storie?

Pavel Lobkov

Mosca, giornalista mostra segni di aggressione “Così picchiano un fr**io”

News - Redazione Milano 2.1.24
100 giorni di esternazioni omobitransfobiche di Roberto Vannacci, da generale a Capo di Stato maggiore - roberto vannacci - Gay.it

100 giorni di esternazioni omobitransfobiche di Roberto Vannacci, da generale a Capo di Stato maggiore

News - Redazione 7.12.23
Manuel Aspidi, l’ex cantante di Amici vittima di omofobia social: "Dovete crepare, fate vomitare" - Manuel Aspidi 2 - Gay.it

Manuel Aspidi, l’ex cantante di Amici vittima di omofobia social: “Dovete crepare, fate vomitare”

Musica - Redazione 19.9.23
giugno 2021

Trento, violenza omofoba. Due giovani aggrediti e minacciati con un coltello

News - Redazione 3.11.23
Taylor Fritz, accuse di omofobia social. Cosa è successo e la replica del tennista - Taylor Fritz 1 - Gay.it

Taylor Fritz, accuse di omofobia social. Cosa è successo e la replica del tennista

Corpi - Redazione 21.2.24
pro-vita-manifesti-como-brescia

Pro Vita e Famiglia, nuovi manifesti “anti-gender” a Como e Brescia: la risposta di Arcigay

News - Francesca Di Feo 6.1.24
angelo duro omosessuale

Il monologo di Angelo Duro intriso di omofobia: gay che dovrebbero picchiare omofobi, r*cch*oni eccetera – VIDEO

Culture - Redazione Milano 31.10.23
panchina-arcobaleno-cavirago-reggio-emilia

Panchina arcobaleno imbrattata con svastiche e messaggi di odio: “Comunisti bast*rdi, morite”

News - Francesca Di Feo 6.11.23